Cerca e trova immobili

SVIZZERA14 milioni in 9 mesi a Ermotti, gli azionisti: «Dovreste vergognarvi»

24.04.24 - 11:51
Giornata storica per UBS che oggi a Basilea ritrova i suoi azionisti dopo l'acquisizione di Credit Suisse. Non sono mancate le critiche.
keystone-sda.ch (GEORGIOS KEFALAS)
Sergio Ermotti
Sergio Ermotti
Fonte 20 Minuten /TagesAnzeiger/ats
14 milioni in 9 mesi a Ermotti, gli azionisti: «Dovreste vergognarvi»
Giornata storica per UBS che oggi a Basilea ritrova i suoi azionisti dopo l'acquisizione di Credit Suisse. Non sono mancate le critiche.

BASILEA - La prima riunione degli azionisti di UBS rappresenta un po' la chiusura di un cerchio, la cui rotazione metaforica era iniziata con la crisi di Credit Suisse e la successiva acquisizione-salvataggio della rivale da parte di UBS.

Il primo a prendere la parola durante questa giornata "storica" è stato il presidente della mega-banca Colm Kelleher che dopo aver salutato gli azionisti ha lanciato il primo missile verso la politica, rea (a suo dire) di mettere troppi paletti alle banche.

keystone-sda.ch (GEORGIOS KEFALAS)Colm Kelleher: «L'acquisizione è come una maratona, non come uno sprint».

«Questo è sicuramente uno degli anni più importanti per UBS», ha esordito. «È infatti la prima volta che due banche di importanza sistemica si uniscono. C'è ancora molto da fare, ma posso assicurarvi che procederemo all'integrazione in modo rapido e sicuro».

L'acquisizione di Credit Suisse ha nel contempo suscitato un nuovo dibattito sulla regolamentazione. «Siamo seriamente preoccupati per i requisiti di capitale aggiuntivo», ha precisato il presidente di UBS, aggiungendo che Il modello di business «è responsabilità del management e che la fiducia nell'Istituto non può venire regolamentata. Una cultura negativa può infatti distruggere l'attività. Questo è particolarmente vero nel settore bancario, dove la fiducia si perde rapidamente».

«Non siamo "too big to fail"» - Per Kelleher il Paese può essere orgoglioso di essere riuscito a evitare una crisi finanziaria senza precedenti. «UBS è una delle banche con la migliore capitalizzazione in Europa, con un modello di business sostenibile e un bilancio corrispondentemente a basso rischio. Non siamo "too big to fail"».

«Maratona, non sprint» - La fine di Credit Suisse è stata «una tragedia per molti», ha ricordato Kelleher. «Ma UBS ha rilevato molte banche, da quelle cantonali a quelle di Wall Street: nel nostro settore, il consolidamento è sempre stato una realtà».

keystone-sda.ch (GEORGIOS KEFALAS)Sergio Ermotti: «Questo sarà un anno decisivo»

Dopo il presidente ha poi preso la parola Sergio Ermotti, l'uomo richiamato sul ponte di comando per gestire l'integrazione di Credit Suisse. «Sarà una maratona, non uno sprint», ha spiegato il CEO ticinese, precisando di vedere già «molti progressi» in questo ambito. «Sono però ancora necessarie significative misure di ristrutturazione e ottimizzazione, prima che la grande banca possa sfruttare appieno i vantaggi della fusione».

«Anno decisivo» - Per Ermotti il 2024 «sarà un anno decisivo». «La fusione delle nostre banche elvetiche dovrebbe avvenire entro la fine del terzo trimestre». Secondo il CEO i necessari guadagni di efficienza in termini di costi, capitale e finanziamento potranno essere realizzati solo dopo l'unione di queste società. UBS sarà quindi in grado di smantellare gradualmente le vecchie piattaforme di Credit Suisse a partire dalla seconda metà del 2024. «Questo processo continuerà fino al 2025, prima di avvicinarci all'obiettivo finale nel 2026».

«I rischi non sono sostenuti dallo Stato» - Ermotti ha poi anche criticato - definendola «fattualmente errata» - l'argomentazione di chi sostiene che UBS, con la sua grandezza, dispone di una garanzia statale implicita. «I rischi di UBS sono sostenuti dagli azionisti e dai detentori di strumenti AT1 e di obbligazioni TLAC, non dai contribuenti».

«Licenziamenti a breve e medio termine» - Per quanto riguarda la delicata questione dei tagli al personale, il manager ticinese parla «di decisioni difficili ma necessarie, per riuscire a completare la fusione». Gli impieghi che andranno persi, si sa già da tempo, saranno nell'ordine delle migliaia e si inizierà a licenziare «già nel breve e medio termine, faremo comunque il possibile per limitarne l'entità», conferma Ermotti che ribadisce come, «i nostri piani permetteranno, in futuro, di creare nuovi posti di lavoro di alta qualità in Svizzera».

Terminati gli interventi della dirigenza, ora la metaforica palla passa agli azionisti. Sul tavolo i chiacchieratissimi bonus e la remunerazione-record di Ermotti (14,4 milioni di franchi in nove mesi con i bonus che potrebbero portarlo fino a 20 milioni).

keystone-sda.ch (GEORGIOS KEFALAS)Fritz Peters, dell'associazione di azionisti Ubs Actares: «14 milioni per 9 mesi di lavoro è esagerato».

«Salario eccessivo? Quello di Ermotti è il lavoro più difficile che ci sia» - A difendere la decisione, lo stesso Kelleher: «Ermotti ha senza dubbio il lavoro più difficile di tutto il settore finanziario mondiale, e lo svolge in maniera eccellente. Inoltre gli stipendi dei grandi banchieri americani sono molto più alti di così e, tranquilli, non ci arriveremo mai», conclude.

Kelleher ha poi preso la parola per rispondere alle critiche relative al sistema di bonus che alcuni azionisti del gruppo Ethos-Kaufmann definendosi «preoccupati» ritengono «insufficientemente trasparente», spiegando come il sistema attualmente in vigore in UBS sia «corrispondente a quello che viene utilizzato in tutto il settore finanziario» ed è «strettamente legato al successo dell'azienda».

«Dovreste vergognarvi», non ha moderato i toni Fritz Peter dell’organizzazione Actares (azionisti per un'economia sostenibile): «14 milioni per nove mesi di lavoro è decisamente esagerato, per noi questo è stato un errore palese da parte del consiglio d'amministrazione, è un affronto a tutti gli azionisti e all'intero sistema finanziario svizzero. In un momento delicato come questo, quello che sarebbe opportuno sarebbero moderazione e umiltà».

L'azionista CS: «Mi sento di me**da» - Fra gli azionisti che hanno preso la parola, anche quelli di Credit Suisse: «Ho perso tantissimi soldi, la chiusura è stato uno scandalo», commenta uno puntando ancora il dito contro il maxi-stipendio del manager ticinese.

La risposta di Kelleher è laconica: «Se non ci fosse stato alcun salvataggio i soldi li avrebbe persi tutti, CS era in bancarotta... quello che dobbiamo fare da qui in poi è procedere con trasparenza e chiarezza».

Non è d'accordo un altro azionista di Credit Suisse: «dovrebbe spettarci un risarcimento, siamo sentiamo come fossimo delle me**e», ha chiosato in maniera accesa, «sarà anche stata un'emergenza ma Ubs ci ha guadagnato miliardi... si poteva provare a rinnovare Credit Suisse, salvarlo senza una fusione». Un tero azionista CS deluso, critica il management Ubs: «Anche Credit Suisse elargiva bonus esagerati, e guardate com'è finita!».

Si parla (tanto) anche di clima - Fra i vari interventi a tema bonus, ce ne sono altrettanti a tema climatico con azionisti-attivisti e veri e propri attivisti a prendere la parola. Fra le richieste sollevate quelle della politica a emissioni zero dell'azienda così come la partecipazione aziende e conglomerati fortemente inquinanti. Fra gli interventi citiamo quello di Greenpeace, per voce di Peter Haberstich, che chiede «un impegno vincolante per quanto riguarda gli obiettivi di decarbonizzazione».

Remunerazioni approvate - Malgrado tutti questi interventi critici, gli azionisti hanno infine comunque approvato a netta maggioranza il rapporto sulle remunerazioni. In un voto consultivo l'assemblea generale ha infatti optato per il "sì" nella misura dell'83,5%. Gli azionisti hanno inoltre approvato il rapporto di sostenibilità (93,4%) e il rapporto d'esercizio e i bilanci (con il 99,2%), dando il via libera alla distribuzione dei dividendi. All'assemblea generale annuale presso la St. Jakobshalle di Basilea erano presenti in totale 1538 azionisti, per un totale del 78% di tutte le azioni con diritto di voto.


Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 

Stilton 4 sett fa su tio
Purtroppo i soldi non rientrano nelle risorse rinnovabili, quindi se qualcuno ne prende tanti, altri ne riceveranno pochi.

vulpus 4 sett fa su tio
Fa anche tanta beneficenza. Meglio per lui. I soldi alla fine non danno tutto.

Rfiscalini 1 mese fa su tio
Ho l'impressione che molti vorrebbero essere al posto di Ermotti ... paga milionaria ... responsabilità 0. Ora non vorrei essere frainteso ma secondo voi un ex impiegato di commercio quasi in assistenza dovrebbe lui forse guadagnare il salario di Ermotti. Non dimentichiamo che nel 2007 UBS non se la passava molto bene e forse ... solo grazie a una sapiente gestione ha potuto risollevarsi ... acquisendo infine il Credito Svizzero ... d'accordo i soldi sono tanti ma le responsabilità sono immense ... e ... quindi smettiamo di vedere solo una parte della medaglia ... questo non vuol dire abassare la guardia

Soleluna 1 mese fa su tio
Risposta a Rfiscalini
Io apprezzo e ammiro il Sig Ermotti e ritengo che il salario sia adeguato per quello che ha fatto e sta facendo.Credit Suisse è un danno di immagine che volentieri UBS avrebbe evitato....

Yoebar 1 mese fa su tio
Ermotti prende quanto da lui firmato nel contratto, dunque, forse, bisognava pensarci prima di assumerlo.

Aaahhh 1 mese fa su tio
Tanti? Forse ma ancora pochi confronto a quello che mungono gli specialisti nel campo sanitario (ovviamente non gli infermieri…) A differenza di Ermotti, pagati da tutti noi con i premi

F/A-19 4 sett fa su tio
Risposta a Aaahhh
Ah ecco, gli specialisti sanitari guadagnano di più? Ul me ziu l’è idraulic ma al guadagna mia insci tant.😂

Voilà 4 sett fa su tio
Risposta a Aaahhh
Mah, trovami un medico che guadagna 1.5 milioni al mese... Ci sono invece CEO di casse malati che guadagnano un milione all'anno, le casse malati sono una cinquantina e nessuno di loro guadagna meno di 400'000 Fr. l'anno, pagati con i nostri premi, come sono stati pagati con i nostri premi i 2 miliardi persi in borsa nel 2022, sempre dalle casse malati.

NoComment 1 mese fa su tio
6-7 miliardi di utile e il capo deve guadagnare 2-3 milioni? Ma stiamo scherzando? Stipendio più che adeguato. Invece di essere fieri di avere un’azienda di questo calibro in CH non fate altro che lamentarvi. Sarebbe bellissimo vedere UBS spostare la propria sede legale all estero e 1 miliardo o giù di li di tasse in meno incassati dalla Confederella, altro che 14 milioni pagati al capo, baluba

Nico66 1 mese fa su tio
non ne usciremo probabilmente mai

Princi 1 mese fa su tio
cosa se ne fanno di tutti quei soldi? magari non paga nemmeno le imposte in CH

cle72 1 mese fa su tio
Mi sembra di capire che nessuno ricorda o non vuole ricordare che anche UBS ha rischiato il fallimento e solo grazie alla Confederazione oggi è ancora sana e vegeta. Forse è il caso veramente di chinarsi e valutare attentamente chi mettere a dirigere certe istituti. La Swissair, altro esempio di malegestione. Sul guadagno del signor Ermotti, si può essere d'accordo o no. Io personalmente mi idigno quando sento di versamenti di super bonus per buona uscita a chi ha fatto danni e disastri a livello di dirigenza. Di esempi ne abbiamo a gogò

Soleluna 1 mese fa su tio
Hanno ragione eccome!!!Molte posizioni sono occupate da bancari con formazione bancaria molto bassa ( spesso hanno solo una formazione commerciale ), in banca dovrebbero essere inserite persone che hanno una formazione finanziaria universitaria. Ci sono bravi manager ,ma troppi pochi.Ermotti a mio parere poco può fare.I licenziamenti sono necessari non si possono tenere posizioni che oramai non servono più o peggio doppioni.

Gio58 1 mese fa su tio
Risposta a Soleluna
Segnalo che Ermotti non ha una formazione finanziaria universitaria. Ciò nonostante direi che si è ritagliato una posizione di assoluto prestigio.

gregorio 1 mese fa su tio
l'Ermottone lo vedo un po' invecchiato

SSG 1 mese fa su tio
Risposta a gregorio
non è quello dell'ultima foto... :)

bibis 1 mese fa su tio
Risposta a SSG
:-))

chivas 1 mese fa su tio
Le critiche ci stanno eccome, ma ora è venuto il momento di lavorare, non so se i banchieri capiscono il significato di lavorare. Non voglio vedere ancora perdite per gli azionisti, come per CS. Ho perso molti soldi con CS grazie a persone incapaci e con la sola volontà di intascare assegni milionari fregandosene degli azionisti. Mi auguro che i vertici di UBS se ne rendano conto e non vadano a cercare direttori o altro all'estero, come fatto da CS. Ma soprattutto che la banca, i proprietari sono gli azionisti, ed anche quelli piccoli devono guadagnare.

Jocaalje 1 mese fa su tio
Dovrebbe esserci un tetto massimo per tutte le professioni: con il suo stipendio verrebbero finanziati per lo meno 150 persone: É davvero esagerato guadagnare così tanto.

Kai1979 1 mese fa su tio
Come fate a dire, che ha tante responsabilità un banchiere… e quindi è corretto certe cifre? Ma vogliamo rimanere con i piedi per terra? Volete capire che le banche e chi lavora, si veste si costruiscono case e palazzi con i soldi nostri? Compito della banca e consegnare i tuoi averi al sicuro… non di giocare con la borsa Abbiamo dato troppa importanza alle banche … che come ben sapete non produce niente Con al tenuta conto Signori si fanno problemi bei stipendi senza fare nulla Lavoro che ci vale tutti… continuano Ad alimentare questa gente è accettiamo semrpre tutto Non si può accettate 14 milioni di stipendio e assurdo… cerchiamo di stare con i piedi per terra e cercare di essere meno avari

NoComment 1 mese fa su tio
Risposta a Kai1979
Infatti io l ipoteca l’ho chiesta al gommista sotto casa. Il compito delle banche é fare da mediatore di capitali per incentivare lo sviluppo di un paese, senza banche si torna indietro di 200 anni. Pieno di economisti in questi blog

Emib5 1 mese fa su tio
Gli azionisti sono un popolo strano, adesso si lamentano dello stipendio di chi ha salvato la banca, allora osannavano i presidenti che hanno quasi fatto fallire Ubs e li adoravano come re riempiendoli di oro. Nemmeno hanno tentato qualche azione giudiziaria per fargli restituire stipendi non meritati, ad essere buono.

Fra Francesco 1 mese fa su tio
Guadagno proporzionato alla grave situazione che si trova UBS dopo la fusione con Credit Suisse.Chiaramente avrà l’obbligo di riportare una delle più grandi banche al mondo in una situazione sostenibile a livello mondiale.

prophet 1 mese fa su tio
Comunque nessun vieta a FINMA, Confederazione e la "coscienza", di liquidare in modo 1a1 i piccoli azionisti-risparmiatori CS.

Gimmi 1 mese fa su tio
14 milioni x 9 mesi ,mi sembrano un po eccessivi!Senza nulla togliere alle capacità professionali del signor Ermotti!!

prophet 1 mese fa su tio
Risposta a Gimmi
però non sono tutti "stipendio" ma in parte anche in azioni o simili (se non sbaglio)

F/A-19 1 mese fa su tio
Ed intanto licenziano migliaia di dipendenti, ed i manager guadagnano decine di milioni all’anno. Dicono che hanno molte responsabilità, io dico che dovrebbero avere molta vergogna.

francox 1 mese fa su tio
Dicono che i guadagni faraonici di questa gente derivi dalle responsabilità. I manager del CS hanno mandato a gambe all'aria una banca svizzera e non devono nemmeno restituire i bonus. Swissair, uguale. Quindi, di quali responsabilità si parla?

pegis 1 mese fa su tio
Domanda. Vi siete mai chiesti dove le banche prendono i soldi per pagare milioni a persone come Ermotti e lauti stipendi a tutti gli altri dipendenti? e vi siete mai chiesti, quando la banca é in difficoltà, lo stato dove prende i soldi per aiutarla e soprattutto soldi di chi?.... Mi raccomando continuate sempre di più a pagare con le carte di credito, le banche ve ne saranno grate.

ioenontu82 1 mese fa su tio
Risposta a pegis
secondo te i soldi arrivano dalla Visa?

airman21 1 mese fa su tio
Risposta a pegis
Investono i tuoi soldi sul mercato finanziario e fanno il 6-7 % di rendimento 😂😂

RemusRogue 1 mese fa su tio
Risposta a pegis
Hai ragione al 100% 👍 Molti non sanno che è il venditore a pagare le commissioni che poi ovviamente essendo un costo fa lievitare i prezzi al cliente finale che è convinto di non pagare niente alle banche, è un sistema malato per fre-gare il consumatore.

pegis 1 mese fa su tio
Risposta a airman21
I miei? no forse i tuoi ma ugualmente la tua risposta é errata, forse non hai capito che parliamo di 14 milioni e non solo.

pegis 1 mese fa su tio
Risposta a ioenontu82
Perfetto hai ragione , sei un ragazzo molto, MOLTO intelligente.
NOTIZIE PIÙ LETTE