Keystone
SVIZZERA
01.03.2021 - 17:090

Quattordici milioni per lo Yemen

La donazione della Confederazione servirà a sostenere le attività di diverse organizzazioni umanitarie nel Paese.

Il consigliere federale Ignazio Cassis: «Dobbiamo dare prospettive al popolo yemenita. Questo significa creare un legame stretto tra le attività in materia di aiuto umanitario, sviluppo, diritti umani e pace».

BERNA - La Confederazione intende versare 14 milioni di franchi per l'aiuto umanitario nello Yemen.

Lo ha indicato oggi il consigliere federale Ignazio Cassis in occasione della conferenza virtuale dei donatori, presieduta da Svezia e Svizzera, e organizzata in collaborazione con l'Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari (OCHA).

Nel suo intervento, Cassis ha invitato al rispetto del diritto internazionale umanitario e si è espresso a favore del processo di pace guidato dall'ONU, si legge in una nota del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE). «Dobbiamo sviluppare approcci più sostenibili per dare prospettive al popolo yemenita. Questo significa che dobbiamo creare un legame stretto tra le attività in materia di aiuto umanitario, sviluppo, diritti umani e pace», ha affermato il ministro.

Il denaro versato dalla Svizzera servirà a sostenere le attività di diverse organizzazioni umanitarie, come il CICR e il Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite, precisa la nota, aggiungendo che l'aiuto elvetico si concentrerà sul settore dell'acqua e delle reti idrico-fognarie, sulla sicurezza alimentare e sulla protezione della popolazione civile.

Oltre al sostegno finanziario, la Svizzera mette a disposizione delle organizzazioni umanitarie anche esperti. Per Berna è importante che le ong attive sul posto abbiano obiettivi e margini di manovra ben definiti, in modo che la loro efficacia ed efficienza possano essere monitorate e, dove necessario, migliorate, sottolinea il DFAE.

Dallo scoppio dei conflitti armati nel 2015, la situazione nello Yemen rappresenta la più grave crisi umanitaria al mondo, con oltre 20 milioni di persone - pari al 67 per cento della popolazione yemenita - in assoluto bisogno di assistenza umanitaria. Una situazione che si è aggravata con la crisi di Covid-19, che imperversa tra altre epidemie. Sul Paese grava inoltre un problema migratorio di vasta portata, con quattro milioni di sfollati interni e un impatto devastante sulla situazione sanitaria, alimentare e sulla formazione scolastica.

Alla conferenza, che si è svolta in forma virtuale, hanno preso parte esponenti di 53 Paesi. Tra questi figuravano anche rappresentanti di organizzazioni internazionali e di ong.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
seo56 1 mese fa su tio
Vergognoso
Galium 1 mese fa su tio
Bene Cassis! Questa è l'immagine della Svizzera che occorre dare all'estero.
ciapp 1 mese fa su tio
cassis cassis cominciamo a dare i soldi agli svizzeri che fanno fatica ad arrivare a fine mese
il barbiere 1 mese fa su tio
Ennesimo spreco di soldi pubblici. Con tutti i grossi problemi che affliggono il nostro paese, i nostri governanti vanno a regalare milioni a ONG e a Paesi, dove nemmeno tra 2000 anni potremmo trarne un minimo beneficio. Complimenti, continuiamo così!
streciadalbüter 1 mese fa su tio
Completamente inutile.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-04-13 17:41:39 | 91.208.130.89