Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
6 ore
Anche Swissmedic sta valutando la pillola anti-Covid
Merck ha depositato una domanda di omologazione in Svizzera lo scorso mese di agosto
FOTO
ZUGO
9 ore
Sorpasso fatale per un motociclista
L'uomo si è scontrato contro un furgone e un'auto che circolavano nel senso opposto.
SVIZZERA
9 ore
Salari più bassi: «Risultati deludenti»
L'Unione sindacale svizzera commenta le cifre pubblicate oggi dall'Ufficio federale di statistica.
BERNA
11 ore
Certificato Covid, nuovi problemi con l'app
Attualmente si starebbero verificando sporadici malfunzionamenti nelle applicazioni in uso per la lettura dei QR Code.
FOTO
ARGOVIA
12 ore
Sbaglia la precedenza e finisce cappottato
Incidente spettacolare questa mattina in quel di Oftringen (AG)
SVIZZERA
13 ore
In Svizzera 3'297 contagi in settantadue ore
Nel corso del weekend si è reso necessario il ricovero per 49 pazienti Covid. Sono stati registrati quindici decessi
SVIZZERA
13 ore
Chi ha detto che gli over 55 se la passano male?
Il tasso di occupazione aumenta. E anche il riconoscimento professionale. Lo dice uno studio di Swisslife.
SVIZZERA
14 ore
«Il Tribunale federale non è un casinò»
Un comitato partitico prende la parola contro l'Iniziativa sulla giustizia in votazione il prossimo 28 novembre
SVIZZERA
15 ore
Le uscite vincolate riducono il margine di manovra
Per il 2022 la Confederazione prevede uscite pari a 78 miliardi di franchi
SVIZZERA
15 ore
La pandemia aggrava la situazione economica dei media
La pubblicità è in calo anche nell'online, per la prima volta dal 2014
SVIZZERA
27.06.2021 - 12:560
Aggiornamento : 16:27

I jet potrebbero ricucire il rapporto tra Svizzera e UE?

Se Berna puntasse sull'EuroFighter si potrebbero aprire nuove opportunità con Bruxelles.

La scelta del Consiglio federale su quale caccia acquistare dovrebbe cadere settimana prossima.

BERNA - L'acquisto dei futuri jet da combattimento per le forze armate svizzere potrebbe avere risvolti nelle relazioni tra la Confederazione e l'Unione europea: l'acquisto di Eurofighter aprirebbe alla Svizzera nuove opportunità transfrontaliere, proprio ora che la situazione tra Berna e Bruxelles si è gelata in seguito al fallimento dell'accordo quadro. La scelta grava sulle spalle del Consiglio federale, che mercoledì dovrebbe annunciare la sua decisione.

I modelli di jet in lizza per l'appalto sono quattro: si tratta del Rafale della società francese Dassault, dell'Eurofighter dell'europea Airbus e di due velivoli statunitensi, l'F/A-18 Super Hornet di Boeing e l'F-35A di Lockheed-Martin.

Secondo quanto riferito nell'ultima settimana da diversi media d'Oltralpe, la scelta sembrava essere cosa fatta: il Consiglio federale avrebbe infatti optato per l'americano F-35A, modello prediletto anche dall'esercito. Il SonntagsBlick in edicola oggi porta però nuovi elementi, che gettano nuova luce sulle trattative.

Partenariato allettante - Citando fonti anonime ben informate, il settimanale della Ringier riferisce di una lettera che avrebbe accompagnato l'offerta presentata dall'europea Airbus per il suo Eurofighter. Nella missiva, firmata secondo le fonti dai ministri della difesa tedesco, italiano, spagnolo e britannico, si offrirebbe alla Svizzera un partenariato transfrontaliero nei settori della cooperazione militare, dell'energia, della cooperazione economica, delle reti scientifiche, della politica ambientale e dei trasporti, delle tecnologie digitali, della sicurezza informatica e dei progetti d'infrastrutture.

In seno all'amministrazione vi sarebbe un forte gruppo di funzionari che sostiene l'uso di questo acquisto come mezzo per compensare i rischi della politica europea dopo il fallimento delle trattative riguardanti l'accordo costituzionale tra Svizzera e Ue.

Molti i criteri - A questo proposito lo stesso Bernhard Brenner, capo delle vendite di Airbus Defence and Space (il produttore dell'Eurofighter), citato dal settimanale SonntagsZeitung, sottolinea come i sette membri del Consiglio federale debbano valutare la questione come «un pacchetto complessivo». La decisione sui nuovi aerei da combattimento svizzeri non dovrebbe infatti essere presa solo sulla base di criteri militari, secondo Brenner: «Gli elementi economici e politici sono altrettanto importanti».

Airbus sostiene che se la Svizzera decidesse di cooperare con tre stati dell'UE dopo l'abbandono dell'accordo quadro, questo semplificherebbe il dialogo con Bruxelles e aiuterebbe a trovare nuove strade.

Consiglio federale e Parlamento intendono acquistare dal 2025 nuovi aerei da combattimento per sei miliardi di franchi che dovrebbero sostituire l'attuale flotta di F/A-18- e Tiger. Nel settembre dello scorso anno il popolo si è espresso - accogliendolo di misura (50,1%) - sul principio dell'acquisto dei nuovi jet. Non ha avuto invece voce in capitolo riguardo al modello di aereo o al numero di velivoli.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
RV50 4 mesi fa su tio
Un nuovo ricatto dalla grande democrazia UE ......
Wunder-Baum 4 mesi fa su tio
la Svizzera è un paese con statuto neutrale.. do not forget
Atomic 4 mesi fa su tio
Cosa può fare il dio danaro , quello che vuole dalla Svizzera UE
Güglielmo 4 mesi fa su tio
beh... bel modello performante! se poi da altri vantaggi, ben venga.
seo56 4 mesi fa su tio
😡😡😡😡😡😡😡😡 ricucire cosa??????
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-26 03:19:09 | 91.208.130.89