Cerca e trova immobili

CANTONE«Alta richiesta, esaurito il vaccino contro la meningite»

13.06.24 - 06:30
Secondo l'Ufficio del medico cantonale tornerà disponibile già durante questo mese di giugno.
Deposit
«Alta richiesta, esaurito il vaccino contro la meningite»
Secondo l'Ufficio del medico cantonale tornerà disponibile già durante questo mese di giugno.

BELLINZONA - «Mi dispiace ma attualmente non è disponibile». «Siamo spiacenti ma al momento non ne abbiamo più». Sono queste le risposte ricevute dal pediatra da diverse mamme e papà ticinesi che volevano vaccinare il loro bebè contro la meningite.

Vaccino - La vaccinazione contro i meningococchi (l'agente eziologico che provoca la meningite batterica) è raccomandata dall'Ufsp «ai bambini di età compresa tra i 3 i 18 mesi, agli adolescenti tra gli 11 e i 15 anni e a persone con determinati disturbi del sistema immunitario, reclute, alcuni tecnici di laboratorio e persone che si recano in determinate regioni a rischio».

Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp)

«Alta richiesta» - Il vaccino è infatti attualmente esaurito, anche se un suo ritorno sugli scaffali è previsto a breve. «Il vaccino Bexsero (Gruppo B) - ci confermano dall'Ufficio del medico cantonale (Umc) - non è disponibile a causa dell'alta richiesta. Dovrebbe tornare durante questo mese di giugno».

Nessun sostituto - Quello contro la meningite, non è il primo vaccino (o farmaco) a mancare. Negli ultimi tempi, infatti, si è registrata una vera e propria penuria di medicamenti causata dalle difficoltà di approvvigionamento. Ma in questo caso - come spiegatoci dall'Umc - «non vi è un altro prodotto che possa sostituire questo tipo di vaccino».

Il ritardo? «Nessun rischio» - I neonati dovranno quindi attendere qualche settimane per ricevere il vaccino. Ma questo ritardo può avere qualche impatto? L'Ufficio del medico cantonale rassicura. «Considerando i numeri bassi in Svizzera, un ritardo di poche settimane, visto che la fornitura è ritardata solo di poco, non aumenta in modo significativo il rischio per il singolo individuo. I pediatri, che nella maggior parte dei casi sono responsabili di vaccinare questa popolazione, conoscono i loro pazienti e sanno definire le priorità per età e quelli con il rischio più elevato.

Il piano vaccinale - Per i bambini piccoli ci sono tre cambiamenti riguardo alle raccomandazioni del piano vaccinale svizzero nel 2024. Il primo è quello che coinvolge il vaccino attualmente non disponibile, ovvero quello contro il meningococco del gruppo B che si è aggiunto a quello contro il meningococco del sierogruppo ACWY. «A partire dall’inizio di quest'anno il piano vaccinale svizzero - spiega l'Uffico del medico cantonale - prevede anche, come vaccinazione aggiuntiva, la somministrazione del vaccino contro il Rotavirus nel primo anno di vita. Si tratta di un vaccino orale (rimborsato dalle casse malati) da somministrare all’età di 2 e 4 mesi. Il vaccino per il meningococco del sierogruppo A, C, W, Y è invece stato anticipato. La sua somministrazione viene attualmente raccomandata già all’età di 12-18 mesi e non a 24 mesi. Questo permette di ottenere una protezione ottimale per i piccoli».

Ufficio medico cantonale (Umc)

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE