Keystone (archivio)
Le strade (deserte) di Zurigo durante il primo lockdown. Le rivedremo presto così?
ULTIME NOTIZIE Svizzera
GRIGIONI
6 min
«Meglio la gente sulle piste, che in paese»
Il governo grigionese non vuole sentir parlare di chiusura degli impianti. «Così i turisti si riverseranno nei centri»
FOTO
BASILEA CAMPAGNA
51 min
Terribile schianto in galleria: morta una 55enne
L'incidente è avvenuto questa mattina nel tunnel di Eggflue sull'A18 in territorio di Grellingen.
SVIZZERA
1 ora
Quando si sceglie il partner i soldi non contano... ma dopo sì
Secondo un sondaggio della Banca Cler, quando un rapporto si consolida aumenta anche l'importanza del denaro
SVIZZERA
1 ora
Violi le norme Covid? Multe fino a 300 franchi
Lo ha deciso oggi il Consiglio nazionale che sta esaminando le modifiche alla Legge Covid-19
GRIGIONI
1 ora
44enne investito da un treno
L'uomo è rimasto coinvolto ieri sera in un incidente alla stazione di Rabius.
SVIZZERA
1 ora
Gli Stati dicono sì al matrimonio per coppie omosessuali
La Camera dei Cantoni ha approvato una revisione del Codice civile.
SVIZZERA
1 ora
Covid, in Svizzera altri 3'802 casi e 107 decessi
Il 19,2% dei test effettuati nelle ultime ventiquattro ore sono risultati positivi
FOTO
SVIZZERA
1 ora
Decine di incidenti nelle prime ore del mattino
Con dicembre arriva la neve. E con essa i primi disagi sulle strade.
GINEVRA
1 ora
Si schianta contro un bus: morto un 18enne
Grave incidente della circolazione questa mattina in centro Ginevra.
SVIZZERA
2 ore
Al via la raccolta firme contro l'obbligo di vaccinazione
«I potenti, la politica o l'economia non devono poter determinare cosa viene iniettato nel nostro corpo»
SVIZZERA
26.10.2020 - 09:050
Aggiornamento : 10:06

Secondo lockdown, questa è la settimana della verità

Gli ospedali si stanno rapidamente riempiendo di pazienti Covid e gli epidemiologici ritengono inevitabile un blocco.

Il mondo economico invece invita alla calma: «Decisioni affrettate possono avere ripercussioni catastrofiche. Aspettiamo che le misure introdotte una settimana fa diano i loro frutti».

Fonte Bettina Zanni / 20 Minuten
elaborata da Adriano De Neri
Giornalista

BERNA - Lockdown sì. Lockdown no. Quello di un secondo blocco è ormai diventato un pensiero che preoccupa gran parte della popolazione elvetica. I risultati delle nuove misure per contenere la diffusione della malattia, introdotte sette giorni fa dal Consiglio federale, dovrebbero dare i primi frutti durante questa settimana, ma nel frattempo la situazione epidemiologica in Svizzera si è ulteriormente deteriorata come ben dimostrano i 6'634 nuovi contagi registrati lo scorso venerdì. 

Nuove misure già mercoledì - Per questo motivo, il Consiglio federale è chiamato a un nuovo (e più deciso) intervento. Mercoledì, infatti, i "sette saggi" potrebbero decidere una sorta di Lockdown parziale. Un cosiddetto "Slowdown" (ovvero un rallentamento) a livello nazionale. Alcuni rimedi sono già trapelati: ovvero l'obbligo della mascherina anche all'aperto, un coprifuoco dalle 22.00, un limite di 50 persone per tutti gli eventi e la formazione a distanza per gli studenti del post-obbligatorio. 

«Troppo tardi» - Misure, queste, che secondo vari epidemiologi arrivano però «troppo tardi». Per gli esperti, infatti, con questi numeri in continua ascesa servono «interventi drastici». Questa settimana, poi, sarà decisiva anche per molti ospedali che già ora si trovano in difficoltà. A Ginevra ci si attende un picco di ricoveri superiore a quello di marzo e si cercano medici e infermieri, mentre in Vallese i letti acuti iniziano già a scarseggiare. E allora che fare? 

«Secondo lockdown quasi inevitabile» - Secondo gli esperti un secondo lockdown è quasi inevitabile. «Se le autorità avessero reagito al più tardi entro la fine di settembre questa situazione si sarebbe anche potuta evitare», precisa l'epidemiologo dell'Università di Berna Nicola Low. Se i numeri continueranno a crescere, infatti, secondo Low di alternative non ce ne sono. «C'è da temere che entro la fine della prossima settimana avremo oltre 10'000 casi al giorno. Non dobbiamo assolutamente aspettare che gli ospedali non abbiano più posto per agire. Ogni giorno conta».

Anche l'infettivologo Andreas Cerny condivide l'idea del collega e ritiene che a Berna si sia perso tempo prezioso. «Nei prossimi sette giorni il numero dei casi potrebbe raddoppiare. Il rischio è che tutto il Paese si ritrovi nella situazione vissuta dal Ticino questa primavera». Ovvero con le terapie intensive piene e con il personale sanitario messo estremamente sotto pressione.

La visione economica - Il mondo economico, però, mette anche le sue ragioni sul piatto della bilancia. «Un secondo lockdown è ancora molto lontano», sottolinea Hans-Ulrich Bigler, direttore dell'Unione svizzera delle arti e mestieri (USAM). «Non capisco perché la task force federale stia esercitando una tale pressione sul Governo». Bigler, infatti, precisa che le misure attuali non hanno ancora avuto il tempo per portare a risultati concreti. «Non è ancora emerso come funzioneranno queste e già si vuole cambiare», conclude il direttore di USAM precisando che i concetti di protezione in questo ambito funzionano bene.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-12-01 13:37:39 | 91.208.130.87