Immobili
Veicoli

CANTONE / SVIZZERAImpiego: in Ticino prospettive negative

22.03.22 - 16:14
Stando al barometro di Manpower, il nostro cantone è l'unico in cui vi è pessimismo a livello di mercato del lavoro.
Ti Press (archivio)
Fonte ats
Impiego: in Ticino prospettive negative
Stando al barometro di Manpower, il nostro cantone è l'unico in cui vi è pessimismo a livello di mercato del lavoro.
Al contrario, in Svizzera le prospettive d'impiego restano buone.

ZURIGO - Le prospettive d'impiego rimangono buone in Svizzera, mentre sono negative in Ticino: lo segnala il barometro di Manpower, che come al solito mette in luce marcate differenze regionali, settoriali e legate alla grandezza delle singole aziende.

A livello elvetico il 38% delle 515 imprese interrogate nell'ambito di un sondaggio intende assumere personale nel periodo aprile-giugno 2022, l'11% punta a ridurre l'organico, il 45% non prevede cambiamenti e il 6% non è in grado di rispondere. Lo scarto fra le due prime posizioni è di +27 punti: dopo la correzione delle variazioni stagionali la "previsione netta sull'occupazione" di Manpower per il secondo trimestre dell'anno risulta essere di +26%, informa in un comunicato odierno la multinazionale specializzata nelle risorse umane. Il dato è di 4 punti inferiore a quello (record) dell'ultimo rilevamento e di 22 punti superiore a quanto registrato un anno fa.

A livello regionale il Ticino presenta la prospettiva peggiore, l'unica in negativo, pari -5% (+4 rispetto al trimestre precedente, invariato sull'anno). Tutte le altri regioni offrono indicatori compresi fra +18 (Svizzera nord-occidentale) e +32 (Zurigo). Il ramo in cui regna maggiore ottimismo è quello dell'informatica (+54), mentre il più debole è quello della ristorazione (+8).

Anche la grandezza delle società svolge un ruolo importante nella propensione ad ampliare gli effettivi. Le realtà che danno prova di ottimismo sono quelle grandi: le imprese con almeno 250 occupati presentano una previsione netta dell'impiego di +31%.

Interessante, anche in un'ottica ticinese, è lo sguardo al di là della frontiera. L'Italia è il paese confinante, fra quelli considerati a livello mondiale, che mostra il più scarso dinamismo, con indicatore a +16%. Gli altri stati vicini presentato valori più prossimi a quelli della Confederazione: Germania +22 e Austria +30%, Francia +23%:

Lanciata oltre 50 anni or sono negli Stati Uniti, l'indagine di Manpower si è estesa nel frattempo a 43 paesi e territori. Al sondaggio hanno risposto 42'000 direttori delle risorse umane o responsabili del reclutamento in seno a imprese pubbliche e private.

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE TICINO