keystone-sda.ch (ANTHONY ANEX)
Berna
+60
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
13 min
Misure già rafforzate in diversi cantoni
Basilea (Città e Campagna), Soletta, Zugo e Svitto hanno reso obbligatorie le mascherine nei luoghi pubblici.
SVIZZERA
48 min
Covid Pass anche per incontri privati con più di dieci persone
La proposta del Governo: Covid pass anche nel privato, mascherina al chiuso, e test rapidi validi solo 24 ore.
SVIZZERA/GERMANIA
1 ora
La Svizzera apre ai pazienti tedeschi
Il Baden-Württemberg potrebbe trasferire malati di Covid nel nostro paese. «Situazione drammatica»
SVIZZERA
2 ore
«Il medico non è obbligato a procurarsi il dossier di un paziente»
Il Tribunale federale ha confermato l'assoluzione di un praticante processato per la morte di una paziente
SVIZZERA
2 ore
La Posta rafforza le misure anti-Covid
Telelavoro, obbligo di mascherina negli ambienti chiusi e nessun festa di fine anno
SVIZZERA
2 ore
Omicron? Questi test la riconoscono
Le verifiche sono state effettuate sui test PCR, antigenici e degli anticorpi.
LUCERNA
2 ore
Toilette neutre nelle scuole lucernesi
L'Esecutivo cittadina raccomanda di accogliere la relativa proposta della socialista Regula Müller
SVIZZERA
3 ore
«La quarantena non ha senso, puntiamo sui test»
Con la diffusione della variante Omicron, in Svizzera sono scattate norme d'ingresso più severe per 23 paesi
SVIZZERA
3 ore
Oltre ottomila casi in Svizzera, 138 i nuovi ricoveri
Si aggrava la situazione ospedaliera: i pazienti Covid occupano ora il 26,5% degli spazi di terapia intensiva.
SVIZZERA
4 ore
Il volontariato soffre per il Covid
Partecipazione in calo in Svizzera dall'inizio della pandemia
GLARONA
5 ore
Tanta eroina e contanti a palate, 19enne in manette
Il giovane, che in casa aveva contanti per migliaia di franchi, nascondeva la sostanza nel vicino bosco.
SVIZZERA
6 ore
Due su cinque hanno radici straniere
Le nazionalità più presenti sul territorio sono quelle italiana e tedesca.
SVIZZERA
6 ore
Aiuti ai trasporti pubblici, ok dal Consiglio nazionale
Approvato con larga maggioranza il credito di 215 milioni di franchi per tamponare le perdite causate dal Covid
CANTONE/SVIZZERA
22.10.2021 - 23:310

Migliaia di persone in piazza per salvare il pianeta

Le manifestazioni si sono svolte in tutta la Svizzera. Gli attivisti hanno fatto sentire la loro voce anche a Bellinzona

Seicento persone nella capitale ticinese. Sei volte di più in quella federale. Tutti uniti perché la politica inizi ad adottare «misure sociali ed ecologiche di protezione del clima».

BELLINZONA / BERNA - A circa una settimana dall'inizio della Conferenza mondiale sul clima a Glasgow, in Scozia, il movimento "Sciopero per il clima" è nuovamente sceso in piazza in Svizzera. A Berna, diverse migliaia di persone si sono radunate sulla Piazza federale nel pomeriggio. Manifestazioni si sono svolte in diverse altre città elvetiche.

In seicento nella capitale ticinese... - Tra di loro spicca quella di Bellinzona, dove circa seicento giovani ticinesi hanno marciato su Piazza Governo al grido di «giù le mani dal nostro futuro». Gli attivisti di Sciopero per il Clima Ticino hanno in particolar modo sostenuto le MAPA, ovvero quelle regioni che subiscono la maggior parte delle conseguenze pur non essendo minimamente responsabili del cambiamento climatico. «Oggi stiamo ancora scioperando. Questa volta vogliamo mettere in luce quelle aree e quelle persone che la crisi climatica la vivono già fin troppo», sottolinea Tessa Viglezio, una delle manifestanti ticinesi. «L’aumento delle temperature ha mostrato come anche qui in Svizzera alcune fasce della popolazione siano più vulnerabili a eventi meteorologici estremi». «Giustizia climatica significa capire che non siamo tutte e tutti sulla stessa barca», dichiara da parte sua Larissa Bison durante il suo discorso in Piazza Collegiata. «Vuol dire rendersi conto dei propri privilegi e del proprio ruolo inquinante, e agire di conseguenza».

...molti di più in quella federale - Nella città federale, sono invece state circa 3'500 le persone che si sono riversate nella piazza antistante il palazzo del Parlamento. Tra di essi anche numerosi piccoli gruppi provenienti da località della cintura urbana di Berna, che con una sorta di cammino a forma di stella si sono poi riuniti sulla Piazza Federale. I vari oratori hanno esortato la politica «ad adottare misure sociali ed ecologiche di protezione del clima». Gli stessi messaggi facevano bella mostra di sé anche sui numerosi striscioni branditi dai dimostranti.

In duemila nella città di Calvino - A Ginevra secondo la polizia sono state circa 2000 persone a sfilare per le strade del centro storico fino alla Piazza delle Nazioni. Secondo gli organizzatori, questo luogo simbolico è stato scelto per ricordare l'ultimo rapporto del Gruppo intergovernativo sul cambiamento climatico (IPCC), che la scorsa estate ha annunciato che «in futuro ci saranno eventi meteorologici estremi con una frequenza e gravità senza precedenti». Centinaia di persone hanno preso parte a cortei e dimostrazioni anche a Basilea, Bienne e Neuchâtel.

L'appuntamento scozzese - Il 31 ottobre a Glasgow prenderà il via la 26a conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici. Molte sono le critiche mosse alla comunità globale, dato che numerosi paesi non hanno rispettato gli impegni presi in materia di protezione del clima. Pertanto, secondo gli esperti, l'obiettivo fissato congiuntamente nel 2015 di limitare il riscaldamento globale a 1,5 gradi rimane molto lontano. Queste manifestazioni a livello internazionale intendono aumentare la pressione sui governi e spingerli ad agire finalmente e ad adottare le misure necessarie per raggiungere gli obiettivi climatici.

«Maggior impegno» - Per quanto concerne la Svizzera, il movimento "Sciopero per il clima" si aspetta «un maggiore impegno in misure internazionali ambiziose e una rapida riduzione delle emissioni in patria».

Sciopero per il Clima Ticino
Guarda tutte le 64 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Dalu 1 mese fa su tio
Fantastico! Tio non mi permette di scrivere che in Ticino abitano una marea di egoisti che se ne fregano delle prossime generazioni!
Dalu 1 mese fa su tio
Incredibile quanta gente ci sia che se ne frega totalmente di quello che stiamo facendo alle prossime generazioni… che vergogna
madras 1 mese fa su tio
Poi vadino a vedere nei paesi poveri nella zona Europea, e poi ne ridiscutiamo
seo56 1 mese fa su tio
Si fa già troppo!!! Basta con questo ecoisterismo. La mia parte oggi l’ho fatta… ho acquistato una vecchia BMW che consuma 17 litri per 100 km e guidarla é una goduria
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-11-30 17:19:32 | 91.208.130.85