Tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
6 ore
«La TV "sfrutta" le donne? Preoccupatevi dei social»
Luca Tiraboschi, ex direttore di Italia 1, ospite di Piazza Ticino. Guarda la video intervista. 
CANTONE
8 ore
«Non sapendo chi è vaccinato dobbiamo indossarla ancora»
Negli Stati Uniti gli immunizzati possono nuovamente circolare a viso scoperto. Il tema sta tenendo banco.
CANTONE / SVIZZERA
8 ore
Fiducia riconfermata a Massimo Suter
Durante la 130esima assemblea il ticinese è stato brillantemente rieletto alla vice-presidenza di GastroSuisse.
FOTO
MASSAGNO
10 ore
Prima seduta per il nuovo Legislativo di Massagno
Nella serata di ieri i neo-eletti Consiglieri comunali hanno sottoscritto la dichiarazione di fedeltà alla Costituzione.
FOTO
BELLINZONA
11 ore
Una panchina anti Covid fatta... ad arte
Si tratta del progetto “Point of View” di Patrizia Pfenninger presentato oggi davanti alla stazione FFS di Bellinzona
LOCARNO
11 ore
Soppressa per un giorno la fermata di Piazza Castello
I passeggeri dovranno usufruire delle fermate vicine da giovedì alle 19 a venerdì alle 5 a causa di un cantiere.
MUZZANO
11 ore
Posa di asfalto fonoassorbente
Il cantiere notturno è previsto lungo via Piodella dal 25 maggio al 19 giugno
CANTONE
12 ore
La Scuola che verrà... secondo l'Udc
I democentristi presentano cinque decreti legislativi per rinnovare la scuola dell'obbligo
CANTONE
14 ore
Delitto alla pensione La Santa: chiesti diciassette anni
Si è aperto questa mattina il processo nei confronti dell'austriaco accusato di assassinio
TERRE DI PEDEMONTE
14 ore
Cade da un albero: ferite gravi per una trentenne
L'incidente si è verificato questa mattina nelle vicinanze del pozzo di Tegna
CANTONE
15 ore
Servono 27 milioni per il Mendrisiotto
Il governo propone un credito per una serie di opere sul fronte della mobilità sostenibile
CANTONE
16 ore
Il DECS si congratula per il premio alla Walserhaus di Bosco Gurin
Il Museo fa parte della rete degli undici musei etnografici regionali sostenuti e finanziati dal Cantone.
CANTONE
16 ore
Covid: 26 positivi e nessun decesso
Prosegue il trend positivo, anche negli ospedali. Sono solo 26 le persone ricoverate.
CANTONE
16.09.2020 - 09:480
Aggiornamento : 14:12

Il giro di Walser che stronca i procuratori

Ecco le motivazioni con cui il Consiglio della Magistratura boccia la riconferma di cinque procuratori

In due pagine un condensato di critiche che non lasciano possibilità di appello. Il documento che scuote il Ministero Pubblico solleva però dubbi sulla tempistica di un giudizio tanto severo da parte di un organo di vigilanza

Un condensato di severe critiche in due paginette. Parla di valutazione al vetriolo, il CdT nel riportare stamane i contenuti - anticipati lunedì dalla Rsi - del preavviso del Consiglio della Magistratura sui procuratori pubblici che si ricandideranno alla carica. Per cinque di loro, quattro donne e un uomo, come noto, il CdM ha espresso una bocciatura. Le motivazioni trapelate dal documento firmato dal presidente Werner Walser, ora sul tavolo della Commissione Giustizia e Diritti, hanno il tono della stroncatura senza possibilità di appello.

Bocciato 1 - Di un procuratore  l’organo di vigilanza sui magistrati critica la «eccessiva autoreferenzialità durante la sua attività», definendolo che «inadeguato alla funzione che ricopre» e censurandone la  «mancanza di oggettività e di senso critico», ma anche di «capacità di apprendimento dagli errori e dagli stimoli dell’ambiente, dei colleghi di lavoro e delle autorità giudiziarie superiori». Inoltre, «in più occasioni ha mostrato atteggiamenti intemperanti, dissimulati da un non convincente relativismo di opinione sia a livello fattuale che giuridico». Tanto per non lasciare spazi a fraintendimenti il CdM conclude che «questa mancanza di equilibrio nel giudizio personale può costituire un pericolo per l’imputato ed essere suscettibile di cagionare danni all’ente pubblico (danni anche di immagine del Ministero pubblico)». «In alcuni casi, nonostante il diverso avviso delle autorità giudiziarie superiori, ha manifestato il suo dissenso pregiudiziale anche con comportamenti poco trasparenti verso la dirigenza del Ministero pubblico. La qual cosa è stata rilevata pure dalle autorità giudicanti. (...) non si intravede alcun potenziale di correzione o di miglioramento».

Bocciato 2 - Di un secondo procuratore bocciato si evidenzia la «produttività personale medio-bassa, nonostante incarti non particolarmente complessi o sensibili. (...) Appare insicuro e poco autorevole e il suo impegno lavorativo tende al minimalismo». Anche per lui, il giudizio appare senza appello, infatti «non si intravede alcun potenziale di correzione o di miglioramento».

Bocciato 3 - Di un terzo pp il documento riferisce di una «produttività ancora insufficiente, come pure la motivazione alla prestazione, in particolare inerente agli incarti sensibili e complessi. Denota una concezione piuttosto minimalista del lavoro e una tendenza alla procrastinazione. È stata inoltre rilevata un’insufficiente presenza in ufficio, ciò che ha comportato un’incidenza negativa sul livello di impegno generale (con deleghe eccessive) e sulla tempestività nell’evasione degli incarti assegnati. Non si intravede alcun potenziale di correzione o di miglioramento, anche perché non ha dato alcun segnale fattivo di volersi mettere in discussione». 


Bocciato 4 - Zero margini di miglioramento anche per il quarto procuratore, che «denota problemi a livello di qualità e di competenza tecnica; aspetti, questi, richiesti dalla funzione che ricopre. Anche a livello di produttività e di leadership di funzione, il suo profilo è fragile. Avverte il peso del carico di lavoro, anche se oggettivamente esso è inferiore a quello dei colleghi».


Bocciato 5 - Potenziale di miglioramento o correzione nulli, anche per il quinto procuratore bocciato, che «denota un approccio poco dinamico e remissivo nell’affrontare il carico di lavoro, a cui si aggiungono rilievi di mancanza di precisione, continuità e tempestività. Il suo approccio è troppo orientato alla procrastinazione». 

 

La stroncatura solleva dubbi
Questo il giro di Walser sui cinque magistrati che non si sarebbero meritati la riconferma. Pagelle severe, al limite della denigrazione (tanto più dopo che sono diventate pubbliche), che hanno innescato polemiche ed interrogativi tra i professionisti che orbitano attorno ai tribunali. Da un lato c’è chi censura la tempistica del Consiglio della Magistratura che avrebbe atteso la conclusione dei mandati per dire che alcuni procuratori sarebbero di fatto inadeguati. Vigilanza a scoppio ritardato dunque. Dall’altro c’è chi si chiede come valutazioni tanto articolate siano potute scaturire dalle audizioni - forzatamente brevi - dei venti procuratori uscenti. E allora dentro Palazzo si mormora di critiche che il CdM avrebbe raccolto anche da figure esterne al gremio. Un pensiero che trova un appiglio quando nelle due paginette, a proposito della critica a un procuratore, sta scritto che «la qual cosa è stata rilevata pure dalle autorità giudicanti».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-05-19 02:54:09 | 91.208.130.87