Immobili
Veicoli

SVIZZERAGli esperti sono ottimisti: «La ripresa boom dell'industria svizzera prosegue»

01.10.21 - 10:49
L'indice PMI rimane ampiamente nella zona di crescita
Depositphotos (Melpomene)
Fonte Ats
Gli esperti sono ottimisti: «La ripresa boom dell'industria svizzera prosegue»
L'indice PMI rimane ampiamente nella zona di crescita

ZURIGO - La forte ripresa dell'economia svizzera prosegue: nel settore industriale l'indice PMI - che illustra il comportamento dei manager che, nelle imprese, si occupano degli acquisti aziendali - è nuovamente aumentato, rimanendo ampiamente nella zona di crescita. Nello stesso segmento positivo si trova anche - per l'ottavo mese consecutivo - il corrispondente indicatore del ramo dei servizi.

Le informazioni in questione vengono raccolte, attraverso un sondaggio, dall'associazione di categoria Procure.ch: i dati vengono poi interpretati dagli specialisti di Credit Suisse (CS). Stando alle informazioni diffuse oggi dalla banca, l'indice dei responsabili degli acquisti (Purchasing Manager's Index, PMI) nel settore industriale è salito in settembre a 68,1 punti, 0,4 punti in più di agosto e 15,3 più di un anno prima. Si è di fronte al sesto mese di seguito con valori superiori a quelli massimi pre-pandemia: il record assoluto da quando vengono raccolti i dati, cioè dal gennaio 1995, è stato osservato in luglio.

«La ripresa boom dell'industria svizzera prosegue», commentano gli esperti di CS. L'indicatore si situa ampiamente al di sopra della soglia di crescita, fissata a 50 punti. La situazione è però tesa sul fronte degli acquisti, con un aumento dei prezzi e un allungamento dei tempi di consegna. «Le aziende comprano più che possono e fanno scorte per rifornire i loro magazzini».

Passando all'ambito dei servizi, il relativo indice PMI si è attestato a 62,1 punti, con variazioni di +0,8 punti (mensile) e +8,5 (anno). L'indicatore testimonia del trend positivo che il comparto, più orientato ai consumi interni, sta vivendo da febbraio. Tuttavia la crescita degli ordinativi in portafoglio e le nuove commesse indicano che l'attività dovrebbe rimanere elevata nei prossimi mesi: è quindi probabile che la ripresa continui. Analogamente all'industria, anche il ramo dei servizi sta aumentando il personale: il relativo sottoindicatore è a 58,4 punti, ben al di sopra della soglia di crescita. E pure nei servizi i prezzi all'acquisto appaiono in crescita, anche non è stato raggiunto il record di giugno.

La versione svizzera dell'indice PMI raccoglie una tradizione nata negli Stati Uniti che risale ai primi decenni del secolo scorso: è stato infatti nel 1931 che la National Association of Purchasing Management (NAPM) raccolse per la prima volta i dati degli acquisti. Oggi in tutto il mondo il PMI figura fra gli indicatori economici più seguiti per tastare il polso allo stato di un'economia.

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE ECONOMIA