TiPress - foto d'archivio
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE / SVIZZERA
1 ora
I tempi cambiano e il 162 va in pensione
Alla fine del mese verrà disattivato il bollettino meteo consultabile telefonicamente.
LUGANO
1 ora
«Cornaredo fa paura perché gli appartamenti in centro non sono più funzionali»
PSE: il dibattito si sposta sugli sfitti già presenti. Perché? Lo spiega Gianluigi Piazzini, presidente della CATEF.
FOTO
CANTONE
8 ore
Una cerimonia (in presenza) per i diplomati della Facoltà di scienze economiche
In tutto sono 186 gli studenti che hanno ottenuto un Bachelor o un Master. Ecco chi sono.
CANTONE
9 ore
Certificato Covid, le proposte che non convincono il Ticino
Il Consiglio di Stato ha risposto alla consultazione del Consiglio federale sullo sviluppo del pass.
SVIZZERA
15 ore
L'aereo è partito senza Chiesa
Il presidente Udc doveva partecipare a un viaggio di rappresentanza negli Stati Uniti. Ma è rimasto bloccato al check-in
CANTONE
16 ore
Donazione di sangue: a decine tra politici e dipendenti cantonali
Per 27 di loro si è trattato della prima donazione.
CADENAZZO
18 ore
Risparmio "green" con Acquì
Il progetto promuove il consumo dell'acqua di rubinetto.
CANTONE
20 ore
Idroelettrico: Ticino e Vallese uniti per rafforzare la formazione
HYDRO Exploitation SA e AET hanno siglato un accordo di collaborazione che prevede scambi interaziendali
LUGANO
20 ore
Infortunio sul lavoro a Cadro, 59enne in fin di vita
L'uomo è caduto da un'altezza di circa un metro e mezzo, battendo la testa. La sua vita è in pericolo.
CANTONE
21 ore
«È scattata la corsa ai rialzi dei salari dei capisezione?»
L'MPS chiede conto a Gobbi sugli scatti di classe annunciati dal Dipartimento dell'Istituzioni sull'onda del Territorio
BELLINZONA
21 ore
Altre 28 postazioni per il bike sharing di Bellinzona
Il Municipio intende aumentare ulteriormente il numero di biciclette disponibili sul territorio comunale
CANTONE
21 ore
I nuovi contagi in Ticino sono 36
Quattro le sezioni in quarantena nelle scuole ticinesi
CANTONE / SVIZZERA
21 ore
Fallimenti, Ticino in controtendenza
In Svizzera sono in aumento, mentre nel nostro cantone sono in calo (-7%)
CANTONE
23 ore
Tecnologie: «Si sta creando una tribù di esclusi»
Il "divario digitale" si è amplificato con la pandemia. Serenella Morinini, 73enne valmaggese, suona la carica.
CANTONE / SVIZZERA
23 ore
Un problema tecnico affligge le FFS
Le Ferrovie sono confrontate con un disguido a livello nazionale (ma non in tutte le stazioni).
LUGANO
23 ore
L'uomo che vuole costruire lo stadio
Chi è l'imprenditore che realizzerà il Polo Sportivo, votazione permettendo? Lo abbiamo intervistato.
LOCARNO
1 gior
Colpo di spugna alla Santa Chiara: disdetta all'ex direttrice e altri 3 medici
Tre allontanati subito. Il quarto dovrà lasciare a fine anno. Contestate loro gravi manchevolezze di tipo gestionale
CANTONE
23.03.2020 - 15:590

Il nuovo orario del liceo è realtà

Approvato dal Consiglio di Stato, entrerà in vigore a settembre 2020.

Introduce l'informatica come disciplina obbligatoria e facilita l'approccio alle discipline scientifiche, in vista dell'università.

BELLINZONA - Il Consiglio di Stato ha approvato le modifiche del Regolamento delle scuole medie superiori che permetteranno dal prossimo mese di settembre di modificare il curricolo formativo dei licei cantonali. Il nuovo piano orario del liceo è quindi realtà.

Le polemiche - Una decisione che arriva in marzo, in piena emergenza coronavirus e con le scuole chiuse. Ma l'argomento aveva acceso gli animi degli attori coinvolti fino alla fine dello scorso anno. In ottobre il sindacato indipendente studenti e apprendisti (Sisa) aveva criticato le modalità di consultazione con cui il Decs aveva proposto il nuovo piano orario alla comunità scolastica. Ne era seguito un botta e risposta tra il Decs e il Forum delle associazioni e organizzazioni degli insegnanti e della scuola. Questi ultimi lamentavano che i docenti non fossero stati consultati. Il Cantone aveva asserito il contrario, tanto da sollevare dubbi sulla rappresentatività del Forum. Infine a inizio dicembre il Sisa con una petizione chiedeva al Consiglio di Stato di «sospendere l’introduzione del nuovo piano settimanale del liceo, aprire una nuova e più ampia fase di riflessione e dibattito e coinvolgere tutte le organizzazioni sindacali e le associazioni attive nel mondo della scuola».

Un piano nuovo da settembre - Ma tant'è. Il Consiglio di Stato lo ha approvato e «i licei cantonali saranno pronti per settembre 2020». Il nuovo curricolo liceale partirà da settembre per le sole classi prime e man mano si applicherà ai nuovi allievi. Gli studenti liceali dell’anno scolastico in corso (ad eccezione di quelli che bocceranno il primo anno) continueranno il loro iter formativo sotto l’egida del vecchio piano delle lezioni.

Perché un nuovo piano - La modifica del piano settimanale delle lezioni del liceo - spiega il Decs - risponde da un lato all’introduzione dell’informatica come disciplina obbligatoria (decisa dalla Conferenza dei direttori della pubblica educazione e dalla Commissione svizzera di maturità), dall’altro alla richiesta del Gran Consiglio di rivedere la griglia oraria in modo da facilitare l’approccio alle discipline scientifiche, permettendo un avvicinamento più graduale a queste materie.

Il poker dei principi - I principi attorno ai quali è stata sviluppata la nuova griglia oraria sono quattro: l’attitudine agli studi universitari deve essere garantita dalle discipline fondamentali e non dalle opzioni; l’italiano e la matematica rappresentano le materie portanti della formazione liceale; una dotazione oraria uguale delle opzioni specifiche conferisce loro lo stesso valore formativo e infine il carico settimanale degli allievi non deve superare le 35 ore-lezione.

«Oltre a rispondere alle richieste delle autorità politiche - aggiunge il Decs -, l’operazione permette di correggere alcuni aspetti problematici della griglia oraria attuale: abbandono di ore-lezione settimanali d’insegnamento uniche (una sola ora-lezione a settimana è una dotazione insufficiente per permettere un insegnamento significativo e genera un carico eccessivo sui docenti di queste materie), abolizione delle differenze nell’articolazione del corso delle diverse opzioni specifiche e distribuzione più equilibrata delle ore d’insegnamento dei diversi settori di studio (p.e. concentrazione del blocco delle discipline cosiddette scientifiche nel primo biennio)».   

Le principali modifiche decise dal Governo concernono:

  • l’Introduzione della nuova disciplina obbligatoria ‘informatica’, con una dotazione oraria di 1,5 ore-lezione settimanali in I e II classe. Si sottolinea che in questo contesto l’informatica è intesa come scienza e il suo insegnamento non si limita a trattare aspetti legati alla programmazione e all’uso della tecnologia digitale, ma affronta anche aspetti etici e sociali legati a questo ambito;
  • per ‘geografia’ si toglie l’ora-lezione singola in II classe e si potenzia il corso di III, introducendo un laboratorio a classe dimezzata, luogo privilegiato per affrontare tematiche legate al territorio;
  • l’insegnamento di ‘economia e diritto’ è rafforzato con l’aumento della dotazione oraria. Attualmente questa disciplina è insegnata in I con un’ora settimanale e in IV con due ore settimanali, mentre la nuova griglia prevede due ore-lezione settimanali in I e II classe, garantendo così la continuità didattica;
  • le discipline delle scienze sperimentali (biologia, chimica, fisica) vengono distribuite sul quadriennio, smontando l’attuale blocco nel primo biennio. Per gli indirizzi linguistico, economico e artistico s’inizierà con la chimica in I e II, la fisica in II e III e la biologia in III e IV. La collocazione della chimica in I classe è dovuta al fatto che essa permette un approccio al metodo scientifico senza richiedere competenze matematiche di livello avanzato. La biologia nel secondo biennio permette l’interazione del suo insegnamento con le materie delle scienze umane (filosofia, storia e geografia) su aspetti etici ed ecologici;
  • per ‘matematica’ viene ridotta la dotazione oraria degli allievi che seguono un’opzione specifica nel settore delle scienze sperimentali e, parallelamente, è aumentata quella degli allievi che ne seguono una in una lingua, in economia e diritto o in una disciplina artistica. Con questo aumento si vuole dare più tempo per la trattazione e l’acquisizione degli argomenti e per lo sviluppo e l’esercitazione delle competenze, senza ampliare gli obiettivi e gli argomenti nei piani di studio;
  • se attualmente gli allievi che intendono seguire l’opzione specifica in una lingua moderna o antica devono scegliere una lingua in più in I classe (lingua 4) e quelli che intendono seguire l’opzione scientifica musica devono scegliere musica in I classe e seguire dei corsi di musica strumentale, con la nuova griglia chi sceglie l’opzione specifica ‘biologia e chimica’ o ‘fisica e applicazioni della matematica’ dovrà aver seguito il corso di fisica in I classe. La scelta dell’indirizzo avverrà comunque al termine del primo anno di liceo, come ora.  
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-28 07:57:18 | 91.208.130.86