Cerca e trova immobili

CANTONEZone di svago contro il rumore: «Abbasso il fracasso»

25.04.23 - 11:01
In occasione della Giornata contro il rumore di domani, il DT sottolinea l'importanza di realizzare aeree che favoriscano il benessere.
DT
Zone di svago contro il rumore: «Abbasso il fracasso»
In occasione della Giornata contro il rumore di domani, il DT sottolinea l'importanza di realizzare aeree che favoriscano il benessere.

Quotidianamente siamo esposti a livelli elevati d'inquinamento fonico che possono avere effetti negativi sul nostro benessere. «L’esposizione a rumori molesti - ricorda il Dipartimento del Territorio (DT) in una nota - causa il rilascio di ormoni da stress che ci rendono più reattivi, provocando un aumento della pressione sanguigna, della frequenza cardiaca, disturbi del sonno, come pure la difficoltà di concentrazione o l’aumento del rischio di depressione. Per questo motivo è importante disporre regolarmente di aree ricreative tranquille e acusticamente piacevoli, in cui gli unici suoni recepiti sono quelli della natura».

La Giornata contro il rumore di quest’anno, promossa dal Cercle Bruit (associazione dei responsabili cantonali per la prevenzione del rumore), dalla Società Svizzera di Acustica, dalla Lega svizzera contro il rumore e dall'associazione Medici per l'ambiente, che avrà luogo domani ha come focus la “Realizzazione di zone di svago tranquille e acusticamente gradevoli”.

Per aree di svago tranquille si intendono tutti quegli spazi con una maggiore presenza di elementi naturali (come alberi, arbusti, corsi d’acqua, superfici verdi non asfaltate) nella vicinanza di aree abitate e la cui realizzazione è di competenza comunale. Un aumento delle superfici verdi e acquatiche nelle zone abitate porta benefici all’ambiente, riscontrabili anche nella qualità acustica di un luogo. Ciò che rende piacevole la permanenza nelle aree urbane non dipende, infatti, solo dal panorama, dall’odore, dalla pulizia e dalla temperatura, ma anche dal contesto sonoro che le caratterizza.

Per citare un buon esempio nel nostro Cantone basta recarsi a Foroglio in Val Bavona presso l’omonima cascata e lasciarsi affascinare dal suo suono così vigoroso ma amabile, che copre qualsiasi altro rumore di fondo presente nel fondovalle. Ma si riscontrano diverse altre situazioni piuttosto simili, dove il suono ambientale delle componenti naturali presenti sul territorio può favorire un beneficio a livello percettivo.
La maggior parte della popolazione trova, difatti, piacevole il suono dell’acqua come quello dei ruscelli e dei fiumi. Le zone situate nei pressi di fonti d’acqua hanno una funzione ricreativa: lo scorrere dei corsi d’acqua o delle fontane nei parchi cittadini nascondono e assorbono i rumori fastidiosi come quelli del traffico e contribuiscono a creare un paesaggio sonoro più gradevole.

Il valore di queste aree ricreative tranquille è indiscusso, ma deve essere preservato. Ogni individuo può contribuire affinché questi spazi restino acusticamente piacevoli e attraenti: limitando l’uso nella propria automobile di altoparlanti ad alto volume o adottando in luoghi pubblici uno stile di guida sostenibile (evitare manovre brusche, accelerazioni e frenate rumorose).

A questo proposito, si ricorda che nel 2021 il DT ha messo in funzione il “Rumorometro”; un dispositivo in grado di misurare le emissioni foniche dei veicoli motorizzati con lo scopo di sensibilizzare i conducenti sul loro stile di guida. In questi ultimi due anni lo strumento è stato richiesto da una decina di comuni. I dati sul livello sonoro, sul numero e sul tipo di veicoli (auto, moto, veicoli di trasporto), sono disponibili sulla piattaforma OASI. «Un comportamento rispettoso, che permetta di evitare rumore inutile, porta a una migliore qualità di vita per tutti».

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 

dan007 1 anno fa su tio
a lugano costruiscono anche dove non si puo altro che zona di svago una casa attaccata all'altra isole verdi a parte il ciani e il tassino che poi cosi verde non e non ce ne sono
NOTIZIE PIÙ LETTE