tipress (archivio)
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
38 min
Più radar nel Luganese che in tutto il resto del cantone
La lista dei controlli della velocità annunciati per la settimana dal 25 al 31 ottobre sulle strade del nostro cantone
FOTO E VIDEO
STABIO
46 min
Altra rapina a un distributore di benzina nel Mendrisiotto
Il colpo è avvenuto questo pomeriggio alla Tamoil di San Pietro di Stabio.
CANTONE
1 ora
«Per un salario minimo sociale»
Il Partito socialista ha lanciato un'iniziativa popolare atta a garantire «almeno 21,50 franchi all'ora».
LUGANO
2 ore
Al Moncucchetto c'è «Buona Cucina»
Il ristorante di Lugano ha ricevuto il premio assegnato dall'Accademia italiana della Cucina.
CANTONE
3 ore
Rally del Ticino: «È ora di dire basta»
Un'interrogazione dei Verdi chiede lumi sulla compatibilità con gli impegni presi per la protezione del clima.
CANTONE
3 ore
Trasparenza totale in politica: «Giù le maschere!»
Il caso Fidinam-Pandora riporta d'attualità il tema delle «relazioni d'interesse» tra politica e parastato
CANTONE
5 ore
Mobilità e Covid: «È evidente che qualcosa è cambiato in peggio»
Un'interrogazione di Marco Passalia chiede al Consiglio di Stato di chinarsi sulla situazione dei trasporti ticinesi
CANTONE
7 ore
In Ticino 18 positivi e due nuovi ricoverati
I pazienti Covid che necessitano di cure ospedaliere salgono a 11 in tutto.
LUGANO
8 ore
PharmaDay, 5'500 franchi per l'ASI
Le quote di iscrizione del congresso medico-farmaceutico sono state devolute all'associazione Autismo Svizzera italiana.
FOTO
CANTONE
8 ore
«Dentro il tunnel c'era uno scenario apocalittico»
Era il 24 ottobre 2001, quando nella galleria del San Gottardo morirono undici persone in un tragico incendio
CANTONE
11 ore
«Le ragazze non sono tornate»
Da qualche mese i locali a luci rosse dovrebbero aver ripreso l'attività a pieno regime. Ma così non è.
CANTONE
23 ore
A2, lavori fino alle 10 per le prossime due domeniche
Le attività interessano il tratto compreso tra Melide e Gentilino
MAROGGIA
1 gior
I segreti delle impronte digitali
Perché tanta gente comune è attratta da questo tema? Lo spiega Federica Keller, esperta in analisi delle mani.
CANTONE
04.10.2020 - 11:160
Aggiornamento : 11:49

Procuratori "bocciati" già nei WhatsApp tra Ermani e Pagani

Giudizi pesanti nei confronti del lavoro della procura via "sms". Il procuratore generale: «Non li ho richiesti io»

Sarebbero stati espressi già nei mesi precedenti al giudizio del Consiglio della magistratura.

BELLINZONA - «Preoccupante». Poi «male» e infine «pessima». Sarebbero solo alcuni dei giudizi espressi dal presidente del Tribunale penale, il giudice Mauro Ermani, nei confronti di almeno tre procuratrici. Lo avrebbe fatto nei mesi scorsi, tramite dei WhatsApp scambiati con il procuratore generale Andrea Pagani.

Tre giudizi, questi, affidati al servizio di messaggistica istantanea per esprimere «delle valutazioni non tanto sulle persone quanto su alcune inchieste», sottolinea lo stesso Ermani che, interpellato dal Caffé, afferma tuttavia di non ricordare i precisi messaggi. Ma conferma l'abitudine a segnalare le lacune riscontrate nel lavoro dei procuratori a Pagani. Non più in aula, dopo espressa richiesta, ma tramite cellulare.

Non una novità, visto che in più circostanze - nel corso dei processi da lui diretti -, Ermani aveva espresso critiche anche importanti sulle modalità di inchiesta della polizia e della procura.

Insomma, sarebbe questa l'ennesima conferma dello zampino del presidente del Tribunale penale nella sonora bocciatura di cinque procuratori arrivata dal Consiglio della magistratura, organo interno di autodisciplina. In un altro messaggio Ermani parla di un processo in corso o appena terminato. Secondo lui l’inchiesta non sarebbe stata condotta nei modi opportuni.

Sembra, tuttavia, che il contenuto dei suddetti messaggi collimi solo in parte con le cinque bocciature del Consiglio della magistratura. Secondo il Caffé, infatti, ai suoi giudizi si sono probabilmente affiancati anche quelli di Pagani, cioè il diretto superiore dei 20 procuratori candidati alla rielezione.

Ermani, infine, ribadisce nuovamente il tono scherzoso del primo sms (al quale Ticinonline/20 Minuti aveva fatto cenno negli scorsi giorni). Rispetto alla versione proveniente dalla procura, dice al domenicale: «io ho scritto "se me la rubi trattamela bene". Vede, il tono è scherzoso».

Pagani: «Messaggi non richiesti da me» - Alla luce di quanto sopra, il Procuratore generale Andrea Pagani è intervenuto in mattinata per delle precisazioni: «I due ulteriori messaggi da parte del presidente del Tribunale penale cantonale a cui si fa riferimento (risalenti alla fine di luglio) non sono stati né suscitati né richiesti dal Procuratore generale, che ha ritenuto di non dover intervenire poiché contenenti delle considerazioni asseritamente trasmesse proprio al Consiglio della Magistratura nel contesto della procedura in corso per il rinnovo delle cariche di Procuratore pubblico», sottolinea in una nota stampa inviata ai media.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Pongo 1 anno fa su tio
PORA SVIZZERA
don lurio 1 anno fa su tio
Evviva hanno confermato che esiste l' omertà confidenziale nella Giustizia evviva l'operato dei Procuratori Giudici, Avvocati.
vulpus 1 anno fa su tio
Siamo all'apoteosi degli SMS: povera magistratura che riesce a gestirsi solo con i messaggini. Ma poi olztr un certo grado di infantilismo, vanno poi a pubblicarli sui social e sui giornali. Allora mi sembra sia giutna l'ora che il CDM, faccia chiarezza a destinazione dei cassati, della politica e dei cittadini. Che poi il procuratore generale non sostenga i suoi collaboratori è il massimo della cattiva gestione. Aggiungiamo pure che è stata l'ultima scelta, e prima di lui ce n'erano di quelli molto più quotati, si può ben concludere che ancora una volta la spocchia PLRT ha cannato la scelta, sostenuti da altri personaggi poco inclini a valorizzare le competente, ma solo la bandiera. Povero Ticino: è giunta l'ora di aprire porte e finestre e fare le grandi pulizie.
volabas 1 anno fa su tio
Per la serie "io so io e voi non contate un c...o", effettivamente qualcosa di preoccupante c'è. Ma tanto non cambiera' niente .
Diablo 1 anno fa su tio
Se fosse un film verrebbe rinominata come “mafia”
Nmemo 1 anno fa su tio
Quando i giocatori (di calcio) in campo non rispettano l’arbitro e questo è debole, i calci negli stinchi fanno male.
Zarco 1 anno fa su tio
Che casott
seo56 1 anno fa su tio
Se c’è qualcuno che si deve dimettere quello é Ermani.
Norvegianviking 1 anno fa su tio
@seo56 Sentenza cassata dall'assolutismo dell'amico udc. Ad majora!
seo56 1 anno fa su tio
@Norvegianviking Fortunatamente i post che scrivi li capisci solo tu. Per questo che mi fai una tenerezza. Un caloroso abbraccio
miba 1 anno fa su tio
@Norvegianviking In un altro post mi hai consigliato di andare al mare.... Forse farebbe più bene a te che a me perché oltre ad essere ipocondriaco soffri parallelamente di presunta tuttologia :):):)
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-22 17:58:10 | 91.208.130.85