TiPress
Dichiarazione di fedeltà alla Costituzione e alle leggi magistrati Cantone Ticino.
CANTONE
25.12.2020 - 08:540
Aggiornamento : 27.12.2020 - 16:34

Magistratura, ora la Commissione si scaglia contro la Rsi

La Commissione giustizia e diritti denuncia "affermazioni gravemente faziose e infondate" proferite a Il Quotidiano

BELLINZONA - L'elezione è avvenuta. E qualche giorno fa i venti rappresentanti del Ministero pubblico, insieme al procuratore generale Andrea Pagani, hanno dichiarato fedeltà alla Costituzione e alle leggi. Ma le polemiche attorno alla nomina del "nuovo" Ministero pubblico per i prossimi dieci anni sembrano non avere fine. È la Commissione giustizia e diritti, a giochi fatti, a esporsi contro l'operato della Rsi.

«In due occasioni, nell'ambito della trasmissione informativa "Il Quotidiano" in relazione alla nomina di 20 procuratori pubblici, ha trasformato un proprio cronista in esperto - si legge nella nota della Commissione -, permettendogli di proferire, senza il benché minimo contraddittorio, affermazioni gravemente faziose e infondate che delegittimano in modo gratuito e inqualificabile il serio e approfondito lavoro svolto dalla Commissione e finanche l’agire dell’intero Parlamento cantonale». La Commissione comunica quindi di avere formalizzato, nella sua maggioranza, una segnalazione al Comitato del Consiglio regionale della CORSI e al Consiglio del pubblico per stigmatizzare l'operato della Rsi.

Quali siano le "affermazioni gravemente faziose e infondate" non è dato saperlo. Ma la Commissione Giustizia e diritti - lo ricordiamo - aveva firmato (undici commissari su diciassette) il rapporto che proponeva al plenum del Gran Consiglio l’elezione dei 19 procuratori pubblici uscenti (senza Andrea Minesso, non ricandidatosi), compresi i cinque la cui nomina era stata preavvisata negativamente dal Consiglio della magistratura, insieme agli otto nuovi (e al procuratore generale Andrea Pagani). «Non abbiamo riscontrato elementi sufficientemente solidi a sostegno di una non rielezione - si legge nel rapporto -, vista in particolare l’assenza di precedenti avvertimenti formali o sanzioni disciplinari, e ritenuto altresì che i dati statistici forniti non appaiono particolarmente dirimenti».

Il Gran Consiglio ha approvato la proposta di risoluzione della Commissione giustizia e diritti, affidandogli «l'incarico di approfondire le problematiche di natura organizzativa e procedurale emerse nell'ambito della procedura di rinnovo delle cariche in seno al Ministero pubblico, allo scopo di valutare eventuali necessità di intervento a livello organizzativo e normativo» e formulare «concrete proposte di miglioramento, sia sul piano organizzativo sia normativo». 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-18 13:35:37 | 91.208.130.87