Roberto Scotti
L'OSPITE
16.03.2020 - 09:210

La politica ai tempi del coronavirus

Roberto Scotti, Candidato PPD Mendrisio Lita numero 3 candidato numero 60

Ci sarebbe un’infinità di citazioni da trascrivere in apertura di argomento. Ne ho scelta una di Albert Einstein che disse “La misura dell’intelligenza è data dalla capacità di cambiare quando è necessario”.

Di cambiamenti tutti noi, in questi giorni ne abbiamo fatti parecchi, alcuni dei quali hanno pesantemente modificato il nostro modo di vivere, di comportarci, di lavorare, di socializzare e quindi di essere.

Cambiamenti prevalentemente dettati da chi ci governa e quindi dai politici eletti.

Il rischio di decisioni forti è anche correlato al rischio di una perdita di consenso politico. La tentazione quindi di chi è eletto è quella di decidere a favore della comunità ma sempre con un occhio al proprio “cadreghino”.

In questo ambito decisionale la Cina ha mostrato, e come non potrebbe esserlo, il pugno duro. La maggior parte di noi è portata a pensare che in quell’immenso paese con abbondantemente più di 1 miliardo di abitanti e con un regime “non troppo democratico” è facile farlo. Questo è parzialmente vero perché è anche una questione di mentalità; le asiatiche e gli asiatici hanno un innato spirito comunitario: primo arriva il noi, la famiglia, la comunità, la Nazione e poi arriva l’io. Questo deriva in parte dalla cultura e in parte dalla religione come ad esempio il Taoismo.

Alle nostre latitudini e più a sud ancora è un po’ diverso: l’egoismo e l’impressione che questo argomento tocca solo gli altri fa si che poi le conseguenze di questo comportamento sociale si ritorce anche sul singolo.

L’uomo è un animale sociale che sin dall’uscita dalle caverne ha avuto bisogno di comunicare ma anche di allearsi con i suoi simili, in gruppi, comunità, villaggi per difendersi dagli animali feroci, per cacciare animali molto più grossi di quello che un uomo potrebbe fare da solo, per dividersi il lavoro e mettendo a disposizione degli altri le varie peculiarità di ognuno. Forse anche questo ha reso l’uomo sapiens dominatore degli altri esseri.

Anche il COVID-19 cesserà di esistere e forse altri con altre sigle tenteranno di aggredire sempre più subdolamente il genere umano ma, almeno una cosa, forse questo COVID-19 ce l’ha fatta capire: da soli, egoisticamente e ognuno per se, come troppe volte la nostra società e i nostri datori di lavoro ci hanno insegnato non va poi sempre troppo bene. La competizione e l’individualità sono necessari, anche per l’evoluzione, la ricerca, il miglioramento ma sempre tenendo conto che non siamo soli e che assieme siamo comunque sempre più forti.

Quindi al politico moderno spettano tempi di duro lavoro. Il politico moderno deve innanzitutto decidere: una decisione, anche se non perfetta è sempre meglio di una non decisione; abbiamo la fortuna di avere un esercito di politici di milizia e quindi già ben allenati a vivere nella comunità che li ospita:non si devono allontanare, devono restare sul territorio, devono odorare il vento per capire cosa sta arrivando e devono fare il bene di tutti non lasciando in dietro nessuno. I romani dicevano “Si vis pacem para bellum”, se vuoi la pace preparati alla guerra e quindi, passato questo COVID-19, alleniamoci non tanto a combattere con la medicina il prossimo virus ma a mantenere vivo quel senso civico del bene comune che ci permetterà di superare tutte le prossime sfide di questo nostro meraviglioso Paese.

 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-28 06:43:09 | 91.208.130.89