Tipress
D'inverno, come d'estate, è stato un anno record per il turismo svizzero. E di magra per quello ticinese.
ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
7 ore
«Donne (non) ricordate nello stradario»
La proposta, sotto forma di interpellanza sull'esempio di Mendrisio
CANTONE
10 ore
«Perché non puntare anche sullo Sputnik?»
Ay, Ferrari (PC), Galeazzi (UDC) e Alberti (Lega) chiedono al Governo una diversificazione dei vaccini anti-Covid-19
CANTONE
12 ore
I giochi sono quasi fatti, le prime reazioni
Giovani UDC: «Una vittoria della libertà». Ghiringhelli: «Missione compiuta». I Verdi: «Ha vinto il populismo»
GORDOLA
13 ore
Risanamento delle scuole al Burio: passano due "Sì"
I cittadini di Gordola hanno votato a favore del credito per i lavori all'istituto scolastico
FOTO
RIVIERA
14 ore
Prima contro un albero e poi giù dalla scarpata
L'incidente è avvenuto poco prima delle 8 di questa mattina a Lodrino
LUGANO
16 ore
L'incubo ricorsi si allunga: ce n'è un terzo
Anche il Team Lug, dopo Skn e Northern Lights, si è rivolto al Consiglio di Stato per la questione aeroporto di Agno
CANTONE
17 ore
Il tempo per cambiarsi è tempo di lavoro: «Anche presso l'EOC?»
L'MPS interpella il Consiglio di Stato sulla situazione nelle strutture ospedaliere cantonali
VIDEO
CANTONE
17 ore
Oggi è la Giornata del malato
Se la pandemia limita le visite in ospedali e case di cura, ci pensa la tecnologia a unire le persone resilienti
CANTONE
18 ore
Sono 55 i nuovi casi di Covid-19 in Ticino
Nei primi sette giorni di marzo sono state identificate in totale 358 nuove infezioni
CONFINE
1 gior
Scoperta una variante rarissima
C'è solo un altro caso al mondo di questa mutazione, ed è stato riscontrato in Thailandia
CANTONE
1 gior
Una giornata in onore dei logopedisti
Cade il 6 marzo la giornata europea della logopedia, una professione ancora molto poco conosciuta
CANTONE
1 gior
«Il Ticino perderà 18mila abitanti in 30 anni. Occorre agire»
Un'interrogazione di Sabrina Aldi, Laura Riget e Fiorenzo Dadò chiede al governo di chinarsi sul calo demografico
RIVIERA
1 gior
Lodrino, una nuova realtà pronta al decollo
Il Municipio di Riviera ha avviato la procedura federale per richiedere la licenza di gestione dell'ex aerodromo
CANTONE / SVIZZERA
1 gior
Persi 10'000 posti di lavoro in Ticino? Forse un errore
Nella pubblicazione dello scorso 26 febbraio ci sarebbe stato «un errore di elaborazione dei dati»
CANTONE
1 gior
Coronavirus in Ticino: 52 nuovi casi
I nuovi ricoveri sono 8, mentre i pazienti dimessi sono 7
LUGANO
1 gior
A Lugano, sognando di essere alle Hawaii
L'idea del movimento Ticino&Lavoro: poter surfare in città o direttamente sul lago.
CANTONE / SVIZZERA
26.02.2019 - 10:260
Aggiornamento : 11:37

Record per il turismo svizzero, anno nero per il Ticino

Il settore alberghiero ha contabilizzato 38.8 milioni di pernottamenti nel 2018 con una crescita del 3,8%, mentre nel nostro cantone c'è stato un calo del 7,5% rispetto al 2017

BELLINZONA - Record per il turismo svizzero. Anno nero in Ticino. Il settore alberghiero sorride in tutte le regioni del Paese, a parte nel nostro cantone. Ma andiamo con ordine riportando alcune cifre.

La prima riguarda i pernottamenti nel 2018. Ed è parecchio significativa. Lo scorso anno, infatti, negli alberghi sparsi per la Confederazione hanno pernottato ben 38.8 milioni di persone, ovvero ben 1.4 milioni in più rispetto al 2017 (+3.8%).

Sorrisi elvetici, lacrime ticinesi - Un risultato strepitoso ottenuto grazie anche alla domanda straniera che è aumentata del 4.5% (+921.000) facendo registrare il miglior bilancio degli ultimi 10 anni. E alla fedeltà di quella svizzera che ha fatto segnare un nuovo record.

Ma se gli albergatori elvetici mostrano un sorriso a 32 denti, quelli ticinesi versano lacrime amare. Il nostro cantone è in effetti l'unica regione che va controcorrente e che presenta 184.000 pernottamenti in meno rispetto all'anno precedente. Quel 2017 che rimane - come ricordava l'ormai ex presidente di Ticino Turismo Elia Frapolli diversi mesi fa - comunque «un anno da record determinato da condizioni eccezionali».

Tutti i dati diramati oggi dall'Ufficio federale di statistica:

Provenienza:

Record di clientela svizzera - Nel 2018 la domanda svizzera ha totalizzato 17,4 milioni di pernottamenti (+493 000; +2,9%), ovvero un valore a oggi ineguagliato. La domanda straniera ha raggiunto 21,4 milioni, registrando il considerevole aumento di 921 000 pernottamenti (+4,5%). 

Deutschland über alles - La domanda europea conferma l’aggiustamento iniziato nel 2017, determinando un aumento di 393 000 pernottamenti (+3,3%). Tra i Paesi di questo continente è la Germania (+147 000; +3,9%) ad aver contribuito maggiormente alla crescita, seguita dalla Francia (+41 000; +3,3%), dal Regno Unito (+37 000; +2,3%), dalla Spagna (+32 000; +7,1%) e dai Paesi Bassi (+27 000; +4,5%). L’Austria, al contrario, segna una flessione marcata di 25 000 unità (–6,2%), seguita dalla Turchia (–13 000; –10,9%). 

Tanti americani - Il continente americano presenta una forte progressione (+249 000 pernottamenti; +8,9%). All’interno di questo continente, gli Stati Uniti, con 206 000 unità supplementari (+10,1%), generano la crescita assoluta maggiore di tutti i Paesi di provenienza stranieri. La domanda di questo Paese raggiunge quindi 2,3 milioni di pernottamenti totali, ovvero il livello maggiore dal 1990. Segue il Canada con un incremento di 23 000 pernottamenti (+9,4%). 

Più cinesi e indiani, crollano i giapponesi - La domanda degli ospiti asiatici presenta un incremento di 247 000 pernottamenti (+4,8%). Tra i Paesi di provenienza della suddetta clientela, la Cina (senza Hong Kong) determina la crescita maggiore, pari a 80 000 unità supplementari (+6,3%); È seguita dall’India, con una progressione di 71 000 pernottamenti (+9,6%). Anche i Paesi del Golfo registrano un aumento (+26 000; +2,9%). Dopo molti anni in crescita, la Repubblica di Corea genera un risultato stabile (–960; –0,2%). Il Giappone, invece, ha registrato la maggiore diminuzione assoluta di tutti i Paesi di provenienza, con un calo di 26 000 pernottamenti (–6,3%). Infine, è in rialzo anche la domanda dell’Oceania (+24 000 pernottamenti; +6,5%) e l’Africa (+7600; +2,8%).

Regioni turistiche:

Solo il Ticino con il segno meno - Nel 2018 registrano aumenti di pernottamenti rispetto al 2017 11 regioni turistiche su 13, sei delle quali presentano persino crescite uguali o superiori al 5,0%.  In primo luogo la regione Zurigo presenta 325 000 pernottamenti supplementari (+5,4%), ovvero la progressione assoluta maggiore. Seguono i Grigioni (+279 000; +5,7%), la Regione Berna (+256 000; +5,0%), Lucerna/Lago dei Quattro Cantoni (+214 000; +5,9%), il Vallese (+206 000; +5,3%) e Ginevra (+178 000; +5,8%). Il Ticino, in controtendenza, presenta un calo marcato di 184 000 pernottamenti, che rappresenta una flessione del 7,5%.

Soggiorno e tasso d'occupazione:

Due notti di media - Lo scorso anno la durata di soggiorno era di 2,0 notti, come nel 2017. I soggiorni degli ospiti stranieri, con una media di 2,1 notti, sono leggermente più lunghi di quelli degli ospiti svizzeri (1,9). Tra le regioni turistiche, i Grigioni vantano la durata di soggiorno più lunga con 2,7 notti. Segue il Vallese con 2,3 notti. La regione Friburgo, invece, con 1,6 pernottamenti presenta la durata più breve. 

Tasso d'occupazione, comanda Ginevra - Nel 2018, il tasso netto di occupazione delle camere ha raggiunto il 54,5% contro il 52,9% nel 2017. Tra le regioni turistiche, Ginevra presenta il tasso più elevato, ovvero il 67,2%. Segue la Regione Zurigo con il 65,7%, mentre il tasso più basso è stato registrato nella Svizzera orientale (41,4%). 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Jenaplynski 2 anni fa su tio
Bla bla bla... sem sempar scia con al turismo ticines che pianc miseria...
Equalizer 2 anni fa su tio
Non bisogna dimenticare che nel 2018 ad aprile e maggio ne è venuta di acqua, e questi due mesi fanno il 10% della stagione, da considerare che l'anno 2017 fa comodo per i numeri ma contiene un evento speciale, tutti hanno "fatto il giro" sotto il Gottardo e questo ha falsato lo standard e fatto gioire che vive di statistiche, la realtà, se togliamo il 2017, l'anno scorso è in linea con la media anzi leggermente meglio. Ciò non toglie la ragione a molti commenti sotto, troppo vecchiume nell'infrastruttura, fuori prezzo in molti casi e la cordialità quasi totalmente assente, e non dimentichiamo l'impossibilità di andare lunghi alla sera, pena visite regolari della polizia e multe varie, più l'invidia di altri frustrati.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-03-08 04:07:56 | 91.208.130.89