keystone
BERNA
25.04.2021 - 08:540

Accordo quadro: «I negoziati non sono ancora falliti»

Ciò stando al presidente della Confederazione Guy Parmelin che però riconosce divergenze con Bruxelles

Al vaglio soluzioni alternative nel caso in cui i negoziati si concludessero con un fallimento definitivo

BERNA - I negoziati comportano sempre un rischio di fallimento, ma non si è ancora a questo punto in merito all'accordo quadro istituzionale che la Svizzera sta negoziando con l'Unione europea (Ue) dal 2014, dice il presidente della Confederazione Guy Parmelin in un'intervista pubblicata oggi dal SonntagsBlick. Per ora è necessaria un'analisi, afferma.

Parmelin ha incontrato l'altro ieri a Bruxelles la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen. Alla fine delle discussioni, i due hanno riconosciuto che ci sono ancora grandi divergenze tra Berna e Bruxelles. Entrambe le parti devono ora valutare i risultati dell'incontro, ha aggiunto Parmelin.

Della valutazione fa parte la consultazione delle commissioni e dei Cantoni, ha indicato il capo del Dipartimento federale dell'economia, della formazione e della ricerca (DEFR) nell'intervista realizzata per iscritto.

Ma «nessuno nell'Ue o in Svizzera vuole prolungare artificialmente i negoziati», ha aggiunto. Parmelin ha riconosciuto che si stanno considerando soluzioni alternative nel caso in cui i negoziati si concludessero con un fallimento definitivo. «Il Consiglio federale pensa sempre ad alternative. Ma queste discussioni sono premature».

Il presidente della Confederazione l'altro ieri aveva indicato che i negoziatori, Livia Leu da parte svizzera e Stéphanie Riso da parte europea, sarebbero rimasti in contatto. Aveva precisato che il Consiglio federale non può firmare l'accordo senza soluzioni soddisfacenti sui tre aspetti controversi noti: la protezione dei salari, la direttiva dell'Unione europea sulla cittadinanza e gli aiuti di Stato.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Tato50 3 mesi fa su tio
Ve lo dirà il popolo dove andranno a finire !!
seo56 3 mesi fa su tio
Mi auguro tanto di sì
Nano10 3 mesi fa su tio
come al solito purtroppo molleremo le "braghe"
M70 3 mesi fa su tio
il nostro Governo deve imporsi x il benessere dei suoi cittadini e non cedere all'UE....ma è così difficile da capire? con questo accordo la CH è finita
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-08-03 16:42:21 | 91.208.130.87