Nicolas Augsburger Rossi
+11
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
13 min
Se gli anziani fanno gli “gnorri” al supermercato
C'è chi mente sull'età, e chi nega pure il documento. Nei casi più estremi si arriva anche alle minacce
CANTONE
4 ore
Centinaia di controlli, e qualche lamentela
Una settimana di posti di blocco e interventi nelle aziende. La Polizia: «I ticinesi si stanno comportando bene»
CANTONE
5 ore
«Al personale domestico chi ci pensa?»
L’MPS denuncia la mancanza di lavoro ridotto per chi si occupa di pulire la casa alle coppie anziane
LUGANO
5 ore
La mensa dei poveri fa l'asporto
Fra' Martino Dotta non si ferma con il coronavirus. «Restiamo vicini ai bisognosi»
CANTONE
6 ore
Hanno fornito il loro aiuto, ora possono ripartire
Missione compiuta per i militi della compagnia di trasporto 1/4, i primi impiegati in Ticino nell'emergenza Covid-19.
CANTONE
6 ore
Mon Repos conferma: «Comunali rinviate»
Il Tribunale federale di Losanna non ha concesso l'effetto sospensivo al ricorso effettuato da tre locarnesi
BELLINZONA
6 ore
Covid-19, Cassis arriva in Ticino
Il consigliere federale incontrerà domani il Consiglio di Stato
LUGANO
7 ore
Votazione sull’aeroporto: «Tutto tace»
I Verdi ne chiedono il rinvio. «Quali sono le priorità»
VIDEO
BIASCA
7 ore
Covid-19: il commovente show di Miriam
Un concerto in diretta Facebook, da parte della voce di Doppia Linea e La Nuova Libertà: «Non molliamo»
CANTONE
8 ore
Hai esperienza in ambito sanitario? Fatti avanti
L’appello è rivolto a medici e operatori del settore che ad oggi non sono ancora attivi sul campo contro il coronavirus
CANTONE
8 ore
Ultime fermate: «Chiasso e Stabio»
I treni della rete TILO termineranno la loro corsa all'ultima stazione su suolo ticinese
MENDRISIO
14.07.2019 - 17:260

Càvea Festival, una seconda edizione da incorniciare

La seconda edizione del festival organizzato alle cave di Arzo, culminata con il concerto di Nic Cester, ha visto un'affluenza di quasi 3'000 persone

MENDRISIO - Se, come sosteneva qualcuno, la seconda edizione è sempre la più difficile, si può dire che il Càvea Festival ha ora superato brillantemente la prova. Ieri, le cave di Arzo, hanno accolto sull’arco dell’intera giornata quasi 3'000 persone, per un evento artistico-musicale che in soli due anni è riuscito a entrare nel cuore della popolazione locale, e non solo.

La chiave del successo risiede non soltanto nella bellezza del luogo – quello delle cave di Arzo è uno scenario unico nel suo genere -, ma anche in un programma che è riuscito ad accontentare ogni tipo di pubblico. Il pomeriggio – la novità di questa seconda edizione – si è rivolto infatti in particolar modo alle famiglie, proponendo, grazie alla collaborazione con l’associazione CAVAVIVA, una lunga serie di spettacoli, concerti e installazioni artistiche, il tutto distribuito su diverse postazioni.

Alta la partecipazione in particolare presso il palco dei Bagni Imperiali, dove a esibirsi sono stati clown e performer che hanno fatto divertire oltre un centinaio di bambini. A regalare sorrisi sono stati Michelangela Martino, El Bechin, Katastrofaclown e soprattutto Dado Show, mimo, clown e mago canadese residente in Germania in grado di far sbellicare dalle risate attraverso la sua fisicità e le sue espressioni. Molto apprezzata anche la presenza di due artisti visivi, il francese Jimbo e il luganese Han Sessions, che attraverso installazioni in muschio – il primo – e disegni e pitture a tema – il secondo – sono riusciti a affascinare centinaia di passanti che si muovevano fra una postazione e l’altra.

Sul fronte musicale, il pomeriggio ha offerto attimi di euforia durante il concerto dei Camillas, gruppo di Pesaro che ha persino scritto un brano per le cave di Arzo, mentre il jazz d’avanguardia degli OoopopoiooO ha avvicinato gli spettatori a un progetto più sperimentale, fatto di “cianfrusaglie elettroacustiche”, giocattoli e ambienti surreali.

L’evento è entrato nel vivo a partire dalle 20, quando dal palco principale del maestoso anfiteatro naturalistico si sono esibiti i Bumblebees, gruppo luganese con un nuovo album fresco di pubblicazione, e i Make Plain, duo a km zero nato a pochi passi dalle cave che ad Arzo ha presentato in anteprima il suo nuovo singolo. Il grande ospite è stato Nic Cester, cantante australiano noto per essere stato il frontman dei Jet, band che a inizio anni 2000 ha scalato le classifiche di tutto il mondo.

Al pubblico, accompagnato dalla band “Milano Elettrica”, ha proposto brani dal suo disco solista, “Sugar Rush”, un incontro di vari generi, fra cui funky, blues e ballate rock, ma anche, inaspettatamente (“questo non lo faccio spesso”, ha detto), il pezzo che l’ha portato al successo globale con i Jet, “Are you Gonna be My Girl”. «La presenza di un artista come Nic Cester al Càvea Festival - spiega il direttore artistico Andrea Zinzi - ci ha permesso di definire l’identità del nostro evento, che mira a essere al contempo regionale, nazionale e internazionale». Da segnalare inoltre che per Nic Cester e la sua band si è trattato del secondo concerto in un giorno: poche ore prima aprivano l’esibizione dei Muse a San Siro di fronte a 50'000 persone.

Dal lato organizzativo, si dichiara soddisfatto il presidente dell’Associazione Càvea Festival, Luca Ruggeri: «L’edizione dello scorso anno ci ha permesso di prendere le misure; quest’anno abbiamo introdotto alcuni correttivi e questo ha favorito il buon funzionamento dell’evento» E aggiunge: «L’introduzione di bicchieri riutilizzabili ci ha permesso di anticipare quelle che sono le direttive della Città di Mendrisio, che li imporrà a partire dal 2021».

Il festival, di cui Raiffeisen è il principale sostenitore, si è svolto in un ambiente sereno e festoso. Gli enti di pronto intervento e i servizi di sicurezza presenti in loco non segnalano incidenti di rilievo. Molto apprezzato anche il servizio di bus navetta gratuito dalla stazione FFS di Mendrisio.

Omar Cartulano
Guarda tutte le 15 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Càvea Festival 8 mesi fa su fb
:D
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-03-30 00:13:51 | 91.208.130.85