Immobili
Veicoli

LOCARNOBerset a Locarno: «La pandemia ha sottolineato la grande importanza della cultura»

04.08.22 - 11:29
Il consigliere federale oggi al Film Festival per parlare di cinema svizzero e dei piani di Berna per la cultura
Locarno Film Festival / Ti-Press / Massimo Pedrazzini
Fonte Ats
Berset a Locarno: «La pandemia ha sottolineato la grande importanza della cultura»
Il consigliere federale oggi al Film Festival per parlare di cinema svizzero e dei piani di Berna per la cultura

LOCARNO - In una conferenza stampa odierna nel quadro del Locarno Film Festival, il consigliere federale Alain Berset ha evocato i successi e le opportunità del cinema svizzero. Ha presentato inoltre i temi alla base del messaggio sulla cultura 2025-2028.

«Il cinema svizzero ha avuto molto vento in poppa, i film svizzeri sono stati molto presenti nei festival internazionali: undici alla Berlinale e tre a Cannes», ha detto Alain Berset aprendo la conferenza stampa odierna a Locarno. Senza però nascondere le sfide e le difficoltà che questo settore, come il resto della cultura incontra.

In particolare, Berset ha citato i sei temi alla base della politica culturale della Confederazione per i prossimi anni. Questi sono «maggiore flessibilità dei sistemi di promozione, gestione della trasformazione digitale, miglioramento delle condizioni lavorative, gestione del patrimonio culturale, sostenibilità e interazione tra i diversi enti promotori», indica una nota odierna dell'Ufficio federale della cultura (UFC).

L'UFC si pone come obiettivo principale la riflessione sul finanziamento del cinema elvetico. «La modifica della legge sul cinema approvata dal popolo determina per i prossimi anni un aumento degli investimenti dei servizi di streaming nella creazione cinematografica svizzera, che vedrebbe perciò incrementare la sua competitività», prosegue la nota.

Tuttavia si assiste a un netto calo delle entrate nei cinema mentre lo streaming guadagna terreno, una tendenza questa che è stata ulteriormente incrementata della pandemia. Alla fine di luglio, l'Ufficio federale di statistica aveva annunciato che nella prima metà del 2022 l'affluenza nei cinema svizzeri era del 35% inferiore rispetto allo stesso periodo del 2019.

Una delle sfide principali per il cinema è proprio la trasformazione digitale, ha sottolineato la direttrice dell'UFC Carine Bachmann in conferenza stampa, definendo questo «un momento cruciale nel finanziamento del settore audiovisivo». «Le possibilità di creazione digitale sono innumerevoli», ha detto, citando l'esempio di Netflix che «in Svizzera ha un fatturato maggiore a tutte le sale di cinema messe insieme».

Il settore della cultura è in continua trasformazione, la politica culturale deve quindi adattarsi di conseguenza: «La pandemia ha evidenziato la grande importanza che la cultura riveste per la società, ma ha anche messo in luce la situazione di precarietà in cui vivono molti operatori culturali», prosegue la nota. L'UFC auspica quindi a una maggiore collaborazione tra le istituzioni interessate e tra i livelli statali.

Oltre alla scarsa sicurezza sociale sono stati evidenziate disparità a livello salariale nei sessi, le donne essendo pagate meno nonché presenti in minor numero in posizioni dirigenziali.

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE TICINO