ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
20 min
Tecnologie: «Si sta creando una tribù di esclusi»
Il "divario digitale" si è amplificato con la pandemia. Serenella Morinini, 73enne valmaggese, suona la carica.
CANTONE / SVIZZERA
43 min
Un problema tecnico affligge le FFS
Le Ferrovie sono confrontate con un disguido a livello nazionale (ma non in tutte le stazioni).
LUGANO
59 min
L'uomo che vuole costruire lo stadio
Chi è l'imprenditore che realizzerà il Polo Sportivo, votazione permettendo? Lo abbiamo intervistato.
LOCARNO
3 ore
Colpo di spugna alla Santa Chiara: disdetta all'ex direttrice e altri 3 medici
Tre allontanati con effetto immediato. Il quarto dovrà lasciare a fine anno. Contestate loro gravi manchevolezze
Massagno
3 ore
Per Elisa ci vogliono 18 milioni
L'edificio ha un valore di stima peritale di 18 milioni e mezzo
FOTO
MENDRISIO
14 ore
Tutto iniziò con una locomotiva...
La Galleria Baumgartner di Mendrisio festeggia i suoi primi vent'anni con una settimana di eventi e iniziative
BODIO
14 ore
Bodio sarà al 50% autosufficiente
Con altri due impianti fotovoltaici, ci sarà energia per 210 delle 400 economie domestiche presenti sul territorio
CANTONE / ZURIGO
16 ore
Il Premio Studer/Ganz alla ticinese Sabina Zanini
La premiazione si terrà nella primavera del 2022 presso la Casa della Letteratura per la Svizzera Italiana a Lugano
CANTONE
16 ore
Partecipazione digitale alla politica: Ticino quartultimo
Su una scala da 0 a 100 punti, il canton Ginevra raggiunge il podio con 55 punti. Il Ticino si ferma a 17.
LUGANO
06.11.2015 - 16:290
Aggiornamento : 07.11.2015 - 09:23

Quale verità dietro la chiusura del GamesArena?

Il titolare: "La Curia non gradisce i nostri videogiochi". La Fondazione Maghetti: "Non paga l'affitto da sei mesi"

LUGANO - Dopo 13 anni di attività chiude i battenti il GamesArena, il popolare negozio di videogiochi situato nel Quartiere Maghetti. Un duro colpo per tutti gli appassionati di giochi elettronici. Una chiusura che avviene però all'insegna della polemica e più precisamente con uno sfratto intimato dalla Fondazione Maghetti poichè il negozietto appoggerebbe la violenza attraverso la vendita di videogiochi particolarmente cruenti. Il dito questa volta viene puntato contro  Gta V, un videogioco notoriamente violento che avrebbe fatto scattare la mosca al naso alla Curia che di fatto è strettamente legata alla Fondazione Maghetti. Questo almeno stando alla versione proposta dal titolare Massimiliano Fani, il quale si è sfogato su Facebook in questo modo: "Siamo stati richiamati in quanto questa apparente ed effimera notorietà riguardo ad un videogioco violento ha recato danno all’immagine di una proprietà della chiesa e non solo, la notizia è salita addirittura ai vertici della diocesi di Lugano. Chi di dovere ha quindi preso atto dell’accaduto ed ha optato per una pacata, ma decisa risposta che fosse in linea con la dottrina della fede cristiana, qualcosa che fosse il più fedele possibile ai più antichi principi della carità e della comprensione cristiana, da sempre devota al perdono ed all’assoluzione dei peccati, ovvero per lo sfratto".

Davvero la vendita di videogiochi può arrivare a portare alte sfere della Curia a decidere di sfrattare un negozietto che dà lavoro a tre persone? La domanda l'abbiamo rivolta a Riccardo Caruso, amministratore delegato della Fondazione Maghetti: "La notizia è priva di fondamento. Il signor Massimiliano Fani non paga l'affitto da almeno sei mesi, e il suo comportamento sta danneggiando parecchio la Fondazione. Non abbiamo intimato nessuno sfratto, c'è stata invece una disdetta contrattuale presa di comune accordo, dato che il negozio ha causato parecchie difficoltà in passato".

Ci risulta che si era attivato già verso la fine del 2013 a seguito della pubblicazione di un articolo sull'arrivo di un gioco particolarmente violento. Gioco che non sarebbe piaciuto alla Fondazione. E all'epoca, a quanto pare, il negozio pagava regolarmente gli affitti.
"Dopo la pubblicazione degli articoli in cui riferivano la vendita del gioco violento e pericoloso, ho chiesto spiegazioni al gerente. La Fondazione Maghetti, che da sempre è attiva nell'ambito dell'educazione giovanile, ha chiesto come intendesse gestire la vendita del gioco visto che il negozio è frequentato anche da minorenni. Il signor Fani mi ha risposto che se i giovani acquistano il videogioco pericoloso non è una questione di sua competenza, bensì dei genitori. Come Fondazione abbiamo chiesto allora di valutare l'ipotesi di non vendere il videogioco violento. Ipotesi scartata dal negozio. A quel punto abbiamo deciso di comune accordo la disdetta del contratto. Mi ha chiesto un anno di proroga per trovare altri spazi in centro a Lugano. Abbiamo concesso la proroga. Poi mi ha chiesto altro tempo, e siamo arrivato alla conclusione con una disdetta per il 30 settembre. Ma a marzo ha deciso di non pagare più l'affitto. Mi stupisce ora questo voltafaccia e mi dispiace che voglia far clamore su qualcosa di non vero".

 


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-27 09:00:27 | 91.208.130.85