CANTONE
08.02.2019 - 11:330
Aggiornamento : 12:06

Quale futuro per Alvaro Baragiola Lojacono?

In un’interpellanza si chiede chi fu il Consigliere di stato che diede il passaporto svizzero all’ex brigatista

BELLINZONA - Si torna a parlare di Alvaro Lojacono Baragiola, l’ex brigatista svizzero responsabile di due omicidi e coinvolto nell’uccisione di Aldo Moro. Oggi è stata inoltrata al Consiglio di Stato un’interpellanza a firma di Boris Bignasca, (Lega dei Ticinesi),  Jacques Ducry ( PS indipendente) e Sebastiano Gaffuri (PLR), i quali si soffermano sui trascorsi ticinesi di Alvaro Lojacono Baragiola.

L’ex brigatista ha vissuto in Ticino per diversi anni, e fu arrestato a Lugano l’8 giugno 1988. Avendo il passaporto svizzero, e avendo rifiutato quello italiano, Lojacono Baragiola potè non essere estradato in Italia.

Ma «chi fu il Consigliere di Stato a capo del Dipartimento di Polizia, degli Interni e di Giustizia ai tempi dell’accaduto?» chiedono i tre deputati che nella loro interpellanza avanzano interrogativi anche sui rapporti «tra l’allora Governo, rispettivamente i singoli Consiglieri di Stato e la famiglia Baragiola». Si chiedono come sia stato possibile che un «terrorista ricercato internazionalmente abbia ricevuto il passaporto svizzero, e quali verifiche vennero svolte».

Nell’interpellanza viene pure chiesto per quali capi d’accusa è stato processato e condannato Baragiola in Svizzera, e se vi sono stati altri procedimenti oltre a quello per cui è stato processato, aperti nei suoi confronti e come si sono chiusi.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-05-14 18:58:50 | 91.208.130.87