TiPress - foto d'archivio
ULTIME NOTIZIE Ticino
LOSONE
1 ora
«In un anno 144 casi di cambio di nome e cognome»
L’ex pluriomicida Günther Tschanun aveva vissuto a lungo nel Locarnese. Senza mai svelare nulla sul suo passato.
CASLANO
3 ore
«Apriranno i lidi? Senza direttive navighiamo nell'incertezza»
Raffaele Gianola dello stabilimento balneare sul Ceresio fa gli scongiuri: «Una stagione come il 2020 sarebbe un incubo»
VIDEO: Quando eravamo molestatori
ITALIA
3 ore
Un fischio o uno sguardo, ed è già molestia per strada
Fischiare per strada una donna. Il fenomeno si chiama catcalling
FOTO
LUGANO
3 ore
A cena tra terra e cielo, forse anche in Ticino
"Dinner in the Sky" - il noto ristorante a 50 metri d'altezza - potrebbe far tappa in autunno a Lugano.
BELLINZONA
10 ore
Cocaina purissima in un appartamento di Bellinzona
È stata trovata a seguito della violenta lite, lo scorso 2 dicembre, in un'abitazione di Piazza del Sole.
FOTO
LUGANO
11 ore
«La collaborazione è importante, specialmente in tempi di crisi»
Il ministro degli esteri Ignazio Cassis ha incontrato la sua omologa del Liechtenstein. Domani altri colloqui
BOSCO GURIN
13 ore
«La smettano di dire che chiedo sussidi, l'ho sempre fatto per la valle»
Giovanni Frapolli furioso su Piazza Ticino. L'imprenditore chiuderà davvero gli impianti sciistici?
FOTO E VIDEO
MENDRISIO
13 ore
La chiesa di San Lorenzo senza le sue campane
Sono state temporaneamente rimosse per procedere ad alcuni lavori di manutenzione.
FOTO E VIDEO
AGNO
15 ore
Incidente sulla cantonale, disagi al traffico
Sul posto polizia e ambulanza.
ROVEREDO (GR)
15 ore
Due draghi barbuti salvati dalla SPAB
Sono stati trovati in un prato di Roveredo. Non è chiaro se siano fuggiti da un terrario o se siano stati abbandonati
LUGANO
15 ore
Abuso di stemma, il Municipio imbocca la via lega...le
Il Municipio della Città ha avviato un'azione civile contro la Lega per abuso nell'utilizzo dello stemma
CANTONE
20.01.2020 - 19:200

La gestione alla Cinque Fonti entra in aula con il Gran Consiglio

Raffaele De Rosa risponde alle domande dell'interpellanza di Matteo Pronzini sulla casa anziani. Ma il Parlamento rifiuta di aprire una discussione generale

GAMBAROGNO - «Questa interpellanza permette a De Rosa di dare il suo punto di vista sulla questione importante delle case anziani». È con queste parole che Matteo Pronzini ha introdotto oggi in aula l’interpellanza presentata sulla gestione della casa anziani Cinque Fonti, «l’ennesima dimostrazione del fallimento dell’attuale gestione, di connivenze e mangia mangia». 

I fatti - Una vicenda innescata dal licenziamento lampo del direttore, assunto da soli tre mesi, e dall’uscita di scena di altre figure chiave oltre a uno dei tre membri del consiglio di fondazione (Sargenti). L'ormai ex direttore attribuisce la fine del rapporto di lavoro a una “domanda scomoda” su un presunto conflitto d’interessi, rivolta alla direttrice sanitaria, figlia di un membro del consiglio di fondazione (il Dott. Pelloni).

Il Governo ne è a conoscenza - Raffaele De Rosa ha confermato che «la situazione è stata portata all’attenzione dei competenti servizi cantonali dall’ex direttore licenziato» e la questione ha suscitato «una controversia legale». Successivamente «ci sono stati contatti con il consiglio di fondazione e la Diocesi. L’attuale situazione, l’assenza di una direzione amministrativa, richiama l’esigenza di colmare la situazione e l’iter è già stato avviato».

Licenziamenti e dimissioni - Il direttore del Dipartimento della sanità e della socialità (DSS) ha spiegato che «il rappresentante dello Stato, Sargenti, ha dato le dimissioni dal consiglio di fondazione prima che il direttore venisse licenziato». E che «il consiglio di fondazione ha nel frattempo formulato una proposta per la sua sostituzione». Pronzini, però, trova «assurdo» che siano gli altri due membri a proporre il terzo nome.

Con il licenziamento il Governo non c'entra - Pronzini, provocatoriamente, ha detto in aula: «Il nuovo direttore è entrato in funzione dopo la ratifica del Consiglio di Stato. Lo avranno in qualche modo analizzato… perché poi licenziarlo dopo soli tre mesi?». Gli ha risposto De Rosa, sottolineando che «la scelta dei collaboratori e del direttore amministrativo compete al consiglio di amministrazione». Quello del Consiglio di Stato è solo un «atto di ratifica» che oltretutto «non ha relazione con la decisione presa successivamente di interrompere il rapporto di lavoro». 

Il grande ritorno - Nell’interpellanza (e in aula) il deputato dell’MPS ha anche criticato il ritorno in casa anziani della direttrice storica, richiamata ad interim per occuparsi delle consegne al nuovo direttore. «Cosa avrà mai fatto il direttore di tanto grave in tre mesi, da dover richiamare chi aveva creato “un ambiente di lavoro ostile”?», ha detto Pronzini. De Rosa al riguardo riporta quanto riferitogli dal consiglio di fondazione e cioè che «la precedente direttrice non ha ripreso la funzione, ma ha collaborato a titolo temporaneo per supportare la struttura in questa fase di transizione». Il consiglio di fondazione «è stato sollecitato a stabilire il nuovo assetto di fondazione».

Non se ne parla - La richiesta di Pronzini di allargare il dibattito sulla Cinque Fonti al discorso più ampio della malagestione delle case anziani, più volte sollecitato, non viene accolta neppure dall'aula che rifiuta di aprire la discussione generale con 49 voti contrari (14 favorevoli e 7 astenuti).

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
vulpus 1 anno fa su tio
Il tempo delle verifiche è scaduto . Che ci sia del malaffare va provato. Ma che l attuale gestione sia più che dilettantesca,lo si evince dai fatti e dalle improvvisazioni, decisioni che saranno portatori anche di costi elevati e indesiderati
marco17 1 anno fa su tio
Questo modo di agire ha un nome: omertà.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-04-16 09:35:58 | 91.208.130.87