rescue media
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
10 min
«Ecco perché la gente ruba le mascherine»
Panico da Coronavirus, il sociologo Sandro Cattacin critica le autorità: «Sbagliato fermare carnevali ed eventi».
CANTONE/ITALIA
51 min
L'odissea di una famiglia ticinese a Malpensa
Cancellato il volo per le Canarie, senza rimborso. «Faremo causa»
CANTONE
7 ore
Nuova notizia fake, si scherza con la salute di tutti
Sono stati diffusi alcuni nostri articoli volutamente modificati. Seguite solo i canali ufficiali
CANTONE
10 ore
Giuseppe Buffi, il ricordo a 20 anni dalla sua scomparsa
Il PLR invita a una commemorazione presso il Palazzo delle Orsoline a Bellinzona
FOTO E VIDEO
VACALLO
11 ore
Rapina a un distributore di benzina
È accaduto in via del Breggia. I tre malviventi si sono dati alla fuga
CANTONE
11 ore
Quindici aziende "lasciano a casa" per il virus
Telelavoro "coatto" per evitare contagi. La lista delle aziende si allunga. L'indagine Aiti
CANTONE
14 ore
Coronavirus: «Ci sono 15 casi sospetti»
Merlani: «Attendiamo i risultati dei test». Le scuole lunedì saranno aperte normalmente
FOTO E VIDEO
AROGNO
15 ore
Fiamme e fumo in Val Mara
Sul posto sono giunti i pompieri. La situazione è ora sotto controllo
CANTONE
15 ore
Scuola di polizia: assunti in 50
Iniziano lunedì i corsi per aspiranti gendarmi. Tra le nuove reclute 6 donne
LUGANO-MILANO
15 ore
Chi ha paura di andare a Milano?
Ecco come i nostri lettori si regolano con l'epidemia
CANTONE
15 ore
Carnevali annullati: «Soldi pubblici per compensare le perdite»
L'MPS chiede al Governo di allestire in tal senso un messaggio all'indirizzo del Gran Consiglio
CAPRIASCA
15 ore
Giù le maschere, tutto torna alla normalità
Senza carnevale Or Penagin, niente orari prolungati per i locali, niente rumore e nessuna autorizzazione speciale
CONFINE
03.04.2018 - 09:490
Aggiornamento : 11:03

Frana di Re: «Sono morti per la burocrazia»

Il sindaco di Arona punta il dito contro Anas: «Ha una responsabilità fortissima. Da anni cerchiamo di far capire che questa strada ha bisogno di interventi rapidi e risolutivi»

RE - «È incredibile che due persone siano morte per la burocrazia». Lo afferma Alberto Gusmeroli, sindaco di Arona (Novara), neoparlamentare eletto nelle file della Lega.

Con altri politici e amministratori ha preso parte ieri al sopralluogo sulla frana di Olgia, frazione di Re, in Val Vigezzo, dove nel giorno di Pasqua due ticinesi sono morti sulla loro auto travolta da grossi massi finiti sulla statale 337. Gli amministratori della valle e i politici puntano il dito contro l'Anas (Ente nazionale per le strade).

«L'impegno di sistemazione di quel tratto è partito nel 2014: verrà cantierizzato nel 2020. Anas ha una responsabilità fortissima», aggiunge Gusmeroli. Critico anche Claudio Cottini, sindaco di Santa Maria, il capoluogo della valle Vigezzo: «Ciò che accade non è frutto del caso. Da anni cerchiamo di far capire che questa strada ha bisogno di interventi rapidi e risolutivi. Abbiamo recuperato 70 milioni di euro per i lavori, ma i tempi di intervento sono ciclopici. Poi in mezzo ci sono i morti. È una mazzata per l'immagine della valle, per un territorio che lavora per portare turismo ed economia: siamo all'anno zero con le tratte stradali».

Sui ritardi di Anas interviene anche Enrico Borghi, parlamentare Pd: «I soldi ci sono e le autorizzazioni anche, non si capisce il motivo per cui Anas stia tergiversando. Era prevista la cantierizzazione per il 2018, oggi si sente parlare di un inizio nel 2020. È una cosa che non esiste, gli impegni assunti devono essere rispettati».

Da molti anni c'è, infatti, un progetto per un intervento di messa in sicurezza del tratto tra l'abitato di Re e il confine italo-svizzero di Ponte Ribellasca. Progetto la cui realizzazione non ha mai preso il via.

Le tempistiche per il ripristino - Se ci vorranno almeno due settimane per riaprire la ferrovia Vigezzina, per rendere nuovamente percorribile il tratto di strada interessato dalla frana saranno necessari fino a 3 mesi. Sono queste - come riferisce la Rsi - le previsioni rivelate dal sindaco di Re, Oreste Pastore, dopo l'ultimo sopralluogo effettuato con l'aiuto dei droni.

Vi è, inoltre, il rischio che altre rocce, simili a quelle che hanno ucciso i due coniugi di Minusio, possano staccarsi dalla parete. Le operazioni di ripristino dovrebbero avere un costo che si aggira sui 300'000 euro.

Nel frattempo - come riferisce laRegione - il pubblico ministero della Procura di Verbania ha aperto un procedimento per omicidio colposo a carico di ignoti.

Commenti
 
vulpus 1 anno fa su tio
È un tratto di strada che ha sempre fatto paura, anche se solo emotivamente. sia il tipo di protezione presente, sia la verticalità della montagna, e la larghezza del sedime stradale sono poco adatti al tipo di strada internazionale.
Sabrina Lurati 1 anno fa su fb
ANAS ha molti morti sulla coscienza ?
Maria Lucrezia Perna 1 anno fa su fb
Condivido ?
miba 1 anno fa su tio
Per una questione di correttezza/coerenza e senza entrare nel merito di discorsi che pochi comprendono, incluso il sottoscritto (fondi/stanziamenti UE, ANAS, ecc), il totale dei Km di strade ed autostrade in Italia è di 844'250 mentre in Svizzera di 71'464 (autostrade, semi autostrade. strade cantonali e comunali). Evidentemente i problemi, le priorità e la gestione sono un po' diversi tra l'Italia ed il nostro paese.........
Mattiatr 1 anno fa su tio
@miba Secondo me il problema della repubblica italiana è il fatto che è una repubblica. È una nazione come hai già detto enorme, come può un solo organismo centrale gestire tutto senza peccare. A parer mio se fosse una confederazione come la nostra amata Svizzera ci sarebbero più attenzioni sul singolo. Affiderei la gestione delle strade per regione senza il coinvolgimento dei privati. Così l'Italia come nazione dovrebbe unicamente le strade nazionali che collegano le regioni, le varie regioni solo le strade che collegano le province, le province le strade che collegano i comuni e così via fino a raggiungere tutte le case. Così se ci fossero delle buche si potrebbe segnalare il problema al comune che probabilmente sarebbe più reattivo rispetto a una società che lavora a livello nazionale. Da quanto ho capito l'anas si occupa di gestire una fetta delle strade in tutta Italia, se ci fosse un sistema più simile a quello svizzero sarebbe meglio. Ma forse ho capito male e i sistemi sono uguali, se così fosse mi scuso in anticipo ;-). Buona gioanata
bananasplit 1 anno fa su tio
Alberto Gusmeroli, sindaco di Arona, non i disperi !!! ... le 2 povere vittime ( faccio Sincere Condoglianze) erano il giorno sbagliato ... nel posto sbagliato ... x loro Destino ! Da Chiasso ad Airolo caro Sindaco ... non passa settimana che, franano sulle strade , ferrovia piazze Pubbliche ... massi o piante ! Anche da noi... come Roma ... a volte Berna è lontana e non parliamo la stessa lingua ... :- ( . Quindi buon lavoro e tanti Saluti 100x100 ab
oxalis 1 anno fa su tio
Sorprende il fatto che la nostra Doris occhidolci non abbia ancora proposto di provvedere noi, a nostre spese, alla messa in sicurezza dell'intera tratta ferrovia/strada. Tant par fas vuré ben...
Mattiatr 1 anno fa su tio
@oxalis Dai un miliardo di riparazione delle infrastrutture pubbliche lo possiamo donare.
Figenfeld 1 anno fa su tio
Sono anni-decenni che su quelle strade di Confine, da parte di Roma non si muove un cip e sono solo bravi di incassare e fare un c***! Le Province del nord ormai sono troppo lontane e le sfruttano in tutti i modi per riempire la cassa nella capitale. Sarebbe il tempo giusto di boicottare e chiedere risarcimenti pesantissimi a Roma, per il futuro delle Regioni del Nord e per evitare morti per colpa di negligenza, e per far capire di sostenere molto di più queste Regioni che fruttano l'indotto del Paese italiano! Idem sarebbe da dire, però in un altro contesto per le Regioni da Roma in giù con tutti quei giovani dissoccupati che stanno sul borsello vuoto dei genitori.
centauro 1 anno fa su tio
@Figenfeld Concordo totalmente le tue parole, ricordo addirittura che molti anni fa, quando nello stesso tratto stradale le vittime a causa di una frana sono state 3 frontalieri che si stavano recando al lavoro, un sindaco di un comune della valle, viste le lungaggini per adeguare e riaprire la strada, aveva esplicitamente e mi pare anche inviato richieste per inglobare il suo comune nella Confederazione Elvetica!
Mattiatr 1 anno fa su tio
@Figenfeld Mi sono trovato a seguire anche un po' di politica estera di recente, sopra tutto italiana. Quello che dici te sarebbe bello! Ma la verità che in Italia gli italiani non contano più nulla. Basti vedere i recenti accordi ONU con l'Iran riguardo la storia migranti. Dove manderanno un quarto dei richiedenti di asilo? In Italia. Eppure gli italiani sono stufi di averne in giro. Infatti se il movimento 5 stelle non avesse ingannato gli elettori meridionali con un reddito di cittadinanza impossibile avrebbe sicuramente vinto il centro destra. Ora la politica italiana è in stallo e lo sarà per i prossimi 5 anni ci sarà uno stallo. Nessuno ha la possibilità di governare e le varie forze sono troppo diverse per creare alleanze solide. Quindi per altri 5 anni l'Italia resterà uguale mentre il mondo va avanti. Quindi con una politica debole e con una fortissima dipendenza dall'Unione Europea legata al debito pubblico e alla moneta come si può pensare che l'Italia possa prendere posizione in alcuni ambiti esteri? Personalmente penso che se l'Italia non esce dall'Unione Europea o abbandona la moneta euro non cambierà nulla. E quelli che dovranno sopportare i vicini rompi balle non saranno i tedeschi che dall'UE hanno solo guadagni ma noi! Almeno spero di non star dicendo baggianate. Buona giornata @Figenfeld e anche te @centauro :-D
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-02-28 07:10:16 | 91.208.130.87