Keystone
SVIZZERA
17.05.2021 - 18:000
Aggiornamento : 18:23

Accordo quadro, esclusa l'interruzione dei negoziati

Il Consiglio Nazionale chiede che un compromesso sia raggiunto a tutti i costi.

BERNA - Interrompere i negoziati sull'accordo quadro fra la Svizzera e l'Ue è fuori discussione. La Commissione di politica estera del Consiglio Nazionale (CPE-N), al termine di una riunione straordinaria, ha chiesto al Consiglio federale di adattare il mandato negoziale della segretaria di Stato Livia Leu in modo che sia possibile raggiungere un compromesso.

Le possibili conseguenze - La Commissione aveva invitato cinque consiglieri federali ad illustrare le conseguenze di un rifiuto dell'accordo quadro su vari dossier. Alla riunione erano presenti però solo il ministro degli esteri Ignazio Cassis e il presidente della Confederazione Guy Parmelin.

Fermarsi non è contemplato - «Interrompere i negoziati non è un'opzione se non c'è un concetto di come gli accordi bilaterali possano essere portati avanti», ha detto ai media a Palazzo federale Tiana Angelina Moser (Verdi liberali/ZH), presidente della CPE-N.

Un compromesso fondato su principi - Una netta maggioranza della commissione vuole che il Consiglio federale adattati il mandato negoziale e renda possibile un compromesso sull'accordo quadro. Il mandato dovrebbe essere basato su principi, non su regole, e non dovrebbe essere troppo limitato in modo che siano possibili soluzioni. La minoranza ritiene invece che non ci sia bisogno di un accordo istituzionale o che sia di competenza unicamente del Consiglio federale.

Chiarezza sulle implicazioni di uno stop - La CPE-N ha inoltre chiesto all'unanimità che il governo fornisca una «documentazione completa» delle conseguenze della sospensione o della rottura dei negoziati con l'UE. «Abbiamo ricevuto risposte molto concrete dal Consiglio federale sulle implicazioni di un fallimento dell'accordo quadro», ha spiegato Moser. Anche per quanto riguarda l'accordo sull'elettricità, la commissione ha ottenuto informazioni. Su altri dossier invece non ha ricevuto risposte.

Il popolo deve sapere - «L'opinione pubblica deve essere informata delle conseguenze della rottura dei negoziati» e il Consiglio federale finora non l'ha fatto. La Commissione non ha ottenuto tutte le informazioni che sperava, nemmeno nel corso della riunione straordinaria.

Possibile circolo vizioso - La CPE-N ha ricordato al Consiglio federale che il consolidamento della via bilaterale è uno degli obiettivi di politica estera e ha insisto sulla ricerca di una soluzione. Vi è infatti il timore che il fallimento dei negoziati possa avere conseguenze negative su altri dossier.

In cerca di una soluzione - Il Consiglio federale e l'amministrazione sono consapevoli dei rischi potenziali di una rottura dei negoziati, ha detto il vicepresidente della commissione Laurent Wehrli (PLR/VD). Il governo cerca una soluzione «lungo le linee rosse». La decisione su come procedere è attesa nei prossimi giorni o settimane.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-20 14:01:28 | 91.208.130.89