«Sarebbe devastante riaprire tutto a Pasqua e richiudere due settimane dopo»
Ti-Press (archivio)
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
4 ore
Torna il Rally, e il pubblico risponde presente
Molti ticinesi non sono voluti mancare al ritorno del Rally Ronde del Ticino
Lugano
7 ore
Lugano Creativa, l'evento di artigianato che unisce adulti e bambini
La fiera torna questo weekend per la sua seconda edizione
LUGANO
10 ore
Strappa la collanina, scatta l'arresto
Riaperte le discoteche in seguito alle chiusure Covid, si sono riaffacciati anche i malviventi
MENDRISIO
10 ore
Architettura, 152 laureati all'Usi
Il rettore Erez ha consegnato oggi i diplomi agli studenti
CANTONE
11 ore
Parità di genere? «C'è ancora molto da fare»
È quanto è emerso oggi dall'assemblea del Coordinamento donne della sinistra
CENERI
13 ore
Testa-coda sul Ceneri
Incidente sulla Cantonale oggi a mezzogiorno. La polizia è sul posto
Chiasso
14 ore
Prove di un Nebiopoli covid-safe
L'obiettivo degli organizzatori è capire se nel 2022 sarà possibile tornare a proporre la festività in formula piena
FOTO
ONSERNONE
1 gior
Fiamme al Centro servizi di Berzona
Sono intervenuti i pompieri di Locarno che hanno spento il fuoco
LUGANO
1 gior
Un "corridoio vasariano" a luci rosse tra Iceberg e Moulin Rouge
Progetto di passerella per unire i due locali erotici in un solo postribolo da 60 stanze
CANTONE
1 gior
Valle di Blenio senza radar, Luganese sotto stretta sorveglianza
La prossima settimana nessun radar mobile in Valle di Blenio. Nel Luganese possibili controlli in ben 23 località.
CUGNASCO-GERRA
1 gior
Insieme all’autunno arrivano sempre le castagne
Gli organizzatori invitano tutti per sabato 25 settembre, vi aspetteranno musica, divertimento e tante caldarroste.
CANTONE
1 gior
Nella Valle del Sole baciati dal sole
Dopo un anno di pausa, si è svolta ieri la Giornata cantonale dei Sentieri.
CADENAZZO
1 gior
Due anni di lavori per 7 km di strada: «È inevitabile»
La strada cantonale tra Cadenazzo e lo svincolo di Rivera avrà un cantiere per 24 mesi.
VERZASCA
1 gior
Chiusa per una notte parte della cantonale Gordola-Sonogno
La strada in zona Lavertezzo chiesa sarà chiusa da giovedì 30 settembre alle 20 al primo ottobre alle 5.30.
MENDRISIO
1 gior
Maltempo in arrivo: domenica il treno del Generoso si ferma
Per questioni di sicurezza, i convogli non circoleranno e il Fiore di pietra resterà chiuso
CANTONE
08.03.2021 - 07:580
Aggiornamento : 13:32

«Sarebbe devastante riaprire tutto a Pasqua e richiudere due settimane dopo»

Covid: Raffaele De Rosa, direttore del DSS, è preoccupato. Anche per quello che sta accadendo nella vicina Italia.

«Abbiamo già visto lo scorso autunno come il virus possa cambiare di colpo uno scenario. I passi vanno fatti secondo la gamba».

BELLINZONA - Che Pasqua sarà quella del 2021? L’economia incrocia le dita e spera in nuovi allentamenti il prossimo 22 marzo. Ma tutto dipenderà dai dati della pandemia. «Non ci saranno nuove aperture se le cifre dovessero peggiorare ». A riconfermarlo è Raffaele De Rosa, direttore del Dipartimento della sanità e della socialità ticinese. «Bisogna essere cauti e razionali – sottolinea –. Sarebbe devastante riaprire tutto per Pasqua per poi ritrovarci due settimane dopo con gli ospedali pieni e dunque dovere richiudere tutto di nuovo».

«La Svizzera non è isolata dal resto del mondo» – De Rosa, interpellato da Tio/20Minuti, non nasconde di essere preoccupato in particolare da quanto sta accadendo in Italia. Soprattutto in Lombardia. «Loro hanno riaperto quasi tutto in poco tempo. E il virus in poche settimane li ha fatti ripiombare in una situazione critica. Tante attività hanno richiuso. Non possiamo fare finta che la Svizzera sia isolata dal resto del mondo. Ecco perché siamo prudenti. Abbiamo già visto lo scorso autunno, quando in neanche un mese in Ticino siamo passati da zero ospedalizzati a quasi 400, come il Covid-19 possa essere terribilmente contagioso e cambiare di colpo uno scenario».

Rabbia e disagio – Il consigliere di Stato non nasconde di vivere, anche personalmente, mesi difficili. «Siamo molto sollecitati. Riceviamo messaggi di ringraziamento dalla popolazione. Ma anche messaggi di rabbia e di demoralizzazione. Percepiamo un forte disagio. E lo comprendiamo. Questa è davvero una situazione eccezionale e tutti vogliamo uscirne al più presto. Come Cantone abbiamo chiesto al Consiglio federale di potere accorciare il lasso di tempo tra le tappe in cui valutare gli allentamenti. Siamo contenti che questa nostra richiesta sia stata accolta. Ciò non significa che tutte le buone notizie saranno confermate, perché sono strettamente vincolate all’evoluzione della situazione epidemiologica». 

Turisti pronti a venire in Ticino – La Pasqua cadrà il 4 aprile. Piuttosto presto. I turisti fremono. Basti pensare alle recenti immagini del lungolago di Ascona intasato. Una bellissima scena dal punto di vista turistico. Ma che, con la pandemia ancora in corso, non fa dormire sonni tranquilli alle autorità ticinesi. «Molti hanno le case di vacanza da noi. Al momento c’è poi la possibilità di pernottare in albergo. Il turista viene volentieri in Ticino: sarebbe bello offrirgli le nostre varie attività e attrazioni, ma al momento non possiamo garantirlo».

«Il numero di contagi non scende più» – Il rischio è che tra nemmeno un mese quel lungolago sarà intasato 10 volte di più. Con tanta gente in bar e ristoranti. È una prospettiva che ci si può permettere? «Pronunciarsi ora su cosa accadrà fra un mese è decisamente prematuro. Analizziamo costantemente i dati sanitari. Al momento gli ospedalizzati e le persone in cure intense sono diminuiti di molto. È un aspetto incoraggiante. Allo stesso tempo però ci siamo resi conto che il numero di contagiati, in discesa da inizio gennaio, da alcune settimane non scende più. Anzi. Leggermente ha ripreso a salire. È come se si fosse accesa una spia. Non sappiamo se questo ci porterà a nuovi problemi oppure no. Dobbiamo però stare all’erta. Lo ripeto: sarebbe da irresponsabili non calcolare quello che sta succedendo in Italia. Anche perché il virus non ha confini».   

«Obiettivo estate» – De Rosa teme le varianti del nuovo coronavirus. «Sono più contagiose. È un dato di fatto. Allo stesso tempo, seppure con qualche difficoltà nell’approvvigionamento, stiamo procedendo con la campagna dei vaccini. Questo porterà a risultati concreti. Ma non saranno immediati. L’obiettivo è di arrivare all’estate con una certa tranquillità. Dobbiamo gestire la situazione, non subirla. Aprire per poi richiudere diventa problematico anche per gli stessi imprenditori e per la società. È un effetto yo-yo che vogliamo e dobbiamo evitare in tutti i modi. L’obiettivo dovrebbe essere che quando si riapre si riapre in maniera definitiva. Vale anche per i centri fitness, per le piscine, per i luoghi culturali e di svago a cui va tutta la nostra solidarietà».

«Per le autorità l’economia è importante» – Insomma, dalle parole di De Rosa si intuisce come una Pasqua da “liberi tutti” sia ormai un miraggio. «Non bisogna pensare che le autorità non considerino gli interessi dell’economia. Sappiamo tutti che l’economia rappresenta l’altra faccia della salute pubblica. Non c’è economia senza salute, e viceversa. Anche per questo bisogna fare tutto il possibile per sostenere chi si trova in difficoltà economiche a causa dello stop. È in ogni caso difficilissimo prevedere oggi come saremo a Pasqua. Se i dati saranno buoni, il Consiglio federale potrà optare per una serie di riaperture. Altrimenti, si aspetta ancora un po’. I passi vanno fatti secondo la gamba».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-26 02:54:25 | 91.208.130.85