Foto J.M. FEINEN
ULTIME NOTIZIE Ticino
LOSONE
6 min
Ex caserma, il Municipio punta sull'Accademia Dimitri
Trattative in corso per far nascere nella struttura un polo culturale del Locarnese
CHIASSO
17 min
Tessera sconto per i cittadini di Chiasso
Il Municipio desidera sostenere i commerci e gli esercizi pubblici della città
LUGANO
38 min
Appello per ripulire le sponde del Cassarate
La Commissione di quartiere cerca volontari per la mattinata di pulizia prevista domani
CAMORINO
39 min
Lite al centro asilanti, un arresto
Due ospiti del bunker di Camorino sono venuti alle mani. Scattano le manette
CANTONE
1 ora
Nuovi focolai in due feste private
«Dobbiamo mantenere alta la guardia». De Rosa e il governo introducono nuove disposizioni per contenere l'epidemia
CANTONE
2 ore
Sciopero alla Walo: «Il virus non cancella i diritti dei lavoratori»
Il Partito Comunista chiede al Governo di schierarsi: «Non nasconda la testa sotto la sabbia»
CANTONE
2 ore
Perché il nome di quel ragazzo è sul sito del Cantone?
Strage sventata alla Commercio: il giudice Mauro Ermani chiedeva privacy per l'imputato. Ma poi...
LUGANO
3 ore
«Creazione culturale nell'area di Besso-Massagno»
Una mozione chiede di convertire alcuni edifici in spazi per teatro, danza, musica e cinema.
TICINO
4 ore
E-bike: regole di comportamento
Nel 2019 gli incidenti con biciclette elettriche sono stati 31
CANTONE
4 ore
Tre Stelle Michelin per il 130mo del San Salvatore
Per il terzo consecutivo, il “pan di zucchero luganese” si è visto confermato l’autorevole riconoscimento
CANTONE
4 ore
Dopo le medie: la metà opta per la formazione di base
Il 44% intende iscriversi al liceo o alla Scuola cantonale di commercio.
CANTONE
4 ore
Un temporale, quasi 10 gradi in meno
È accaduto ieri a Lugano. Altrove raffreddamenti, ma non così marcati
LUGANO
4 ore
Crediti Covid, arrestato un "furbetto" nel Luganese
Oltre 600mila franchi usati, in realtà, per spese personali. In manette un 47enne italiano
GIUBIASCO
03.06.2020 - 08:020
Aggiornamento : 12:07

«Quella volta che ho fatto nascere una bambina in ambulanza»

Giovani e volontariato: un rapporto difficile? Non è quello che pensa Adam Andreoli, soccorritore professionista

di Redazione
GAIA NANNINI

GIUBIASCO - Adam Andreoli, di Giubiasco, ha 24 anni e ha iniziato come soccorritore volontario in ambulanza ad appena vent’anni. Un percorso difficile e intenso, ma anche la sua più grande passione che è diventata il suo lavoro, diplomandosi nell’agosto 2018 come soccorritore a tempo pieno. Attualmente è il più giovane professionista del nostro Cantone. 

Come è nata la sua passione?
«Durante l’ultimo anno di liceo mi sono trovato faccia a faccia con il mio futuro: andare avanti con gli studi universitari per poi trascorrere gran parte del mio tempo in ufficio, oppure dare una svolta alla mia vita cambiando completamente percorso?»

Ha scelto la svolta…
«Esatto. La settimana successiva mi sono recato dall’orientatrice e mi sono accorto che i miei interessi erano legati alla biologia umana, alla medicina, e a un fattore tramandatomi da mio zio che è un agente di polizia: l’urgenza. Partecipando alla serata informativa della formazione soccorritori diplomati presso la SSSCI di Lugano, mi sono convinto: era la mia strada. Dopo uno stage di sei settimane in una struttura ospedaliera e terminato il primo anno di formazione, sono diventato prima soccorritore volontario e poi soccorritore volontario autista presso il servizio ambulanza di Tre Valli Soccorso a Biasca».

Cosa l'ha spinta a diventare soccorritore?
«Lo spirito di altruismo e di aiuto verso il prossimo che mi caratterizza come persona. Arrivare in un momento di difficoltà, magari sul luogo di un incidente, prestare un primo soccorso ai coinvolti per poi trasportarli in ospedale e vederli stare meglio di quando li ho visti inizialmente, fa stare bene anche me».

Cosa è stato per lei il volontariato?  
«Un’esperienza formativa importante, stimolante, ricca di interventi carichi di adrenalina alternati a momenti di tranquillità. Le conoscenze che ho acquisito durante il corso volontari e durante i turni in servizio mi hanno permesso di reagire in modo più controllato in situazioni quotidiane. A chiunque potrebbe capitare di camminare per strada e veder cascare a terra una persona, magari per un arresto cardiaco, ed è importante sapere come comportarsi e come reagire senza mettere in pericolo se stesso e gli altri».

A volte, però, può essere impegnativo…
«Capitano situazioni straordinarie che possono metterci alla prova fisicamente e psicologicamente. Con il COVID-19, per esempio, Croce Verde Lugano ha raggiunto un picco di 49 interventi nelle 24 ore, trasportando casi sospetti, positivi al virus e per altre patologie. È stato un periodo frenetico, anche a causa delle continue e approfondite disinfezioni dei veicoli e dei materiali. Tuttavia, i soccorritori volontari che di solito danno man forte sia al personale medico e professionista, sia ai presenti sul luogo degli eventi, non hanno potuto lavorare durante il coronavirus».

Di quale intervento ha un bel ricordo?
«In verità la cosa più bella è semplicemente sentirsi dire dai pazienti o dai loro parenti “grazie”, solo per avere prestato soccorso e aver fatto il proprio dovere. Ma l’esperienza più bella in assoluto che mi è capitata è stata far nascere una bambina in ambulanza!».

Come si diventa soccorritore volontario?
«Bisogna inoltrare la candidatura ad un concorso aperto ad uno dei servizi presenti sul nostro territorio. I candidati devono essere maggiorenni, in buona salute, senza condanne penali, essere disposti a lavorare a turni, anche nei giorni festivi e fine settimana, per un periodo di attività medio-lungo nel tempo», spiega Adam. Il processo di selezione prevede inoltre la partecipazione a un corso BLS-Dae, il test di idoneità fisica e un colloquio individuale con i responsabili dei servizi. Il corso è suddiviso in teoria e pratica, ore di studio personale e turni in ambulanza. Al termine della formazione e dopo il superamento degli esami, i soccorritori volontari devono garantire mediamente 250 ore annue in ore di servizio, interventi, formazioni pratiche e teoriche e picchetti a manifestazioni. «Non è impossibile», afferma sorridendo il giovane professionista «ma indispensabile».
G.N.

Entra anche tu in servizio
Se sei interessato a intraprendere la formazione come soccorritore volontario prendi contatto con il servizio ambulanza del tuo comprensorio oppure vai sul sito: http://www.amut.ch/it/corsi-per-la-popolazione.

 

Foto J.M. FEINEN
Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-03 15:47:05 | 91.208.130.87