keystone-sda.ch / STR (Ivan Nikiforov)
Incendi sempre più frequenti, a causa delle ondate di calore e del riscaldamento del pianeta.
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
MONDO
1 ora
Quando il drone uccella il carcere
Sono sempre più frequenti i tentativi di bucare dall'alto la sorveglianza nei penitenziari
MONDO
1 ora
Cosa mancherà nei prossimi mesi e dove
Non tutti i problemi di approvvigionamento sono collegati alla pandemia. Ad incidere è anche il clima.
Cina
7 ore
Gli sconosciuti che danno le caramelle ai bambini per spiarli
Un nuovo rapporto rivela le strategie di Pechino «per eliminare il dissenso»
ITALIA
10 ore
Fondazione Open, tra gli indagati c'è anche Matteo Renzi
La Procura di Firenze ha concluso le indagini sulla fondazione che ha sostenuto le idee politiche dell'ex Premier.
Afghanistan
11 ore
Figli ceduti ai creditori per sanare i debiti: la povertà in Afghanistan
Il racconto di una madre disperata: «Se la vita continuerà a essere così orribile, ucciderò i miei figli e me stessa»
LE FOTO
SPAGNA
12 ore
Quei cani ostaggio della lava e la missione con un drone per salvarli
L'obbiettivo è acciuffarli con un drone dotato di una larga rete e trasportarli al sicuro, ma le insidie sono diverse
REGNO UNITO
12 ore
C'è un'altra variante "Delta Plus" sotto la lente
La sua prevalenza è in crescita nel Regno Unito ma per ora non desta preoccupazione. Più contagiosa? «Forse del 10-15%».
GERMANIA
12 ore
Governo "semaforo", le trattative al via giovedì?
A capo dell'esecutivo, nel ruolo di primo cancelliere del dopo Merkel, ci sarà probabilmente Olaf Scholz
ITALIA
14 ore
Senatrice in aula senza Green Pass: «Mi rifiuto». Stop alla seduta
Sospesi i lavori in senato in seguito al caso di Laura Granato, per cui è stata convocata una riunione d'urgenza
Germania
14 ore
«Chi va a letto con il capo ottiene un lavoro migliore»
Un'inchiesta del New York Times scoperchia il quotidiano tedesco Bild: «una cultura di sesso, giornalismo e denaro»
UNIONE EUROPEA
16 ore
«Un ricatto inaccettabile per chi, come noi, ha combattuto il Terzo Reich»
Toni molto accesi oggi al Parlamento europeo, dove si rinnova lo scontro sulla sovranità fra Ue e Polonia
STATI UNITI
17 ore
Condannata per un aborto spontaneo
La donna è stata condannata a quattro anni di prigione per omicidio colposo.
Haiti
17 ore
17 milioni per i 17 americani rapiti
Tra le vittime del rapimento, anche cinque bambini. Il più piccolo ha due anni
AUSTRALIA
18 ore
Bambina di quattro anni scompare durante un campeggio
I genitori hanno lanciato l'allarme al risveglio, quando non l'hanno trovata nella tenda
STATI UNITI
18 ore
La morte di Powell fa il pieno ai "no vax"
L'ex Segretario di Stato americano è morto per complicazioni da Covid-19. Una prova che il vaccino non funziona? No.
STATI UNITI
20 ore
Quelle email inappropriate che Bill Gates mandava a una dipendente
Lo scambio datato 2008 getta nuova luce sulle sue dimissioni, avvenute forse sotto pressione di Microsoft stessa
MONDO
09.08.2021 - 10:450
Aggiornamento : 14:21

Sempre più eventi estremi e Terra più calda: il ruolo delle attività umane è «inequivocabile»

Il Gruppo Intergovernativo sui Cambiamenti Climatici ha pubblicato il suo rapporto, con cinque scenari per il futuro.

Al momento, a causa del ritardo nell'attuazione di molte politiche sul clima, siamo più vicini a quello peggiore che a quello più ottimistico.

GINEVRA - Entro i prossimi 20 anni la temperatura media della Terra aumenterà di 1,5 gradi, una soglia critica dovuta al riscaldamento globale e per il quale il ruolo delle attività umane è «inequivocabile». Ormai i governi non potranno fare più nulla per evitarlo, qualsiasi politica di riduzione delle emissioni di gas serra andranno a mettere in campo. Il cambiamento climatico è «esteso, rapido e in intensificazione».

Il rapporto - Il Gruppo Intergovernativo sui Cambiamenti Climatici (IPCC) ha pubblicato oggi il più ampio e dettagliato rapporto esistente sul tema. Ciascuno degli ultimi quattro decenni è stato il più caldo dal 1850 a oggi e i ricercatori avvertono che le condizioni meteo, che diventano sempre più estreme, sono destinate a peggiorare senza un controllo delle emissioni inquinanti. «Il cambiamento climatico non è un problema del futuro, è qui e ora, e interessa ogni regione del mondo» spiega l'autrice principale del rapporto, Friederike Otto dell'Università di Oxford.

Cinque scenari - L'IPCC ha redatto cinque scenari per i prossimi due decenni: in tutti l'obiettivo di 1,5 gradi dell'accordo di Parigi sul clima viene raggiunto o superato. Nel peggiore di essi si arriva a prevedere un aumento della temperatura media di 4,4° entro il 2100. Ma nel migliore, quello più ambizioso e che ipotizza la riduzione a zero dei gas serra emessi nell'atmosfera, il riscaldamento del pianeta potrebbe essere ridotto a 1,4° entro il 2100. «Ogni piccola parte del riscaldamento è importante. Ogni tonnellata di Co2 è importante» spiega Ed Hawkins dell'Università di Reading. Il traguardo delle emissioni zero può stabilizzare le temperature. Piers Forster dell'Università di Leeds afferma: «La buona notizia è che possiamo essere certi che le riduzioni a breve termine possono davvero ridurre il tasso di riscaldamento senza precedenti».

Le conseguenze estreme - Quali sono le conseguenze estreme per il pianeta? Gli scienziati prevedono che le ondate di caldo senza precedenti e le inondazioni mortali in ogni parte del globo, alle quali abbiamo assistito negli scorsi mesi e che sono in corso anche in questi giorni, siano solo l'antipasto di un menù ben peggiore. L'Artico potrebbe restare privo di ghiaccio in estate almeno una volta prima del 2050 - e questo vale per tutti gli scenari delineati dall'IPCC.

Focus sugli eventi catastrofici - A differenza dei precedenti rapporti, quello odierno si concentra molti sugli eventi ora ritenuti "a bassa probabilità" ma potenzialmente catastrofici, che a causa del riscaldamento climatico diventano sempre più probabili. «Non si possono escludere risposte improvvise e punti di svolta del sistema climatico, come il forte aumento dello scioglimento della calotta glaciale antartica e il deperimento delle foreste». Nello scenario peggiore, l'innalzamento medio del livello degli oceani causato dallo scioglimento del ghiaccio in Antartide potrebbe raggiungere gli 1,88 metri entro il 2100. Un livello quasi doppio a quello precedentemente previsto dalla scienza.

Dipende da noi - Ci sono fenomeni a lungo termine, come l'acidificazione degli oceani, che sono ormai irreversibili. «Ma più limitiamo il riscaldamento, più possiamo rallentare questi cambiamenti» ha osservato Tamsin Edwards del King's College di Londra. «Saranno le nostre attività e le nostre scelte a determinare dove finiremo nei prossimi decenni e secoli» ha aggiunto il collega Joeri Rogelj dell'Imperial College di Londra. Quale dei cinque scenari è più probabile? Visto il ritardo di molte nazioni, al momento andiamo verso quelli che prevedono emissioni intermedie oppure alte. Il clima del pianeta potrebbe quindi aumentare tra 2,7 e 3,6 gradi centigradi. Fare sì che si possa stare sotto gli 1,5°: questo è il compito chiave richiesto ai delegati di quasi 200 paesi che a novembre si riuniranno a Glasgow per la Conferenza sul clima COP26.

Le richieste di Verdi e Greenpeace alla politica svizzera

Il rapporto IPCC non poteva lasciare indifferenti le organizzazioni e le forze politiche svizzere particolarmente sensibili ai temi ambientali. Greenpeace ha chiesto alle Camere e al Consiglio federale di «sviluppare al più presto misure di protezione del clima efficaci e socialmente accettabili». I Verdi chiedono al Parlamento di procedere con azioni mirate: «Dopo il 'no' alla legge sul CO2, la Svizzera deve ora fare tutto il possibile per raggiungere gli obiettivi climatici di Parigi», ha detto il consigliere nazionale turgoviese Kurt Egger. 

«La politica e l'economia stanno facendo troppo poco contro la crisi climatica», ha twittato il collettivo Sciopero per il clima.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-20 07:09:20 | 91.208.130.85