Archivio Depositphotos
CANTONE
12.10.2021 - 20:210
Aggiornamento : 22:42

È iniziata la stagione dei raffreddori, in attesa dell'influenza

Le autorità sanitarie cantonali: «Coi sintomi simili a quelli del Covid, resta importante sottoporsi al test»

BELLINZONA - «Ho passato tre giorni a letto con febbre e tosse, non mi era mai capitato un raffreddore così forte». Questa è soltanto una delle testimonianze raccolte tra ticinesi che nelle scorse settimane hanno avuto a che fare col malanno stagionale. E tra febbre, mal di gola e altri sintomi, immediatamente si pensa al Covid... anche se vaccinati.

«Sono stato più male del solito, allora mi sono testato più volte» racconta per esempio un quarantenne di Mendrisio, che prima dell'estate aveva aderito alla campagna di vaccinazione contro il coronavirus. Ma d'altronde, l'efficacia dei preparati disponibili non è del 100%, pertanto «non si sa mai». I test erano tutti negativi: nel suo caso, come in molti altri, si trattava di un “semplice” raffreddore.

L'influenza non è ancora arrivata - Non si parla ancora di influenza. Infatti al momento i relativi virus non hanno ancora fatto capolino in Ticino. E non è ancora chiaro come andrà nelle prossime settimane, anche se «allo stato delle conoscenze attuali nulla lascia presagire che ci saranno ondate d'influenza stagionale particolarmente virulenti» ci dicono dall'Ufficio del medico cantonale.

L'ondata che non c'è stata - Nel frattempo, lo scorso inverno l'ondata d'influenza non è mai arrivata. Secondo i dati dell'Ufficio federale della sanità pubblica, in Svizzera l'incidenza è stata di 0,7 casi su 100'000 persone. L'anno precedente, proprio prima dell'arrivo del Covid, era invece di 128,77. «Questo - sottolinea l'Ufficio del medico cantonale - è probabilmente dovuto alle misure di protezione adottate contro la diffusione del coronavirus (in particolare mascherine, disinfettanti e distanziamento, ndr), che sono efficaci anche sul virus dell'influenza, ma anche alla vaccinazione antinfluenzale». Una vaccinazione che, aggiungono le autorità sanitarie, «rimarrà attuale anche in futuro».

Coi sintomi ci vuole il test - Inoltre, i virus influenzali condividono svariati sintomi con quelli del Covid. Ecco dunque che è corretto sottoporsi a un test, anche se vaccinati con un preparato anti-coronavirus. Tosse, mal di gola, perdita improvvisa di gusto e olfatto, raffreddore e mal di testa: «In presenza anche di uno solo di questi sintomi, è importante annunciarsi immediatamente per un test (chiamando la hotline cantonale 0800.144.144 oppure usufruendo delle possibilità di test a disposizione».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-25 04:14:57 | 91.208.130.89