Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
24 min
Guasto sulla linea e i treni vanno in tilt
Disagi importanti per chi oggi pomeriggio viaggiava su rotaia con ritardi fino a quasi un'ora
CANTONE
1 ora
Votazioni, le reazioni dei partiti
Tra conferme e colpi di scena, ecco i commenti a caldo alle votazioni cantonali e federali
CANTONE
1 ora
«Speriamo che il rimborso non legittimi comportamenti violenti»
Il commento del Consiglio Stato sui risultati della votazione cantonale.
LUGANO
1 ora
Rogo in un appartamento a Pregassona
Si è registrato fortunatamente solo un ferito lieve: un caso d'intossicazione leggera
CANTONE
1 ora
Matrimonio per tutti: «Ha vinto l'amore»
I Verdi applaudono quella che definiscono una «vittoria storica».
CANTONE
2 ore
Ribaltone alle urne: Ghiringhelli canta vittoria
L'iniziativa sulla legittima difesa è stata approvata dai ticinesi con il 52,4 per cento di voti favorevoli
MALCANTONE
3 ore
Vernate Unita premiata alle urne
Le comunali "ritardate" hanno premiato la lista civica, nel comune del Malcantone
AGNO
3 ore
Fiamme in un negozio di parrucchiere
I pompieri sono intervenuti a mezzogiorno in piazza Vicari ad Agno
ASCONA
4 ore
Ascona e New Orleans ora sono “sister cities”
Il gemellaggio sancito da un evento questo sabato fra arte, musica e gastronomia
CHIASSO
4 ore
«È davvero possibile, siamo tornati a vivere!»
Un successo il party di Nebiopoli, organizzato dal Comitato direttivo del Carnevale.
AGNO
4 ore
Un successo la pagaiata di notte
Il gruppo ha percorso il tratto in kayak da Agno a Caslano.
CANTONE
5 ore
Ultime gocce, poi un tiepido autunno
Ancora qualche precipitazione, specie nel Sottoceneri, poi di nuovo il sole.
CANTONE
19 ore
Torna il Rally, e il pubblico risponde presente
Molti ticinesi non sono voluti mancare al ritorno del Rally Ronde del Ticino
Lugano
22 ore
Lugano Creativa, l'evento di artigianato che unisce adulti e bambini
La fiera torna questo weekend per la sua seconda edizione
LUGANO
1 gior
Strappa la collanina, scatta l'arresto
Riaperte le discoteche in seguito alle chiusure Covid, si sono riaffacciati anche i malviventi
LOCARNO
03.06.2021 - 19:150
Aggiornamento : 21:17

Alla Schindler sembra aumentare il mal di pancia

Dipendenti scontenti e gente lasciata a casa: malumori smentiti dal portavoce dell'azienda. Dove starà la verità?

OCST e UNIA avevano chiesto un incontro. Ma non avrà luogo. Il colosso degli ascensori sostiene di volere rafforzare a lungo termine la sede ticinese.

LOCARNO - A casa le persone in là con gli anni, "care" e non più produttive come si vorrebbe. Spazio invece a giovani legati ad agenzie interinali. Costerebbero meno e non comporterebbero obblighi sociali da parte del datore di lavoro. È quanto si sussurra, da tempo, in merito alla Schindler di Locarno. I sindacati UNIA e OCST avevano chiesto un incontro con la direzione. Ma sono stati recentemente esclusi, tramite una lettera. Il portavoce dell'azienda intanto precisa: «L'obiettivo è rafforzare a lungo a termine la sede di Locarno. E saranno addirittura create nuove posizioni di lavoro in futuro». 

Mal di pancia smentiti – Sarà. Ma intanto, compresa l'ex succursale di Quartino (chiusa un paio di anni fa), sarebbero diverse decine le posizioni saltate negli ultimi anni. Tra il personale regnerebbero incertezza, titubanza e paure. Il settore più sotto pressione sarebbe quello dell'amministrazione. Ma anche nella produzione si respirerebbe un'aria pesante. A tal punto che risulterebbe quasi impossibile anche solo recarsi al gabinetto o manifestare un semplice mal di testa. Sensazioni smentite categoricamente dal portavoce della Schindler. «Né la commissione del personale, né la direzione del personale hanno avuto riscontri da parte delle maestranze. Anzi, le nostre sensazioni sono esattamente all’opposto e solo pochi mesi fa sono state realizzate aree di pausa e socializzazione per i dipendenti».

Colpa del Covid e del franco – La scorsa estate l'azienda leader nella produzione di ascensori, che in Svizzera ha anche una sede a Ebikon, aveva annunciato un taglio di 2.000 persone su scala internazionale e di 200 a livello svizzero. Alla base della decisione, legata anche alla pandemia e alla forza del franco, ci sarebbero una riottimizzazione dei costi e un riposizionamento sul mercato. «Nell’ambito della riorganizzazione del gruppo – riprende il portavoce dell'azienda –, Schindler Locarno assumerà il ruolo di centro di competenza nel campo dell’elettronica, spostandosi dalle attività di natura più logistica. Locarno è la sede del gruppo in cui sono stati fatti proporzionalmente più investimenti, proprio per garantirne il futuro in un mercato molto dinamico».

«Ogni settimana qualcuno viene chiamato» – «La realtà è che, Covid o non Covid, negli ultimi due anni si sta procedendo a una silenziosa serie di licenziamenti. Ogni settimana viene chiamato qualcuno nell'ufficio del personale», racconta una persona "a conoscenza dei fatti" che desidera restare anonima. «Non corrisponde in alcun modo al vero che persone assunte in modo fisso siano state sostituite da lavoratori temporanei – riprende il portavoce –. E smentiamo categoricamente che settimanalmente vi sarebbero licenziamenti. I lavoratori temporanei erano aumentati durante la pandemia, per far fronte alle sfide che si sono poste dopo la prima ondata di contagi. Per quanto attiene il programma di ottimizzazione, ribadiamo che questo è avvenuto in massima parte attraverso pensionamenti, pensionamenti anticipati e ricollocamenti».

«Telefonate disperate» – I sindacati però non ci stanno. Marco Pellegrini, sindacalista OCST, è seccato. L'atteggiamento di chi gestisce il colosso degli ascensori lo irrita. «La direzione non si degna di incontrarci. Siamo delusi. È vergognoso. Ora valuteremo come agire. Abbiamo ricevuto telefonate da parte di dipendenti disperati e spaventati».

«Danno d'immagine anche per la stessa azienda» – Il fatto è anche che la commissione interna del personale, seguendo alla lettera il contratto collettivo di lavoro, ha sempre voluto trattare direttamente con la direzione della Schindler. Evitando il sostegno dei sindacati. «Al di là di questo – evidenzia Gianluca Bianchi, sindacalista di UNIA – ci aspettavamo un dialogo con la direzione di fronte alle nostre richieste. Abbiamo chiesto un incontro perché si stanno modificando completamente le regole del gioco. La direzione non si rende conto che in questo modo oltre a creare disagi ai collaboratori, causa un enorme danno d'immagine all'azienda».  

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
pillola rossa 3 mesi fa su tio
Simmen List
Jack 3 mesi fa su tio
@pillola rossa Diciamo pure Schindler list
pillola rossa 3 mesi fa su tio
@Jack Ok, ma amplificata dall'arrivo del FX...
gmogi 3 mesi fa su tio
Sisi, rendete più attrattiva la Svizzera per i lavoratori stranieri....ce n’è bisogno....
mastermi 3 mesi fa su tio
@gmogi concordo !!!
Jack 3 mesi fa su tio
Il portavoce può smentire, ma la realtà dei fatti è quella scritta purtroppo, dipendenti trattati come schiavi, pedine accuratamente e silenziosamente mosse a scacco per un tornaconto esclusivamente economico. Una commissione interna venduta alla direzione, che mai si è preoccupata dell’interesse dei dipendenti ma solo di quelli personali e di direzione! Licenziamenti di dipendenti che per una vita hanno dato tutto per il benessere della ditta, ripagati con il licenziamento a pochi anni dalla pensione, senza una giustificazione che chiuda con dignità il rapporto lavorativo, rimpiazzati e preferiti da dipendenti sotto agenzia, senza nessun obbligo,non facenti parte del contratto collettivo senza oneri sociali da pagare e numeri per cui ci si può liberare da oggi a domani. I Sindacati purtroppo si stanno muovendo a piccoli passi ed in ritardo. Ti usano, ti sfruttano e nel momento in cui non ti reputano abbastanza sei fuori e privato della tua dignità! E i politici dove sono? Quello che sta succedendo in sordina dovrebbe smuovere anche la loro coscienza, sempre che ne abbiano una!
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-26 17:31:35 | 91.208.130.85