Keystone - foto d'archivio
ULTIME NOTIZIE Ticino
AGNO
24 min
Alla ricerca della falla da cui il nonno di Eitan è volato via
Non si spegne la polemica sui controlli doganali all'aeroporto di Lugano
CANTONE
24 min
Ticinesi in cerca di casa: a pochi metri da dove sono nati e mai in città
Quando si tratta di cambiare casa, tendiamo a restare vicino ai nostri luoghi. Ecco i risultati di uno studio Swiss Life
CANTONE
9 ore
Cambio alla testa dell'ASIF
Prende il posto dell'uscente Walter Schick, che ha deciso di passare il testimone
FOTO E VIDEO
CANTONE
9 ore
Iniziativa 99%, l'azione dei Giovani socialisti
È stata inscenata domenica, a una settimana esatta dalla chiamata alle urne
CANTONE
9 ore
Si vota sui contratti di affitto, iniziativa salvagente o «inutile»?
Il prossimo 26 settembre il popolo dovrà esprimersi sull'iniziativa cantonale sulle pigioni.
LUGANO
11 ore
Il nuovo sindaco di Lugano è Michele Foletti
Alle 18 scadeva il termine per presentare la propria candidatura, ma nessuno (come da previsioni) si è fatto avanti.
MURALTO/ LUGANO
12 ore
Urla in piena notte e disordine ovunque
Morte in albergo: la coppia della stanza adiacente alla 501 riferisce di una lite in cui si parlava di soldi.
CANTONE
13 ore
Godiamoci una settimana di sole
Ultime gocce oggi, poi un lieve rialzo delle temperature.
MENDRISIO
14 ore
Da domani si può tornare sul Generoso
La linea ferrovia è stata ripristinata dopo la frana caduta ieri.
CANTONE
14 ore
Vaccini on the road: «Più di 2'700 inoculazioni»
Da oggi il bus itinerante toccherà alcune località del Luganese e delle Valli del Ticino.
CANTONE
14 ore
Si entra nella stanza 501: tutti i dettagli
Giallo dell'hotel La Palma Au Lac di Muralto, al processo la versione dell'imputato. Dal gioco erotico all'allarme.
ASCONA
16 ore
L'hotel Castello del Sole è il migliore di tutta la Svizzera
È la seconda volta che la struttura riceve il prestigioso riconoscimento della guida GaultMilliau.
CANTONE / SVIZZERA
20.11.2020 - 06:000

«Pronti ad accogliere pazienti di cure intense da altri cantoni»

In tutta la Svizzera ci sono ancora 314 letti disponibili. Ma potrebbero rendersi necessari spostamenti sovraregionali

L'UFSP: «Dall'Italia invece non è arrivata nessuna richiesta ufficiale. Se pervenisse, verrà esaminata».

BELLINZONA - «Gli 876 letti per terapia intensiva certificati e riconosciuti dalla Società svizzera di medicina intensiva (SSMI), normalmente disponibili in Svizzera per il trattamento degli adulti, attualmente sono praticamente tutti occupati». È questa la frase che ha creato scalpore ieri, soprattutto in Italia. Perché in Svizzera i media avevano riportato la comunicazione della SSMI interamente: «Oltre alla creazione di nuovi posti, il sovraccarico ha potuto essere evitato grazie al rinvio di operazioni non urgenti».

Ancora 314 letti liberi in cure intense - La situazione, seppur delicata, non è così tragica. Lo ha confermato il consigliere federale Alain Berset in conferenza stampa da Lugano: «Ci sono 511 persone affette da Covid-19 nelle cure intense, 315 con altre patologie. Abbiamo ancora 314 letti liberi» (dato del 18 novembre). La preoccupazione, piuttosto, è per il personale di cura: «Ogni letto in cure intense ha bisogno di personale specializzato e oggi è questo che ci preoccupa». 

Trasferimento di pazienti tra cantoni - Negli scorsi giorni i Cantoni hanno ricevuto l'appello: «Effettuate trasferimenti sovraregionali di pazienti a partire da un’occupazione dell’80%, per mantenere la capacità d’accoglienza regionale». Una procedura per cui anche il Ticino ha dato la sua disponibilità, come confermato dal direttore della Divisione della salute pubblica, Paolo Bianchi: «Abbiamo definito una procedura di valutazione e decisione, un protocollo. Non per forza ce ne sarà bisogno, ma siamo pronti e se il tasso di occupazione dei letti da parte dei pazienti ticinesi, così come l'evoluzione del fabbisogno lo consentirà, lo potremo fare». Quella del trasferimento di pazienti in altri cantoni è anche una questione di «reciprocità e spirito di solidarietà». Durante la prima ondata tre ticinesi sono stati accolti Oltralpe. Ma - precisa l’avvocato - «non bisogna dimenticare che si tratta di un’operazione che comporta dei rischi. Non è tutto facile come sembra. Bisogna tenere in considerazione le difficoltà e i rischi sanitari del trasporto di pazienti che sono molto complessi». Si tratta infatti di persone il cui stato di salute è precario. Il direttore del Dipartimento della sanità e della socialità, Raffaele De Rosa, ha confermato che «a oggi in Ticino non ci sono pazienti da altri cantoni, ma se servirà saremo solidali».

Nessuna richiesta (ufficiale) dall'Italia - Ma nel nostro cantone si è parlato molto anche della situazione sanitaria della vicina Lombardia. «Nel triangolo Como-Monza-Varese siamo al limite delle possibilità e del collasso», aveva detto la scorsa settimana Claudio Zanon, direttore sanitario dell'ospedale Valduce di Como. E aveva poi lanciato l'appello alla Svizzera: «Se gli ospedali possono dare una mano che ci contattino, o contattiamo noi loro, ma se tra Paesi confinanti ci diamo una mano è meglio perché quello che succede oggi a noi potrebbe capitare a voi domani». Una richiesta che per ora si è fermata solo ai media. «Ufficialmente all’Ente ospedaliero cantonale (EOC) non è arrivata alcuna richiesta in questo senso - precisa Mariano Masserini, responsabile del servizio comunicazione -. Ma sono richieste che devono passare attraverso i canali istituzionali tramite le autorità sanitarie dei paesi coinvolti». E da Berna fanno sapere: «Attualmente l'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) non è a conoscenza di richieste di trasferimento di pazienti covid dall'estero. Nel caso in cui verranno avanzate, la Svizzera le esaminerà. L'UFSP è comunque in contatto regolare con tutti i Paesi confinanti, compresa l'Italia».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-21 06:24:37 | 91.208.130.86