Immobili
Veicoli
Ti Press
CANTONE
27.04.2018 - 11:220
Aggiornamento : 14:16

Truffa milionaria nel Bellinzonese, in manette un 69enne

L’uomo avrebbe creato delle fatture fasulle ottenendo indebitamente del denaro da una banca

BELLINZONA - Un 69enne è finito in manette per reati di natura finanziaria. L'uomo, un cittadino italiano residente nel Bellinzonese, è sospettato di avere, attraverso una ditta del Bellinzonese attiva nel campo del trasporto internazionale di rifiuti e nel commercio del metallo, commesso una truffa a danno di un istituto bancario.

Nello specifico, la ditta aveva un contratto di factoring con l'istituto bancario, in base al quale quest'ultimo le anticipava l'85% del valore delle fatture che la ditta emetteva ai propri clienti. L'imprenditore è accusato di avere creato delle fatture fasulle, per un importo complessivo superiore al milione di franchi, allo scopo di ottenere indebitamente del denaro dalla banca. Lo comunicano il Ministero pubblico e la Polizia cantonale.

Le ipotesi di reato a carico dell’uomo, così come ad altre persone ancora a piede libero, sono quelle di truffa, abuso di un impianto per l'elaborazione di dati e falsità in documenti. L'inchiesta, appena avviata, è coordinata dal Procuratore pubblico Andrea Maria Balerna.

La carcerazione preventiva è già stata confermata dal Giudice per i provvedimenti coercitivi.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-26 19:29:42 | 91.208.130.86