keystone-sda.ch (LI KE)
Nell'ultimo mese in Cina non si è praticamente registrato alcun decesso per Covid-19.
CINA
15.05.2020 - 11:490
Aggiornamento : 14:00

Un mese praticamente senza morti per Covid-19 in Cina

L'ultimo decesso è stato comunicato dalla Commissione sanitaria nazionale il 15 aprile

PECHINO - È praticamente da un mese che la Cina non segnala decessi a causa della pandemia di coronavirus. Il bilancio ufficiale parla di 4633 morti.

L'ultimo decesso è stato comunicato dalla Commissione sanitaria nazionale il 15 aprile, quando il bilancio parlava di 3342 vittime. Il 17 aprile poi Wuhan, la megalopoli della provincia di Hubei in cui si è inizialmente manifestato il coronavirus, ha corretto a sorpresa il bilancio, con altri 1290 decessi che non erano stati fino ad allora registrati e che hanno portato il totale - solo in questa città - a 3869 morti.

In tutto il gigante asiatico il bilancio complessivo è così salito a 4632 morti. Il 27 aprile poi è stato aggiornato a 4633 vittime, dopo che è stato rivisto il numero dei decessi a Pechino. Anche oggi la Commissione sanitaria nazionale ha confermato quest'ultimo bilancio.

La Cina rivendica trasparenza - La Cina rivendica "trasparenza" nella gestione delle prime fasi dell'epidemia di coronavirus e afferma di non aver mai impedito visite di esperti dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) nei laboratori di Wuhan durante la loro presenza in Cina a gennaio e febbraio scorsi.

«Gli esperti dell'Oms non hanno fatto richiesta di visitare laboratori specifici (il riferimento è al laboratorio P4 di Wuhan) durante la loro permanenza a Wuhan, quindi non è esatto dire che la Cina si è rifiutata di portarli in certi laboratori», ha dichiarato un funzionario del Dipartimento internazionale della Commissione sanitaria nazionale, Li Mingzhu, in dichiarazioni riportate dal China Daily.

Pechino - ha ribadito, citato dall'agenzia ufficiale Xinhua - sostiene il ruolo di guida dell'Oms nella battaglia globale contro la Covid-19. «Abbiamo condiviso informazioni sulla pandemia con l'Oms e la comunità internazionale in modo aperto, trasparente e responsabile sin dall'inizio dell'epidemia», ha insistito Li durante una conferenza stampa a Pechino organizzata dal Consiglio di Stato.

Gli esperti dell'Oms, ha detto, «hanno visitato strutture mediche, anche laboratori», e hanno avuto «contatti intensi» con esperti cinesi durante una visita a Wuhan tra il 20 e il 21 gennaio. Poi, ha proseguito, dal 16 al 24 febbraio la Missione congiunta Oms-Cina ha «cercato di comprendere la situazione dell'epidemia» nella Repubblica Popolare, la «risposta, le terapie, la relativa ricerca scientifica» con visite sul campo a Pechino e nelle province di Sichuan, Guangdong e Hubei, dove si trova Wuhan. «Gli esperti - ha concluso Li - hanno offerto suggerimenti validi e costruttivi sulla prevenzione e il controllo dell'epidemia per la Cina e il resto del mondo».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-15 14:56:18 | 91.208.130.86