Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
BASILEA CITTA'
59 min
«L'obbligo di test avrebbe conseguenze devastanti per le regioni di confine»
I principali partiti svizzeri hanno chiesto al Consiglio federale regole in entrata più severe.
SVIZZERA
2 ore
Smarties nella carta? A Greenpeace non bastano
L'abbandono della plastica mira a ridurre l'impatto ambientale. Per gli ambientalisti, però, non risolve il problema.
SVIZZERA
6 ore
Il Badrutt's Palace chiude (non si sa per quanto)
Il famoso hotel accusa il calo di visitatori e un focolaio di Covid. A casa 440 dipendenti
ARGOVIA
7 ore
Macabra scoperta sulle rive della Limmat
A Würenlos è stato rinvenuto un cadavere, al momento senza identità.
ZURIGO
7 ore
Casi di rigore: il settore dei viaggi critica i Cantoni
Secondo la "task force viaggi" i sostegni sono mancati alle agenzie che «hanno lasciato tutta la liquidità nell'azienda»
ITALIA / SVIZZERA
7 ore
Un ex manager di UBS per Unicredit?
Il nome di Andrea Orcel ha fatto salire le quotazioni del titolo alla borsa di Milano
SVIZZERA
7 ore
Diciannove richiedenti l'asilo positivi
Il centro per gli asilanti in attesa del rimpatrio di Aarwangen è stato messo in quarantena
SVIZZERA
8 ore
Col telelavoro, la mobilità è crollata
La costante diminuzione degli spostamenti è stata registrata a partire dallo scorso ottobre
BERNA
9 ore
I Cantoni sostengono i test gratuiti per gli asintomatici
GINEVRA 
9 ore
Oms: finita la quarantena gli esperti inizieranno i lavori a Wuhan
«Tra poco cambieremo scenario... se tutto va bene», ha scritto su Twitter una scienziata della squadra.
SVIZZERA
9 ore
I Cantoni nord-occidentali dicono no a nuove misure alle frontiere
Controlli più rigorosi paralizzerebbero il traffico frontaliero, sottolinea la Conferenza dei governi cantonali.
SVIZZERA
10 ore
Picnic su treni e bus, si valutano regole (e multe)
L'UFSP è in contatto con FFS e AutoPostale per trovare soluzioni a una questione che suscita malumori.
FOTO
TURGOVIA
10 ore
Il ghiaccio ha giocato un brutto scherzo a diversi turgoviesi
Sono stati diversi gli incidenti verificatisi questa mattina nel cantone della Svizzera orientale.
SVIZZERA
02.12.2020 - 06:310

Natale col coronavirus? A casa e in una cerchia ristretta

È quanto prevede la maggior parte degli svizzeri, come emerge da un sondaggio di 20 minuti e Tamedia

Nel frattempo oltre la metà dei cittadini si dice pronte a farsi vaccinare. Ma un obbligo per tutti è escluso

BERNA - Durante le vacanze di Natale, i comprensori sciistici elvetici potranno verosimilmente restare aperti. Anche se probabilmente dovranno adottare piani di protezione più severi, limitando pure le presenze. Altri paesi, tra cui la Germania e l'Italia, intendono invece ordinare la chiusura degli impianti almeno fino a dopo Natale.

Ma in quanti prevedono effettivamente di trascorrere le feste sulla neve? In Svizzera si tratta del 14%, che avrebbe anche già prenotato. Mentre un altro 13% sarebbe intenzionato a partire per la montagna, ma per ora segue ancora l'andamento della pandemia. Quasi la metà degli svizzeri (si parla del 47%) è invece già sicura di restare a casa. Una percentuale, quest'ultima, che è particolarmente alta (65%) tra gli over 65. Ma anche tra i 18 e i 34 anni un buon 35% è pronto a rinunciare. È quanto emerge da un sondaggio di 20 Minuti e Tamedia a cui hanno preso parte, dal 26 al 29 novembre 2020, oltre 14'400 persone provenienti da tutto il paese.

Insomma, le autorità federali hanno a più riprese invitato la popolazione ad adottare un comportamento responsabile con l'obiettivo di rallentare la diffusione del nuovo coronavirus. E i cittadini starebbero rispondendo positivamente alla raccomandazione. D'altronde - come si evince ancora dal rilevamento - il 40% degli interpellati ritiene che le misure adottate contro il coronavirus da Confederazione e Cantoni siano adeguate. Per il 41% si potrebbe invece fare di più.

Un Natale in pochi - Ecco dunque che sempre con prudenza ci si prepara anche per festeggiare il Natale. Infatti, soltanto il 7% degli intervistati ha deciso di rinunciarvi. Il 54% prevede invece dei festeggiamenti adattati alla particolare situazione, quindi con una cerchia ristretta di amici o familiari. Una decisione, questa, che vede una distribuzione abbastanza omogenea su tutte le fasce d'età. C'è comunque anche un 12% che dichiara di voler festeggiare come se la pandemia non ci fosse. In questo caso si tratta soprattutto di giovani tra i 18 e i 34 anni, e anche di una maggioranza di persone che non intendono in alcun modo farsi vaccinare contro il coronavirus.

Più in generale, durante questa seconda ondata si osserva inoltre una limitazione dei contatti. Una limitazione che avviene su indicazione delle autorità federali e cantonali, ma senza un vero e proprio lockdown. Attualmente - secondo quanto emerge dal sondaggio - la metà della popolazione afferma di mantenere i contatti con due-quattro persone al di fuori della propria economia domestica. Un 23% arriva fino a dieci. Ma solo il 9% va oltre. In quest'ultimo caso si tratta soprattutto di giovani.

In attesa del vaccino - Il Natale lo passeremo senza un vaccino, come ha anche detto di recente il consigliere federale Alain Berset. Ma poi le prime dosi sono attese in Svizzera nella prima metà del 2021. Un obbligo di vaccinazione è attualmente escluso dalle autorità. E anche il 75% degli intervistati si dice contrario. C'è un consenso più ampio (45%), invece, nei confronti di un obbligo per i gruppi a rischio, come per esempio il personale sanitario.

Perché abbia un effetto stabilizzante, sarà però necessario che il 60% della popolazione si faccia vaccinare. Da questo punto di vista, potremmo essere sulla buona strada: secondo il rilevamento, il 53% dei cittadini (soprattutto uomini e persone che hanno molta fiducia nel Consiglio federale) sarebbe infatti intenzionato a vaccinarsi. Il 42% lo esclude. E un 5% è ancora indeciso.

Il sondaggio

Sono 14'470 le persone da tutta la Svizzera che dal 26 al 29 novembre hanno preso parte al sondaggio di 20 minuti e Tamedia sulla pandemia. Queste rilevazioni vengono condotte in collaborazione con LeeWas, che pondera i dati in base a variabili demografiche, geografiche e politiche. Il margine d'errore si attesta all'1,5%. Più informazioni su tamedia.ch/umfragen


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-01-27 00:31:27 | 91.208.130.87