ARCHIVIO KEYSTONE
Prada dice basta alle pellicce.
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
STATI UNITI
19 min
Cambiamento climatico: per il 56% degli americani bisogna agire «subito»
STATI UNITI
1 ora
Stati Uniti: l'attacco al petrolio saudita non favorisce l'incontro Trump-Rohani
TUNISIA
1 ora
Presidenziali tunisine: crolla l'affluenza
SERBIA
2 ore
Gay Pride di Belgrado: incidenti prima del corteo
ARABIA SAUDITA
2 ore
Produzione di petrolio dimezzata: Riad userà le riserve
STATI UNITI
2 ore
Ritrovati oltre 2'200 resti di feti in casa di un medico abortista
TERRITORI PALESTINESI
3 ore
Israele legalizza un avamposto in Cisgiordania
RDC
3 ore
Battello affonda nel Fiume Congo: 36 dispersi
CINA
4 ore
Il bando Usa a Huawei alla fine potrebbe favorire l'hi-tech asiatico
REGNO UNITO
5 ore
«Usciremo dall'Ue come farebbe Hulk»
STATI UNITI
6 ore
Si fa da sé una maglia dell'Uni e a scuola lo bullizzano, l'ateneo gli offre una borsa di studio
CINA
7 ore
A Hong Kong in migliaia in strada sfidano il divieto della polizia
STATI UNITI
9 ore
In California le università dovranno fornire la pillola del giorno dopo
STATI UNITI
10 ore
Pompeo: «C'è Teheran dietro agli attacchi alle raffinerie saudite»
ARABIA SAUDITA
10 ore
Riad ferma la produzione nelle raffinerie colpite
ITALIA
22.05.2019 - 15:530

Prada dice basta alle pellicce

Il gruppo italiano del lusso non le userà più dalle collezioni donna della primavera/estate 2020

MILANO - Prada entra nella famiglia "fur-free". Dalle collezioni donna della primavera/estate 2020 il gruppo italiano del lusso quotato ad Hong Kong non userà più pellicce animali per realizzare nuovi prodotti. La decisione è stata annunciata con la Fur Free Alliance (Ffa, che riunisce oltre 50 organizzazioni in più di 40 paesi) ed è frutto di un dialogo positivo tra il Gruppo, Ffa, Lega anti vivisezione italiana Lav e The Humane Society of the United States.

Per Miuccia Prada si tratta di un traguardo importante per un gruppo che ha in innovazione e responsabilità sociale i suoi valori fondanti. «La ricerca e lo sviluppo di materiali alternativi - ha spiegato - consentirà all'azienda di esplorare nuove frontiere della creatività e di rispondere, allo stesso tempo, alla domanda di prodotti più responsabili».

Prada è solo l'ultima delle aziende del lusso a dire addio alle pellicce, in un settore sempre più attento ai temi della sostenibilità, anche per il ritorno mediatico connesso. Tra le maison più blasonate che già hanno detto stop alle pellicce ci sono Giorgio Armani, Versace, Burberry, Michael Kors, Ralph Lauren e Gucci, fino alle paladine del fur-free Stella McCartney e Vivienne Westwood.

Miuccia Prada a settembre 2018, alla presentazione della collezione primavera-estate 2019, aveva annunciato che la svolta era vicina: «Io le pellicce non voglio più farle - aveva detto la stilista -, già oggi rappresentano solo lo 0,1% del prodotto, ma non amo gli annunci, dirò che non le faccio più quando sarà cosa fatta e finita».

Il momento è arrivato. Dalla prossima primavera/estate 2020, quindi, Prada non utilizzerà più pellicce per nuovi prodotti, mentre lo stock continuerà ad essere in vendita fino ad esaurimento delle scorte.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-15 19:05:30 | 91.208.130.85