TiPress - foto d'archivio
CANTONE
11.04.2020 - 13:440

Gli indipendenti «meritano un’indennità mensile»

È quanto chiede una mozione urgente del Partito socialista, insieme all’aumento del forfait per chi è datore di lavoro

BELLINZONA - Tassisti, fisioterapisti, artigiani, imprenditori di prodotti locali, fotografi, disegnatori, grafici, designer, architetti, avvocati, ingegneri. Sono molti i professionisti a statuto indipendente che subiscono delle importanti perdite sulla loro cifra d’affari a causa della crisi coronavirus. Si tratta di persone che «sono state dimenticate e di fatto escluse dalle misure attuate dal Consiglio federale». È questa la premesse del Partito socialista, che include anche i titolari di piccole/medie aziende (perlopiù delle Sagl) la cui posizione è assimilabile a quella di un datore di lavoro.

PS che ha indirizzato oggi all’attenzione del Consiglio di Stato una mozione urgente per consentire a queste categorie professionali di far fronte all’emergenza economica causata dal virus.

«In assenza di un’azione immediata e urgente dello Stato volto a compensare l’inaccettabile, persistente lacuna a livello federale, il destino degli indipendenti e degli impiegati di Sagl la cui condizione è assimilabile a quella di datori di lavoro è già segnato: il fallimento». Per questo i mozionanti - primo firmatario Nicola Corti - chiedono che il Governo ticinese «agisca, con urgenza, senza tentennamenti».

Al Consiglio di Stato il gruppo PS in Gran Consiglio chiede in particolare due misure: l’introduzione di un’indennità mensile massima di 4’410 franchi (80% dell’utile netto) per gli indipendenti che non hanno dovuto cessare la loro attività, ma il cui reddito è fortemente diminuito a causa della pandemia, e l’aumento della somma forfettaria di 3’320 franchi concessa dal Consiglio federale ai collaboratori che occupano una posizione assimilabile a quella di un datore di lavoro nella loro azienda, fino a un importo massimo di 5’880 franchi (fino all’80% dell’ultimo salario dichiarato AVS, al massimo 196 franchi al giorno).

L’attività indipendente nel nostro cantone coinvolge 28’661 occupati residenti (nel 2018), i quali rappresentano il 17,4% dei lavoratori ticinesi residenti. «Si tratta di attività economiche radicate nel territorio, che non possono e che non devono venir discriminate», conclude il PS, secondo cui le misure introdotte dalla mozione urgente dovrebbe essere rese accessibili «per mezzo di una richiesta semplificata».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-10-28 06:07:19 | 91.208.130.87