Immobili
Veicoli
Tio/20Minuti
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
2 min
Ecco dove farsi testare il prossimo weekend
Check Point, farmacie ma non solo. Domenica 23 gennaio verrà infatti riproposto anche il Drive-In di Rivera.
LOCARNO
22 min
Le FART non cambiano idea: orario soltanto digitale
Il direttore Blotti: «Il servizio clienti ha ricevuto soltanto pochi reclami»
CASTEL SAN PIETRO
38 min
Medacta: le vendite vanno a gonfie vele
Lo scorso anno sono cresciute del 20%, superando nettamente anche le cifre raggiunte prima della pandemia.
CANTONE
1 ora
Covid: 1473 positivi e una nuova vittima
Si registrano anche quattro nuove quarantene di classe e altri 22 contagi in casa anziani
CANTONE
3 ore
En attendant Contact Tracing: «Ormai guarito, mi dicono "isolati"»
La marea di contagi ha ingolfato il Contact Tracing, la testimonianza di chi è stato avvisato quando era ormai guarito
LUGANO
5 ore
Bimbo prega per fare trovare un lavoro al papà
Il commovente messaggio di un bimbo luganese pubblicato sui social da don Emanuele Di Marco, direttore dell'oratorio.
CANTONE
16 ore
«Dei genitori non ci portano più i loro bambini»
Parte dei club sportivi ticinesi hanno deciso, come in vigore per le scuole, di imporre la mascherina ai bambini.
POSCHIAVO (GR)
16 ore
La Valposchiavo fa il pieno di turisti
Nel 2021 ha registrato oltre 80'000 pernottamenti: un record
CAMPIONE D'ITALIA
19 ore
Il Casinò di Campione riapre tra una settimana
Ora è ufficiale: la casa da gioco dell'enclave tornerà ad accogliere i clienti da mercoledì 26 gennaio.
FOTO
CANTONE
20 ore
Il Console italiano incontra il Governo
Durante la riunione si è discusso delle relazioni economiche tra Italia e Svizzera e di temi a carattere locale.
CANTONE
1 gior
Più soldi con il sole
La tariffa per la rimunerazione dell'energia stabilita da AET sale da 5,146 a 11,03 centesimi per kWh.
CANTONE
1 gior
Nuovi positivi a scuola e nelle case anziani
Sono 17 le classi attualmente in confinamento. Nelle strutture per anziani sono 116, in totale, gli ospiti positivi.
CANTONE
1 gior
Giornata da 13 tonnellate di aiuti per Tavolino Magico
La colletta svoltasi in nove diverse fililali Coop lo scorso 11 dicembre è stata un successo.
CANTONE
1 gior
Telelavoro, ecco quanti sono i furbetti in Ticino
L'Ufficio dell'ispettorato del Lavoro snocciola qualche numero e spiega: «Si rischiano sanzioni e denunce»
LUGANO
1 gior
In primavera si punta di nuovo sul lungolago (chiuso)
Lo scorso anno la chiusura domenicale è stata un successo. L'iniziativa sarà riproposta a partire da Pasqua
CANTONE
01.11.2021 - 15:040
Aggiornamento : 02.11.2021 - 08:22

Driver, l'affissione contro Unia: «Opera di un "padroncino" in difficoltà»

Un singolare striscione fa la sua comparsa davanti alla sede di Manno del sindacato

Giangiorgio Gargantini: «Mi pare chiaro che non sono stati i driver ad averlo esposto, ma "padroncini" intimoriti dal nostro lavoro»

LUGANO - Dopo la polemica scoppiata attorno al nuovo contratto proposto ai driver di Divoora, uno strano striscione ha fatto la sua comparsa davanti alla sede di Unia, in via Vedeggio, a Manno. L'affissione, presto rimossa, era rivolta proprio al sindacato che, negli scorsi giorni, ha criticato l'inattesa e svantaggiosa modifica contrattuale proposta a un soffio dall'entrata in vigore della legge sul salario minimo.

«Unia dove sei?», recitava tuttavia lo scritto anonimo rimosso in giornata. Quindi proseguiva con un elenco puntuale: «Vi siete chiesti cosa vogliamo veramente noi driver? No! 1. Contratti non vincolanti. 2. Pagamento a cottimo con un minimo garantito».

«Il messaggio di uno dei "padroncini" in difficoltà» - Parole, queste, che hanno fatto storcere il naso al segretario di Unia, Giangiorgio Gargantini: «Mai visti dei lavoratori che avanzano richieste simili. Questo è il messaggio di uno dei "padroncini" del settore che si sente minacciato dal nostro lavoro», commenta interpellato da Tio/20 Minuti.

Per il sindacalista, infatti, il caso Divoora non è un unicum: «Un mercato esploso nel periodo Covid, con il lockdown, evidentemente tenderà a ridimensionarsi con il graduale ritorno alla normalità. Non si può però far pagare questa contrazione ai lavoratori. Le leggi ci sono e devono essere rispettate», aggiunge. Gargantini promette di prendere contatto con l'azienda nei prossimi giorni «dopo ulteriori discussioni con i lavoratori».

Il caso - Il bubbone è esploso lo scorso venerdì, dopo la comparsa di un nuovo contratto di lavoro sottoposto dalla società di food delivery ticinese ai propri dipendenti, senza preavviso, con la richiesta di sottoscrizione entro le 24 ore. Il contratto, di fatto, limitava la retribuzione del fattorino ai soli momenti della consegna del cibo, lasciandolo con un pugno di mosche per il restante tempo in attesa.

Una modifica, aveva fatto sapere la ditta, dovuta a questioni di «natura informatica». Giustificazione, questa, irrisa anche dal sindacato Ocst che, criticando la retribuzione «al minuto» aveva chiaramente parlato di «nuove frontiere della precarietà, nicchie di disperazione occupate da chi non ha alternative e cui non vengono riconosciuti i diritti più basilari».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Paolamaria 2 mesi fa su tio
"Divoora si impegna a offrire a tutti i suoi drivers un lavoro etico e ben retribuito.." Etico, per ne è un'altra cosa...che tristezza
Antonio97 2 mesi fa su tio
Bisogna trovare un punto d’incontro, va bene 19 fr all’ora ma il driver deve garantire almeno 2 consegne BISOGNA AVERE UN PUNTO D’INCONTRO SIA PER LE NUOVE AZIENDE IN TICINO SIA PER LE PERSONE CHE VOGLIO ARROTONDARE, allora perché tutte le aziende non pagando la pausa pranzo, oppure non pagano le ore da quando si parte di casa? Allora perché pagare i driver anche se sono fermi? Non ha senso, così facciamo fallire tutti quanti, e i giovani non hanno né opportunità di arrotondare e/o di investire in Ticino. La soluzione è UN PUNTO D’INCONTRO. Non quello che vogliono i sindacati.
mastermi 2 mesi fa su tio
@Antonio97 ma pensi che al sindacato interessi ? a loro interessa il cadreghin e il loro stipendio. per il resto , come cantava Mina, " parole parole paroleee "
Giorgio1 2 mesi fa su tio
Paura dei poveri multi milionari, Voi dovreste preoccuparVi di quello Che Pensano I lavoratori quando Pagano Le Vostre non giustificate quote
Gus 2 mesi fa su tio
I manifesti sindacali non vengono mai rimossi; questi si. Perché?
seo56 2 mesi fa su tio
UNIA e altri sindacati … sono la rovina dei lavoratori
Princi 2 mesi fa su tio
@seo56 concordo 100%
belaolga 2 mesi fa su tio
uee 007..🤣🤣sempre a criticare tutte le novità in arrivo, al posto di trovare soluzioni eque...per i ristoranti vuoti ringrazia il pazzo Berset....e lascia lavorare i giovani che portano idee nuove nel cantone le soluzioni ci sono da ambo le parti...
mastermi 2 mesi fa su tio
@belaolga giustissimo
Yankee 2 mesi fa su tio
A Londra i ragazzi dei numerosi delivery in scooter erano tutti studenti che grazie a queste ditte riuscivano a tirare dentro un qualche cosa per permettere loro di vivere. Qui mi sembra si stia esagerando. Io li farei lavorare ad ore e riuscendo ad avere prezzi bassi, il cliente potrebbe anche dar loro delle mance.
matthias87 2 mesi fa su tio
unia ocst non sono a favore del lavoratore ma lavorano solo per i loro gli interessi, ladri! il cantone dovrebbe abolire o regolamentare i deliveri come divora. perché colpiscono lavoratori che hanno bisogno di arrotondare o persone bisognose di soldi. incrementando lo sfruttamento.
dan007 2 mesi fa su tio
Smettetela di ordinare dei cibi délivery solo così chiuderanno quelle ditte in ogni caso vi siete chiesti quanto costerà il vostro ordine se pagano 20 franchi l’ora contratti regolari vacanze non sarà più accettabile questo servizio scandaloso mangiare cibo da asporto pizza moscia hamburger afflosciati poche salse porzioni piccole e sopratutto ristoranti vuoti
Avetesempreragionevoi 2 mesi fa su tio
@dan007 Assolutamente d’accordo… personalmente sono contro anche all’e-commerce… peccato che comprate tutti su Zalando e poi chiudono i negozi… ma non vi piace più fare shopping ed una camminata in centro? Ps se i negozi online pagassero le imposte alle nostre latitudini o nelle nazioni dove vendono non sarei contrario.
seo56 2 mesi fa su tio
@dan007 Uno sarà poi libero di ordinare il cibo dove meglio crede… preciso meglio consumare cibo d’asporto tranquilli in casa e in compagnia che andare al ristorante e prendermi magari il Covid visto che i controlli e le misure di sicurezza sono pressoché nullo…
Shion 2 mesi fa su tio
@dan007 Non è cosi a Zurigo. Ci lavoro come driver a 25 all'ora. È sempre il Ticino la terra di gente semza scrupoli tutto lì. Divoora poi, banda di incapaci.
mastermi 2 mesi fa su tio
@Shion concordo in pieno !!! qui sembra la terra di nessuno, ma basti vedere la politica e la cultura che abbiamo...
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-20 11:19:09 | 91.208.130.89