Tipress (archivio)
CANTONE
28.10.2019 - 15:480

Nuovo orario del liceo: «L’introduzione va sospesa»

Il SISA prende posizione sulla consultazione e critica l’operato del DECS

BELLINZONA - Il Sindacato Indipendente degli Studenti e Apprendisti (SISA) non nasconde una certa preoccupazione nei confronti della velocità a cui il DECS sta procedendo in ottica dell’introduzione del nuovo piano orario del liceo, con lo sguardo rivolto al mese di settembre del 2020.

«Il DECS sembra perdere il pelo ma non il vizio, costruendo riforme a tavolino nei propri uffici senza coinvolgere però la comunità scolastica o facendolo solo parzialmente e a seconda dell’opportunità del momento», scrive il SISA criticando le modalità di consultazione e chiedendo in primis di «sospendere l’introduzione del nuovo piano settimanale delle lezioni e aprire un vero dibattito pubblico».

Un dibattito sul tema che «non sembra affatto essersi esaurito, al contrario sembra appena iniziato» prosegue il sindacato, che nella risoluzione adottata sabato scorso a Bellinzona ha formulato ulteriori richieste al DECS, fra le quali una rivalutazione dell’allocazione delle materie sull’arco del quadriennio scolastico; la compensazione dell’aumento delle ore settimanali prevedendo degli spazi obbligatori nell’orario scolastico dedicati al lavoro individuale; il ripristino del monte ore tagliato negli ultimi anni (in modo da poter proporre più lezioni di recupero e ripetizioni) e dei fondi e le condizioni quadro per i corsi facoltativi e complementari tagliati nel 2015 «per ragioni di risparmio e mai riconsiderati dal Consiglio di Stato».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-09 16:56:35 | 91.208.130.87