Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
VALLESE
12 min
Spunta la pubblicità sulle tombe nel cimitero
Le famiglie dei defunti sepolti a Collombey sono scioccate.
ZURIGO
30 min
Gli interinali guadagnano come gli assunti dall'azienda
Uno studio dimostra che le condizioni di impiego sono praticamente equivalenti.
SVIZZERA
39 min
Figli con gravi problemi di salute, 14 settimane di congedo ai genitori
Sarà suddivisibile tra i due genitori e dovrà essere preso entro 18 mesi, in una sola volta o in singoli giorni.
BERNA
1 ora
Tassa militare anche per le Guardie svizzere
L'eventuale deroga, secondo il Consiglio federale, sarebbe discriminatoria per i non cattolici
BERNA 
2 ore
Giornata dell'infermiere: «Gli applausi non bastano»
Azioni in undici città contro l'esodo.
GRIGIONI
2 ore
Proteggere il bestiame anche con nuove razze di cani
Il Governo retico ha deciso di promuovere anche i cani non riconosciuti ufficialmente dalla Confederazione.
SVIZZERA
2 ore
«È giunto il momento per altre aperture»
Vista la situazione epidemiologica, per Lukas Engelberger ulteriori allentamenti sono possibili.
GRIGIONI
2 ore
Si accampano davanti al KFC per mangiare gratis per un anno
Questa mattina a Coira ha aperto una filiale del noto fast food Kentucky Fried Chicken.
SVIZZERA
4 ore
Personale di cura: parole al miele da Berset
Il consigliere federale ha pubblicato un pensiero in occasione dell'odierna Giornata internazionale dell'infermiere
SEYCHELLES/SVIZZERA
16 ore
Bloccato nel paradiso delle Seychelles: «Eppure sono vaccinato»
Rientro travagliato per un 57enne zurighese dopo una vacanza nell'Oceano Indiano
SVIZZERA
18 ore
Cure sanitarie a carico di Berna, iniziativa fallita
Secondo l'UDF la sua approvazione avrebbe portato a una riduzione, stimata a 3 miliardi, dei premi di cassa malati.
BERNA
19 ore
Le FFS ripristinano i collegamenti internazionali
Diversi i servizi che erano stati sospesi causa pandemia.
GRIGIONI
19 ore
Scontro frontale con un ferito leggero
L'incidente si è verificato lungo la strada principale a Wiesen, frazione di Davos
SVIZZERA
11.11.2020 - 14:310
Aggiornamento : 18:08

«Il vaccino avrà effetto, se lo farà almeno il 60% della popolazione»

Nel frattempo il Consiglio federale approva altri 100 milioni destinati all'acquisto delle dosi

Il ministro della sanità Berset: «In Svizzera la situazione resta tesa». Ma starebbero avendo effetto le misure sinora adottate

BERNA - Mentre il coronavirus continua a diffondersi (nelle ultime ventiquattro ore in Svizzera sono stati segnalati altri 8'270 casi accertati, 86 decessi e 304 ricoveri), ci sono dei primi segnali positivi sul fronte dello sviluppo di un vaccino. Negli scorsi giorni Pfizer e BioNTech hanno presentato i risultati della fase 3 dei test sul loro prodotto, parlando di un'efficacia superiore al 90%. In Australia è invece stata avviata la produzione del vaccino di Oxford-AstraZeneca.

«La situazione epidemiologica resta tesa: il numero dei casi continua ad aumentare, seppure più lentamente» ha detto il consigliere federale Alain Berset, secondo cui starebbero avendo effetto le misure sinora adottate. Il tasso di riproduzione si aggira attorno a 1 (quindi cento persone ne contagiano altre cento) e va ulteriormente abbassato, almeno a 0,7. E Berset ha ricordato che sta crescendo il numero delle persone ospedalizzate. «Al momento alcune regioni del nostro paese sono tra le più colpite d'Europa». A livello nazionale per ora non sono comunque previste ulteriori misure. Ma Berset ha nuovamente invitato la popolazione a rispettare le disposizioni, le norme igieniche e il distanziamento.

Ora per la Confederazione è fondamentale poter garantire alla popolazione svizzera un accesso rapido a un vaccino anti-Covid-19 sicuro ed efficace, non appena questo sarà disponibile. A tal fine il Consiglio federale ha già approvato un credito di 300 milioni di franchi. Nella sua seduta odierna, il Governo ha ora stabilito di aumentare questo credito di altri 100 milioni per avere sufficiente margine di manovra nell'ulteriore acquisto di vaccini, come reso noto oggi in conferenza stampa.

Al momento la Confederazione ha concluso un contratto con due produttori di vaccini. Ma per attuare la strategia di acquisti sono necessari ulteriori contratti di riservazione. Da qui la decisione di aumentare il credito, portandolo a 400 milioni di franchi. L'importo deriva dai crediti Covid-19 già approvati, assunti dal budget dell'esercito.

Milioni di dosi per la Svizzera - Presso la ditta Moderna, la Confederazione si è assicurata l’accesso a 4,5 milioni di dosi di vaccino, mentre con la ditta farmaceutica inglese AstraZeneca e il Governo svedese ha pattuito la fornitura di fino a 5,3 milioni di dosi. A questo si aggiunge l’adesione all’iniziativa internazionale Covax, un programma per l’approvvigionamento a livello globale, volta a ottenere vaccini anti-Covid-19 almeno per il 20 per cento della popolazione. Idealmente si tratterebbe di 3,2 ulteriori milioni di dosi. I prezzi di una singole dose sono molto diversi, possono ammontare a pochi franchi o a decine di franchi.

Importante, oltre la prevenzione, è anche il trattamento delle persone contagiate da Covid-19. In tal senso, nell’estate del 2020 la Confederazione si è assicurata l’approvvigionamento di un agente immunoterapico prodotto dalla Molecular Partners. In determinati casi, il medicamento potrebbe essere somministrato anche come profilassi per proteggere da un’infezione.

Trattative in corso, anche con Pfizer e BioNTech - La Confederazione è in trattative per la conclusione di contratti con altri produttori di candidati promettenti per un vaccino (anche con Pfizer e BioNTech). La strategia e le raccomandazioni di vaccinazione dipenderanno dai singoli vaccini e terranno conto delle conoscenze scientifiche più recenti coinvolgendo da vicino la Commissione federale per le vaccinazioni (CFV).

Attualmente non si può ancora stabilire quando sarà disponibile un vaccino. L’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) parte tuttavia dal presupposto che in Svizzera le prime vaccinazioni potranno essere effettuate nella prima metà del 2021. Non è comunque previsto un obbligo di vaccinazione, come ha nuovamente sottolineato Berset: «Ognuno dovrà decidere autonomamente se farlo o meno». Ma perché abbia un effetto stabilizzante, il 60% della popolazione dovrebbe farsi vaccinare.

Priorità alle fasce a rischio - Nel frattempo le autorità stanno preparando una strategia per stabilire come avverrà la distribuzione del vaccino. «Dipende anche dal tipo di vaccino, ma sarà prioritario garantire l'accesso alle fasce a rischio» ha spiegato Stefan Kuster, capo della sezione malattie trasmissibili dell'UFSP.

Si parla anche di conservazione e immagazzinamento delle dosi di vaccino: saranno necessari “congelatori” che garantiscano temperature attorno ai -60 gradi centigradi. Su questo fronte l'organizzazione logistica è affidata all'esercito.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-05-12 12:22:41 | 91.208.130.89