Immobili
Veicoli

SVIZZERAIn auto con l'epidemia: «Vogliono farsi notare»

19.04.20 - 18:32
Le strade vuote attirano gli amanti dei motori, annoiati dall'isolamento. L'intervista all'esperto
Tipress
Fonte 20 Minuten/DK
In auto con l'epidemia: «Vogliono farsi notare»
Le strade vuote attirano gli amanti dei motori, annoiati dall'isolamento. L'intervista all'esperto

ZURIGO - Le strade con il coprifuoco imposto dal Covid-19 sono deserte. O almeno dovrebbero esserlo. In realtà, nei giorni scorsi diversi automobilisti sono stati "pizzicati" a velocità folli dai radar, a nord e a sud delle Alpi. Tanto da indurre le autorità cantonali a potenziare i controlli. 

L'acceleratore è una valvola di sfogo? Oppure è la mancanza di traffico a chiamare a raccolta i pirati della strada? Lo abbiamo chiesto allo psicologo del traffico Benjamin Graber dell'Università di scienze applicate di Zurigo (Zhaw). 

Professor Graber, perché in questo momento tante persone pigiano sull'acceleratore?

«I comportamenti scriteriati sono più evidenti, in questo momento. Soprattutto in città, se qualcuno si mette in mostra a velocità elevate e fa ruggire il motore, si fa notare di più rispetto a prima della crisi. Questo implica che per la polizia è più facile rintracciarlo»

Questo dovrebbe essere un deterrente.

«In teoria. Ma non per forza. Alcuni amanti della velocità hanno bisogno di farsi notare, godono del fatto che le loro manovre li mettono più in mostra di prima» 

Quindi le strade vuote sono un invito?

«Le strade vuote possono certamente incoraggiare la guida veloce. Per una volta non c'è nessuno sulla tua strada che ti impedisca di perseguire i tuoi obiettivi e l'intera atmosfera generata dalla crisi dà l'impressione che non si applichino le regole di sempre. Inoltre, ci sono persone che hanno molto più tempo da perdere, rispetto a prima. E lo fanno al volante». 

È anche una valvola di sfogo?

«Sì. La gente è tesa, è preoccupata per il futuro e vive spesso in convivenze forzate, senza i propri spazi. Le persone che amano le auto, hanno con esse una sorta di legame. E spesso guidano inutilmente, come altri farebbero sport o qualche commissione per distrarsi. La guida inoltre è una delle poche cose su cui non ci sono state forti restrizioni».

C'è chi va oltre, e organizza gare in stile "fast and furious". 

«Si tratta di casi rari, per fortuna. A volte, questo genere di comportamento nasce in modo spontaneo, non organizzato. Gli amanti delle auto si riconoscono per strada, dal tipo di veicolo, e ingaggiano piccole competizioni che possono essere molto pericolose».

Parliamo, quindi, di un genere di automobilista particolare. 

«Certo. Le persone che superano di molto i limiti di velocità hanno una certa probabilità di averlo fatto già altre volte. I "pirati" recidivi sono una categoria di persone che soddisfano con l'auto dei bisogni primari, e la propria autostima».

Cosa consiglia agli automobilisti, in questo momento?

«In genere non è consigliabile guidare sotto l'influenza di forti stati emotivi, ad esempio se si è preoccupati per il lavoro, tristi o euforici. Questo perché potresti quindi essere meno attento o tendenzialmente comportarti in modo impulsivo. Quindi è meglio cercare di calmarsi un po 'prima di guidare in modo da poter svolgere consapevolmente e in sicurezza il compito di guida».

NOTIZIE PIÙ LETTE