ULTIME NOTIZIE Agenda
CANTONE
7 ore
Studiare e lavorare all'estero: due giorni di webinar gratuiti
Go International – OnLine Expo si svolgerà mercoledì 8 e giovedì 9 aprile
CANTONE
5 gior
Gli organizzatori musicali ticinesi uniti nella solidarietà
L'azione via social #unitedmusicticino vede collaborare diverse importante realtà nostrane a favore della Croce Rossa
CANTONE / SVIZZERA
1 sett
Salta anche la Festa danzante
L'edizione 2021 è già fissata dal 6 al 9 maggio
SVIZZERA
1 sett
Il Covid-19 (per ora) non ferma Montreux
Il celebre Jazz Festival dovrebbe tenersi comunque il prossimo 3-18 luglio: «Lavoriamo con speranza e umiltà»
LUGANO
1 sett
Niccolò Fabi slitta all'autunno
Gli show allo Studio Foce del cantautore romano sono stati spostati al mese di ottobre
LUGANO
1 sett
Concerto di Salmo spostato al 21 novembre
Il rapper avrebbe dovuto esibirsi questo weekend a Lugano
CHIASSO
2 sett
ChiassoLetteraria verrà spostato a settembre
Doveva tenersi questo maggio, lo annuncia il comitato organizzativo: «Decisione difficile»
CANTONE
2 sett
L'OSI si ferma fino alla fine di aprile
Anche l'esibizione del Venerdì Santo diretta da Diego Fasolis è stata annullata
SERRAVALLE
2 sett
Niente Sun Valley Festival quest'anno
L'evento era in programma a Malvaglia dal 29 al 31 maggio
CANTONE
2 sett
Vallemaggia Magic Blues, annunci e prevendite rinviati
Gli organizzatori prendono tempo a causa dell'emergenza coronavirus
SAN BERNARDINO
3 sett
Tutto quello che potete fare sulle nevi del San Bernardino
Gli impianti sono chiusi, sì, ma si può ancora ciaspolare e fare sci di fondo
AIROLO
3 sett
Airolo: sì, le piste sono chiuse ma si possono fare tante altre cose
Per esempio andare a fare una gita sui sentieri pedestri o mangiarsi qualcosa allo splendido La Stüa
CANTONE
3 sett
Il coronavirus "sgambetta" Panariello e i 77 Bombay Street
I due eventi previsti per questo mese sono rinviati al prossimo autunno
CANTONE
3 sett
La Festa Danzante si prepara per la sua 15esima edizione
Che si terrà in diversi comuni (anche ticinesi) dal 13 al 17 maggio con spettacoli, animazioni e corsi
LOCARNO
07.08.2018 - 15:310
Aggiornamento : 17:09

Diego Abatantuono e il "sogno" Piazza Grande

Il popolare attore italiano è il protagonista di "Un nemico che ti vuole bene" di Denis Rabaglia

LOCARNO - Diego Abatantuono è giunto a Locarno in occasione della proiezione in Piazza Grande di "Un nemico che ti vuole bene" di Denis Rabaglia.

Il popolare attore italiano ha rilasciato ad Alessandro De Bon di Locarno Festival un'intervista - che riproponiamo - nella quale parla del film ma anche di comicità e di alcuni registi con i quali ha lavorato, su tutti Salvatores e Vanzina.

Quarant’anni di carriera, settanta film, registi come Scola, Steno, Avati o Mazzacurati, giusto per citarne alcuni. Come ci si sente ad aver percorso trasversalmente quasi mezzo secolo di cinema italiano? 

«Vecchio. Iniziai con il cabaret al Derby di Milano. Il proprietario era mio zio, ne ero affascinato. Lavorai alle luci, poi direttore di scena, ma sempre a bordo palco. Ovviamente frequentavo chi lo calcava e di colpo mi ci ritrovai sopra. In un attimo il cinema mi mangiò. Cominciai più o meno nel ’78 e tra il 1980 e il 1982 scattò uno sfruttamento esagerato del personaggio. Sordi e Tognazzi, Monicelli e Risi sono stati la mia formazione; poi, anche se giovane, sono riuscito nella generazione successiva ai Pozzetto, così mi sono ritrovato a conoscerli tutti. Sì, ho attraversato trasversalmente il cinema italiano, ma soprattutto ho creato rapporti. Sono le persone con cui ho passato la mia vita. Tra queste c’è anche il pubblico e pure Verdone o Troisi, anche se magari con loro non ho mai lavorato. È la contemporaneità delle vite: viviamo lo stesso periodo storico, il rapporto è inevitabile, anche senza incrociarsi. Penso a Scola; con lui ho fatto un film, ma era un punto di riferimento già prima, perché di lui avevo visto tutto. Abbiamo vissuto lo stesso tempo, la cosa più preziosa che ci sia». 

Con Salvatores siamo a otto film girati insieme, un rapporto speciale. 

«A settembre faremo il nono. Tutto è iniziato in un periodo storico particolare, abbiamo cominciato e non ci siamo più fermati. A Gabriele sono molto legato, pur essendo molto diversi abbiamo vissuto in contemporaneità. E poi mia moglie è diventata la sua compagna…».

Come convivono in lei comico e drammatico? 

«Comico si nasce, drammatico si può diventare. Se non sai far ridere non farai mai ridere, non esiste la scuola dell’umorismo. Con il lavoro puoi affinarlo, ma è un talento. Ed è molto più faticoso; nei ruoli drammatici in un certo senso mi riposo».

Che ricordo ha di Carlo Vanzina, con cui è nato, ad esempio, "Eccezzziunale… veramente"? 

«Su di lui e sul suo cinema si leggono e sentono generalizzazioni inutili. Il tempo tende ad accomunare cose che non c’entrano tra loro. "Eccezzziunale" o "Attila" non sono film in cui si vedono donne nude sbirciate da una serratura, ma vengono ricordati al fianco di quei film. Di Vanzina si additano i “cinepanettoni”, che non sono altro che film comici che escono a Natale, quando c’è da tenere allegra la gente, ma Vanzina è stato anche, ad esempio, "Sapore di mare". Vanzina è moltissimo, e mediamente di ottimo livello. Detto questo un film comico deve far ridere, dunque se fa ridere è un film riuscito. Poi c’è la commedia all’italiana, che è tutt’altro. È riflettere, e talvolta piangere, ridendo. È il mestiere del giullare, compito e responsabilità enorme». 

Diego Abatantuono è un giullare? 

«Certo. Al Verdi di Milano cominciai con un personaggio, “il terruncello”, un leghista antesignano. Era tutto nell’aria, io semplicemente lo colsi e lo portai all’esasperazione; raccontai la storia contemporanea, una vita normale, esasperandole. Come i giullari».

"Un nemico che ti vuole bene", il film di Denis Rabaglia con cui è in Piazza Grande, ha precisamente il gusto dell’esasperazione. 

«La storia è potenzialmente vera, ma al limite. È svegliarsi di buonumore e essere centrato da un vaso appena usciti di casa. Presente quando si dice “la sfiga”? Ecco, è quello. È una storia che può succedere a tutti; la osservi e per quanto sia esattamente al limite, per quanto ti dica “possibile che succedano tutte a lui?”, ci credi. È la vita. D’altronde il cinema deve raccontare storie uniche, altrimenti è una palla. In questo caso, a corredo, ci sono un po' di poesia e stupore soft. Spero stupisca anche il pubblico di Piazza Grande». 

Lì ci sono ottomila persone da stupire. 

«Io in Piazza Grande sono convinto di esserci già stato, ma non ricordo quando. Forse è semplicemente un sogno che speravo si realizzasse». 

A questo punto può passare al prossimo. 

«Continuare a divertirmi. Se non mi fossi divertito così tanto avrei cambiato lavoro. Io, fondamentalmente, sono un pigro».

Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-04-03 22:44:39 | 91.208.130.86