Cerca e trova immobili

TURGOVIA«La fattoria dell'orrore» venduta per quasi due milioni

05.12.23 - 17:00
Si chiude con la vendita all'asta dello stabile, la triste vicenda deflagrata nell'agosto del 2017 nel canton Turgovia.
20 Minuten
Fonte ats
«La fattoria dell'orrore» venduta per quasi due milioni
Si chiude con la vendita all'asta dello stabile, la triste vicenda deflagrata nell'agosto del 2017 nel canton Turgovia.

FRAUENFELD - L'ufficio esecuzioni e fallimenti del distretto di Arbon (TG) ha venduto all'asta per 1,83 milioni di franchi la fattoria con abitazione e pascolo di un agricoltore di Hefenhofen, che era finito sotto i riflettori della stampa nazionale nel 2017 a causa di un grave caso di maltrattamento di animali. Il ricavato servirà a coprire i debiti arretrati.

Lasciati morire - Il caso legato a quella che la stampa aveva soprannominato la "fattoria degli orrori" era scoppiato il 3 agosto 2017, dopo che il Blick aveva pubblicato le foto di animali lasciati morire di fame o maltrattati, scattate da una ex dipendente dell'allevatore.

Venduti all'asta - Quattro giorni più tardi, diversi attivisti per la protezione degli animali avevano assistito a debita distanza allo sgombero forzato della fattoria. Erano stati prelevati circa 250 animali tra cavalli, maiali, bovini, pecore, capre e lama. Novanta cavalli erano poi stati venduti all'asta.

20 MinutenI poveri cavalli lasciati morire di fame e di sete.

La condanna - L'allevatore è stato condannato in prima istanza a otto mesi di detenzione con la condizionale. L'uomo è stato giudicato dal Tribunale distrettuale di Arbon parzialmente colpevole di maltrattamento di animali, ma è stato assolto da molti altri capi d'imputazione. Contro questa sentenza, il Ministero pubblico del canton Turgovia ha presentato un ricorso in appello.

Gli errori - Dopo lo sgombero forzato, il governo turgoviese aveva commissionato un'inchiesta esterna che aveva portato alla luce errori di valutazione da parte delle autorità a vari livelli. In questo contesto, è stato aperto un procedimento anche nei confronti dell'allora responsabile dell'Ufficio cantonale di veterinaria, che nel frattempo è andato in pensione. Quest'ultimo sarà giudicato in un processo separato per aver omesso di far rispettare un divieto parziale di tenere animali emanato già nel 2013 nei confronti dell'allevatore di Hefenhofen.

COMMENTI
 

merluzzen 2 mesi fa su tio
basta con ste condizionali!!!

sctaquet 2 mesi fa su tio
Che siamo la peggior specie su questa terra non ci sono dubbi .

Honghy 2 mesi fa su tio
Sinceramente tengo più al mio cane che a tante persone

F/A-19 2 mesi fa su tio
Risposta a Honghy
Complimenti, in mancanza del cane potresti voler bene anche ad un pelusche, costa anche meno e non devi portarlo in giro 4 volte al giorno.

pegis 2 mesi fa su tio
Questo succede perché attualmente qualcosa non funziona nella testa di tanti umani. Attualmente voler bene agli animali vuol dire trattare i cani meglio delle persone, il resto, anche se molto più utili sono tutti animali da macello e non gliene frega niente a nessuno.

Honghy 2 mesi fa su tio
Risposta a pegis
Forse sta succedendo questo perché gli umani sono diventati peggio degli animali

gianca70 2 mesi fa su tio
Risposta a Honghy
I.m. be .cil. le!

gianca70 2 mesi fa su tio
Risposta a Honghy
Ahhh, questa l’IA non me l’ha bloccata. Ha ha ha

pegis 2 mesi fa su tio
Risposta a gianca70
E tu che raccogli la 💩💩💩 dei cani non lo sei 10 volte di più?
NOTIZIE PIÙ LETTE