lettore tio/20minuti
+ 53
CANTONE
25.06.2017 - 08:250
Aggiornamento : 12:27

Pioggia e grandine portano allagamenti e smottamenti

A Cadepezzo le strade sono state invase dall'acqua a causa dell'esondazione del riale Trodo. Straripate le vasche di contenimento a Campione. Pompieri al lavoro

LUGANO - Le precipitazioni tanto attese infine, come da previsioni, sono arrivate puntuali. Non attesa, invece, era la grandine. Pezzi di ghiaccio grossi come palline da golf sono caduti nel Luganese, come mostrano le foto impressionanti inviate da lettori di Carona, Viganello, Pazzallo e Montagnola.

E non sono mancati anche alcuni disagi dovuti all'ennesima bomba d'acqua. Sempre in base a segnalazioni giunte in redazione l'autosilo Motta di Lugano si è allagato. Incidenti, allagamenti, smottamenti sono stati registrati in tutto il cantone costringendo i pompieri a intervenire in più circostanze. In zona Cadepezzo le strade sono state invase dall'acqua a causa dell'esondazione del riale Trodo e sono diverse le case allagate.  

A Gandria e Castagnola, invece, è stata segnalata una caduta massi, mentre a Brusino (sempre a causa del maltempo) del materiale si è riversato sulla carreggiata. A Maroggia e Arogno, inoltre, la strada in zona Brivio è stata chiusa a causa di smottamenti. Sul posto sono intervenuti i pompieri di Mendrisio e Melide per ripristinare quanto meno la circolazione.

Anche Campione d’Italia è stato toccato dalle precipitazioni. Le vasche di contenimento poste a monte dell’enclave si sono riempite di detriti causando la fuoriuscita di acqua e materiale. A collaborare con i pompieri era presente la polizia Locale.

I temporali, per la giornata odierna, dovrebbero terminare nella prima parte della mattinata lasciando spazio al sole e a temperature ancora calde e sopra i 30 gradi. Quella del maltempo, tuttavia, non è solo una parentesi. Nove precipitazioni sono attese per tutta la prossima settimana.

Già dal pomeriggio di lunedì dovrebbero verificarsi nuovi episodi temporaleschi che si ripeteranno, anche se meno intense e frequenti, pure per le giornate di martedì e di mercoledì (e si prevede anche per i giorni a seguire seppur meno intensi).

Nota positiva, oltre a far bene ai bacini idrici e alla colture, le piogge rinfrescheranno l'aria. Un graduale calo delle temperature è atteso nei prossimi giorni con la colonnina di mercurio che scenderà anche di 9 gradi rispetto alle massime raggiunte in questi ultimi giorni.

Quasi 82 litri in un'ora - Il maltempo ha colpito soprattutto la regione di Lugano, dove in un'ora (tra le 3.40 e le 4.40) sono caduti ben 81,9 litri d'acqua al metro quadro. Si tratta quasi di un record, come scrive Meteonews. Il valore più alto era stato raggiunto il 28 agosto 1997, quando a Locarno-Monti erano stati registrati 91,2 litri al metro quadro.

Aggiornamento ore 11 - la strada tra Rovio e Melano è stata riaperta su una corsia. Totalmente ripristinata, invece, la circolazione tra Arogno, Valmara e Brivio.

 

lettore tio/20minuti
Guarda tutte le 52 immagini
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-08-22 05:13:08 | 91.208.130.86