Keystone - foto d'archivio
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
REGNO UNITO
3 min
Quarantena per chi proviene dall'estero, ma non per le star di Hollywood
Tra i divi sollevati dall'obbligo anche Tom Cruise, per proseguire le riprese del nuovo Mission Impossible
BRASILE
1 ora
«Il test è risultato positivo»
Il presidente brasiliano ha comunicato l'esito dell'esame pochi minuti fa in diretta televisiva
ITALIA
1 ora
Gemelle siamesi separate con successo
Delicatissimo intervento di 18 ore a Roma. Un anno di preparazione per affrontare l'operazione
KENYA
2 ore
Alle radici del Covid-19: «Se continuiamo a sfruttare gli animali il problema si ripresenterà»
Il 60% delle infezioni umane ha origine animale. Pratiche agricole non sostenibili favoriscono il passaggio.
VIDEO
SVEZIA
3 ore
Passaporto inutile causa Covid? Al Burger ci si rimedia un panino gratis
Magra (si fa per dire) consolazione per i cittadini del Paese scandinavo. Il documento potrebbe diventare inservibile.
REGNO UNITO
4 ore
Nel Regno Unito pesanti tagli anche nei media
La causa è, ovviamente, l'emergenza coronavirus che per alcune testate è stata un colpo di grazia
GERMANIA
5 ore
Tagli alla dirigenza di Lufthansa: a casa un manager ogni 5
Le misure di ridimensionamento fanno parte della seconda parte del piano di ristrutturazione
ITALIA
5 ore
Insulti omofobi in sala operatoria, accusato un primario
L'episodio sarebbe avvenuto nel mese di marzo in un ospedale in provincia di Varese
ITALIA
6 ore
Ocean Viking, tutti i tamponi sono negativi
I migranti si trovano a bordo della nave-quarantena Moby Zazà
STATI UNITI
8 ore
Gli Stati Uniti vogliono bandire TikTok: «Condivide le informazioni col Partito Comunista cinese»
Lo sostiene Mike Pompeo che dichiara guerra alle app made in China, ma l'azienda nega categoricamente
BRASILE
8 ore
Bolsonaro a rischio Covid-19: su Twitter si fa il tifo per il coronavirus
In Brasile è di tendenza il discutibile hashtag "Forza Covid". Il presidente ha sempre minimizzato l'epidemia.
STATI UNITI
8 ore
Denunciò un'aggressione inesistente, ora rischia fino a un anno di carcere
L'uomo, un afroamericano, le aveva chiesto di mettere il guinzaglio al suo cane e lei aveva chiamato la polizia
BOLIVIA
9 ore
La Procura vuole arrestare Evo Morales per terrorismo
L'ex presidente ha detto che «è una ulteriore prova della persecuzione politica del governo 'de facto' contro di me»
CINA / STATI UNITI
10 ore
Pompeo: «A Hong Kong censura orwelliana»
La legge sulla sicurezza non è una «sventura», ha dichiarato la governatrice Carrie Lam
STATI UNITI
10 ore
Brooks Brothers verso la bancarotta
Ci sono vari gruppi interessati al colosso dell'abbigliamento
PAKISTAN
10 ore
Sei vittime a causa dei monsoni
La pioggia continuerà fino a mercoledì mattina, secondo il dipartimento meteorologico
STATI UNITI
11 ore
La Georgia ha dichiarato lo stato di emergenza
Nel weekend del 4 luglio sono morte cinque persone nel corso di sparatorie
ITALIA
29.05.2020 - 20:390
Aggiornamento : 23:10

L'Italia si riapre il 3 giugno

Dovrebbero cadere i divieti di spostamento e dovrebbe essere possibile tornare a muoversi liberamente in tutto il Paese

MILANO - In Lombardia resta l'obbligo su tutto il territorio regionale di portare la mascherina o altri indumenti utili a coprire le vie respiratorie anche all'aperto. Lo conferma la nuova ordinanza alla firma del presidente della Regione Attilio Fontana, valida dal primo al 14 giugno.

Resta obbligatoria anche la misurazione della temperatura per il datore di lavoro e per i dipendenti e la stessa misura continua a valere anche per i clienti dei ristoranti.

Permane, infine, il blocco delle slot machines nei locali pubblici.

Lunedì 1. giugno riapriranno palestre, piscine, circoli culturali e ricreativi. L'attività fisica all'aperto potrà essere eseguita nel rispetto delle misure di distanziamento di 2 metri previste dal Dpcm - il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri - vigente. Via libera anche all'accesso nei parchi tematici e di divertimento, oltre che nei parchi faunistici.

«Nessuna situazione critica» - «Al momento non c'è in Italia alcuna situazione critica relativa all'epidemia di Covid-19». I dati dell'Istituto superiore di sanità spingono verso la riapertura completa del paese: il 3 giugno dovrebbero dunque cadere i divieti di spostamento e dovrebbe essere possibile tornare a muoversi liberamente in tutta Italia, dopo quasi tre mesi.

Con gli scienziati che però avvertono: l'incidenza dei casi «è molto eterogenea» sul territorio nazionale, ci sono Regioni con un numero molto elevato e altre a basso contagio; ecco perché, nel momento in cui aumenterà «la frequenza e l'entità» della circolazione nel paese, bisognerà avere molta cautela ed essere pronti a isolare gli eventuali nuovi focolai.

«I dati del monitoraggio sono incoraggianti. I sacrifici importanti del lockdown hanno prodotto questi risultati. Dobbiamo continuare sulla strada intrapresa con gradualità» si sbilancia il ministro della Salute italiano Roberto Speranza, uno di quelli nel governo che fin dall'inizio dell'emergenza ha mantenuto sempre una linea di rigore e prudenza. Ed è stato proprio Speranza, nel vertice convocato dal premier Giuseppe Conte con i capi delegazione della maggioranza, il ministro per gli affari regionali e le autonomie Francesco Boccia, la ministra dell'interno Luciana Lamorgese, il ministro degli Affari esteri Luigi Di Maio e il sottosegretario Roberto Fraccaro, ad illustrare l'andamento della curva e il monitoraggio relativi alla settimana dal 18 al 24 maggio, quella che ha coinciso con la riapertura di bar, ristoranti negozi e, anche, con i primi 'assembramenti' nelle piazze della movida. In sostanza, ha spiegato, il famigerato Rt (l'indice di trasmissibilità del virus) è sotto l'1 in tutte le Regioni, il trend dei nuovi casi è in diminuzione e anche se alcuni territori hanno ancora una base numerica molto alta, c'è una buona capacità di reazione del sistema sanitario.

Dunque discorso chiuso? Non ancora, anche se il pressing sul governo per riaprire tutto il paese il 3 è fortissimo: da governatori, opposizione, categorie economiche e anche da chi nella maggioranza finora non si era sbilanciato: il capo grillino Vito Crimi, che due giorni fa chiedeva che fossero consentiti solo «spostamenti in aree limitrofe, considerando che in Lombardia ancora si muore», spinge ora per una riapertura totale: «Non credo sia il caso di prorogare ulteriormente, credo che si debba aprire il 3 senza differenziazioni tra Regioni».

Il governo si prenderà quindi ancora qualche ora, prima di formalizzare la decisione. Innanzitutto, nell'analizzare i dati gli scienziati hanno sottolineato più volte che il virus è tutt'altro che sconfitto, visto che sono già stati individuati «nuovi focolai» e che la situazione è «epidemiologicamente fluida» in molte Regioni. Dunque se anche si decide di riaprire ci deve essere il «rispetto rigoroso» delle misure di distanziamento, igiene e divieto di assembramento.

Non solo: i sistemi sanitari devono continuare ad essere rafforzati per fronteggiare una possibile risalita dei contagi e bisogna essere pronti, come dice il viceministro alla Salute Pierpaolo Sileri, ad isolare eventuali zone rosse: «In caso di variazioni possono essere necessari passi indietro chirurgici». Perché queste sono le uniche 'armi' a disposizione per contrastare la diffusione.

C'è poi un altro aspetto che è invece tutto politico. Ed è la preoccupazione di diverse Regioni, soprattutto quelle del centro sud che hanno un numero di casi molto basso, di trovarsi il virus in casa per gli spostamenti di chi arriva da territori dove invece la circolazione del Covid-19 è molto più alta. Un timore già espresso nei giorni scorsi da Sardegna, Sicilia, Puglia alle quali oggi si è aggiunto anche il Lazio e la Campania e con Vincenzo de Luca che come al solito non ha usato giri di parole: «È del tutto ragionevole - ha detto il governatore campano - che se c'è un territorio con un altissimo numero di contagiati, questo territorio debba avere delle limitazioni alla mobilità».

Che risposte darà il governo a questi timori? Il ministro delle Autonomie Francesco Boccia ha già chiarito che si riparte tutti insieme e che non ci sarà spazio per scelte dei governatori in contrasto con la Costituzione. Probabilmente l'esecutivo porterà la sua proposta in Conferenza Stato-Regioni, per condividerla con i presidenti anche se il Dpcm -il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri - in vigore dice che il divieto decade il 3 e dunque, almeno formalmente, non sarebbe un passaggio obbligato.

È quella la sede dove verrà probabilmente presa la decisione finale e, nel caso non si dovesse trovare un punto d'incontro potrebbero tornare utili le parole dall'assessore al Welfare della Lombardia Giulio Gallera: «Ci vuole ancora prudenza per capire se siamo in una fase nuova e diversa oppure no. Per fare una valutazione complessiva su quella che è la diffusione la data cardine è l'8 giugno quando avremo un dato consolidato. Riteniamo che avere una indicazione generale per tutto il Paese sia la cosa più corretta, poi che sia il 3 o l'8» la data per riaprire «non cambia».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-07 18:49:56 | 91.208.130.89