BERNATrasporti, Covid, deduzioni malattia e preventivo in discussione a Berna

08.12.22 - 08:08
Si parlerà anche della partecipazione della Svizzera all'Esposizione universale 2025 di Osaka
Reuters
Fonte Ats
Trasporti, Covid, deduzioni malattia e preventivo in discussione a Berna
Si parlerà anche della partecipazione della Svizzera all'Esposizione universale 2025 di Osaka

BERNA - Tornano a riunirsi separatamente oggi le due Camere dopo l'elezione di ieri dei consiglieri federali Elisabeth Baume-Schneider e Albert Rösti. Il Nazionale inizierà la giornata occupandosi, a livello di divergenze, della Legge federale sul trasporto di viaggiatori.

Questa legge prevede, in particolare, l'introduzione di nuove norme contabili per le imprese del trasporto pubblico. Le nuove disposizioni sono state elaborate alla luce degli scandali AutoPostale e BLS.

Il plenum dovrà poi trattare, secondo programma, una revisione della legge sulla caccia incentrata sul lupo. Col progetto si vorrebbe consentire l'abbattimento preventivo di questo animale sul modello di quanto avviene già per lo stambecco.

In agenda c'è pure l'esame delle divergenze in merito alla proroga di alcune disposizioni riguardanti la Legge Covid-19. La Camera del popolo discuterà infine delle nuove regole cui dovranno sottostare gli intermediari nel settore dell'assicurazione malattie e, in particolare, gli intermediari esterni. Il Nazionale vuole lasciare un margine di autoregolazione agli assicuratori, restringere l'obbligo di formazione degli intermediari esterni e limitare la remunerazione. Nelle sedute precedenti, invece, gli Stati hanno sempre voluto sottoporre tutti alle medesime regole.

L'ordine del giorno del Consiglio degli Stati prevede poi l'esame del messaggio governativo sulla partecipazione della Svizzera all'Esposizione universale 2025 di Osaka, in Giappone. Il budget complessivo previsto per la presenza elvetica, compresi i costi del personale e amministrativi, ammonta a 19,4 milioni. Di questi, 1,8 milioni saranno coperti da contributi in natura e sconti, per un tetto di spesa di 17,6 milioni, mentre altri 4,4 milioni saranno finanziati mediante sponsorizzazioni.

I "senatori" affronteranno poi l'ultima divergenza rimasta tra le due Camere in merito alla modifica costituzionale sull'imposizione minima delle grandi multinazionali. Questa concerne la ripartizione all'interno dei cantoni degli introiti supplementari generati dalla futura nuova imposta integrativa.

Altro oggetto previsto: il messaggio relativo all'aumento delle deduzioni concesse per i premi dell'assicurazione malattia e gli interessi dei capitali a risparmio. L'esecutivo propone di portare la deduzione per le persone sole a 3000 franchi (attualmente 1700 franchi), quella per i coniugi a 6000 franchi (oggi 3500 franchi) e a 1200 franchi quella per ogni figlio o persona bisognosa (oggi 700 franchi). Nell'ambito dell'IFD, il progetto comporterebbe una diminuzione delle entrate stimata a circa 400 milioni di franchi all'anno, di cui circa 315 milioni sarebbero a carico della Confederazione e circa 85 milioni a carico dei Cantoni.

Sempre agli Stati, i deputati dovranno affrontare per l'ennesima volta, a livello di divergenze, il preventivo 2023 della Confederazione. Martedì il Nazionale ha ribadito di voler stanziare 360'000 franchi supplementari per il servizio di segnalazione di Swiss Sport Integrity.
 
 

COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE