CINA«Via Xi e il Partito comunista», le proteste contro le restrizioni Covid fanno tremare Pechino

27.11.22 - 20:40
La tolleranza zero rispetto ai contagi tuttora applicata dal Governo sta facendo esplodere la rabbia dei cinesi.
Keystone/EPA
Fonte Ats
«Via Xi e il Partito comunista», le proteste contro le restrizioni Covid fanno tremare Pechino
La tolleranza zero rispetto ai contagi tuttora applicata dal Governo sta facendo esplodere la rabbia dei cinesi.

PECHINO - La politica della 'tolleranza zero' al Covid, perseguita con tenacia e ostinazione in quasi tre anni di pandemia, si è trasformata in un pericoloso boomerang per la leadership cinese.

Le migliaia di persone scese a manifestare anche oggi in varie città del Paese, a costo di pesanti conseguenze, hanno preso di mira per la prima volta direttamente il Partito comunista e il presidente Xi Jinping, di cui sono state chieste le dimissioni, insieme a una svolta democratica.

Un affronto che alla Zhongnanhai, la cittadella del potere rosso di Pechino, avrà di sicuro fatto alzare il livello di guardia verso un fenomeno che sta trovando sponde in tutta la Cina come non accadeva dai tempi di Piazza Tienanmen sulla spinta dei social media, dove la creatività ha neutralizzato la censura del Great Firewall. I fogli bianchi tra le mani sono i simboli più riconoscibili anti-lockdown e sfuggono alle maglie dei controlli.

Shanghai e Pechino sono gli epicentri della protesta, che ha però ramificazioni anche in altre città, tra cui Nanchino, Qingdao, Chengdu e Wuhan, il famigerato capoluogo dell'Hebei all'origine della crisi.

Nella capitale cinese, presso la prestigiosa Università Tsinghua, circa trecento studenti hanno protestato dopo l'affissione di un foglio bianco. In serata, alcune centinaia di persone si sono radunate lungo il fiume Liangma e nelle aree limitrofe per una veglia - a dispetto delle restrizioni anti-Covid - in ricordo delle vittime dell'incendio di Urumqi, nello Xinjiang, costato la vita a 10 persone la scorsa settimana in una tragedia imputata alle inflessibili politiche anti-Covid. Tra i canti, l'Internazionale e Imagine di John Lennon.

I video circolati online mostrano la rabbia di una popolazione esausta, sfinita e frustrata per le continue restrizioni sanitarie che ripetono la solita ricetta: lockdown, test di massa, quarantene interminabili e ingerenze nella sfera dei diritti.

Lo stesso Xi, appena riconfermato alla guida del Pcc con un inedito terzo mandato di fila, ha definito «poco costosa» la linea dello zero-Covid, nonostante le restrizioni abbiano affossato l'economia, affermando che la linea del governo sarebbe rimasta quella fino alla «vittoria finale» sul virus.

Anche le immagini dei Mondiali di calcio in Qatar, con stadi strapieni di spettatori senza mascherina, sono diventate oggetto di dibattito tra i netizen, simbolo di un mondo esterno che ha fatto altre scelte rispetto alla Cina. Il network statale Cctv, trasmettendo gli incontri, ha dunque pensato bene di tagliare le riprese del pubblico sugli spalti.

A Shanghai, Wulumuqi Road - che prende il nome da Urumqi - è diventata il cuore delle rivendicazioni: sabato c'è stata la veglia sfociata in una protesta poi stroncata con decine di arrestati dalla polizia. Il pugno duro non ha scoraggiato le altre centinaia di persone che si sono ripresentate oggi chiedendo in forma esplicita la fine del Partito comunista, le dimissioni di Xi Jinping, la democrazia ed esprimendo solidarietà alla causa delle donne iraniane.

A Shanghai c'è una rabbia diffusa per i due mesi di lockdown vissuto fino agli inizi di giugno che hanno visto la città sprofondare in un incubo, mentre per tutta risposta l'allora segretario del Pcc cittadino Li Qiang è stato promosso da Xi a numero due del partito, quindi a premier in pectore.

«Abbasso il Partito comunista cinese, abbasso Xi Jinping», recita uno slogan riconoscibile in un video postato sui social.

La Cina, tra l'altro, è nel pieno della peggiore ondata di Covid-19 dall'inizio della pandemia, con numeri record (ma comunque relativi rispetto al resto del mondo) che sono saliti sabato - secondo la Commissione sanitaria nazionale - a quasi 40'000 unità su scala nazionale, in prevalenza a Guangzhou, Chongqing e Pechino.

Intanto sembra emergere l'impatto della straordinaria protesta organizzata a Pechino da Peng Zaizhou, il vero nome di Peng Lifa, sul cavalcavia di Sitong, lo scorso 13 ottobre alla vigilia del XX Congresso del partito. Gli slogan da lui scritti sugli striscioni sono stati ampiamente ripresi dai manifestanti: dal «non vogliamo fare i tamponi, vogliamo libertà» e al «vogliamo dignità non bugie», fino al «via il dittatore Xi Jinping».

COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE