Archivio Tipress
L'OSPITE
26.06.2021 - 16:310

Troppe famiglie in difficoltà

Matteo Muschietti

Anche nel nostro distretto si soffre. La pandemia che attanaglia la Svizzera e l'Europa si fa sentire di riflesso pure nel Mendrisiotto. La disoccupazione che tocca da vicino i giovani anche con titolo di studio costretti a partire oltralpe per cercare una lavoro retribuito, ma soprattutto chi ha passato la cinquantina non dà respiro e colpisce in modo più marcato queste fasce della popolazione. Checché se ne dica, i posti di lavoro per persone che rientrano in queste fasce d'età sono sempre meno. Come se non bastasse, alcune ditte preferiscono assumere lavoratori frontalieri che personale indigeno. Ma questa situazione deve cessare e occorre offrire a chi vive nel Mendrisiotto la possibilità di lavorare ed essere retribuiti in modo consono al costo della vita in Ticino.

Se veramente vogliamo costruire una società più giusta e umana, non possiamo tacere queste lacune ma dobbiamo trovare soluzioni appropriate per dare la possibilità a queste persone di un'occupazione dignitosa. Ma anche chi ha il lavoro è in difficoltà. Il Gran Consiglio ha varato una legge per chi ha più di cinquanta anni recentemente, ma speriamo che venga adottata dalle nostre aziende e che assumano i nostri disoccupati!

Prendendo ad esempio una famiglia media di quattro persone e facendo un'analisi delle spese di base, si scopre che alla fine del mese non ci sono più soldi. Una famiglia di quattro persone, comprendente due figli minorenni, che ha un'entrata netta di 4'400 franchi al mese, si vede confrontata per non meno di 760 franchi al mese di premi di cassa malati (quelli più bassi), 1'400 franchi di affitto (spese comprese), 120 franchi di bollette telefoniche e canoni radiotelevisivi, 90 franchi di imposte (cantonali e comunali e federali), 45 franchi d'assicurazione responsabilità civile e mobilio, 100 franchi di costo auto (compresa assicurazione) e 1'400 franchi per il minimo vitale. Rimangono 485 franchi per tutti gli altri bisogni. Queste famiglie non possono permettersi di uscire una volta al mese per magiare una pizza al ristorante. Basta un imprevisto perché si trovino in serie difficoltà. Faticano a sbarcare il lunario. Con un salario di 4'400 franchi al mese (compresi gli assegni per i figli) c'è poco da stare allegri.

Situazioni di questo tipo sono più frequenti di quanto si pensi. Se si pensa ai bonus milionari elargiti ai dirigenti di banca, ci si accappona la pelle. È forse giunta l'ora di guardare anche in casa nostra e mettervi un po' d'ordine. Ci vuole un'equa distribuzione della ricchezza in modo da garantire a chi lavora onestamente un redditto con il quale possa far fronte alle difficoltà quotidiane. Ora ci si mette anche una probabile andata del virus così detta Delta a complicare la già precaria situazione per la ripresa economica e chi ne farà le spese sono sempre i lavoratori.

Non possiamo più aspettare perché più si va avanti più situazione di questo diventano numerose.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-07-26 15:34:33 | 91.208.130.86