Tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
49 min
Inchiesta ex Macello: i municipali saranno interrogati martedì
Entrano nel vivo le verifiche ordinate dal Ministero pubblico rispetto alla procedura di demolizione dello stabile.
CANTONE
19 ore
Siete pronti a riaprire l'ombrello?
Da domani in Ticino ritornano temporali e la pioggia ci accompagnerà fino a venerdì tirandoci fuori dalla zona canicola
RONCO SOPRA ASCONA
19 ore
Antonio Ciseri, un itinerario tra edifici civili e religiosi
In occasione del bicentenario della nascita è stato ideato un percorso per scoprire le opere del pittore
FOTO E VIDEO
CANTONE
23 ore
Ecco qui i nuovi treni delle FLP
Presentati oggi ad Agno sostituiranno i “veterani” del 1978. Zali: «Un passo non da poco verso il futuro»
LUGANO
1 gior
La benedizione di barche e natanti sul Ceresio
La impartirà domenica pomeriggio il vescovo di Lugano Valerio Lazzeri
FOTO
ACQUAROSSA
1 gior
Centauro cade, la moto prende fuoco
Incidente poco prima delle 6 sulla strada cantonale, all'altezza di Lottigna
MENDRISIO
1 gior
La versione degli studenti: niente aggressione alla polizia
I presenti ai fatti avvenuti nelle prime ore di venerdì contestano la ricostruzione su ogni punto.
CANTONE
1 gior
Dal Ticino una mano al Nepal: inviati 20 concentratori d'ossigeno
L'importante donazione per contrastare il coronavirus giunge dall'associazione Kam For Sud
CANTONE
1 gior
Il Ticino ha 28 nuovi avvocati e avvocate
La cerimonia di promozione si è tenuta oggi nell'Aula Magna dell'Università della Svizzera italiana.
CANTONE
05.02.2021 - 07:350
Aggiornamento : 12:09

La Lombardia gialla fa esplodere i test rapidi in Ticino

La richiesta presso le farmacie autorizzate è cresciuta enormemente

A questo si somma l'equivoco che il test venga rimborsato dalla Confederazione a tutti. In realtà ciò vale solo per chi presenta sintomi. E simularli non porta da nessuna parte. Ecco perché

BELLINZONA - «La richiesta più forte, che intasa tutte le linee, arriva da chi vuole andare in Italia a fare la spesa» afferma Ivano Oechslin, responsabile del Centro test rapidi di Amavita a Sant’Antonino. 

Telefoni roventi - Sono undici in Ticino le farmacie autorizzate ad eseguire il test rapido Covid-19. Tutte, da alcuni giorni, hanno visto aumentare esponenzialmente le richieste. Da quando cioè la Lombardia è tornata zona gialla, i telefoni delle farmacie abilitate sono roventi e la prenotazione di un appuntamento può slittare anche di una settimana.

Il fraintendimento sul rimborso - Già, perché molti ticinesi sono semplicemente alla ricerca di una negatività che permetta loro di varcare il confine. A rafforzare la richiesta è subentrato il fraintendimento che la Confederazione rimborsi a chiunque i 57 franchi e 50…, ossia la tariffa federale di un test il cui un costo varia tra quella cifra e 87 franchi e 50, a seconda delle farmacie. Il rimborso c’è, ma vale solo per chi presenta sintomi compatibili con il coronavirus.

Spesa in Italia pagata da Berna? - L’equivoco, o la speranza, presso alcuni ha attecchito. «La Confederazione - spiega invece Federico Tamò, titolare della Farmacia Malè a Bellinzona - ha chiaramente detto quali sono i pazienti indicati per il test che può essere rimborsato solo a chi presenta sintomi. La popolazione, invece, ha interpretato le direttive con il proprio ideale di test rapido. Ossia un attestato per viaggiare o fare la spesa in Italia. Ma non sono chiaramente motivi riconosciuti validi per il rimborso». 

I paletti contro i simulatori - Ci sarebbe anche il capitolo dei furbetti. Ma anche qui i paletti paiono stretti a sufficienza. «Non c’è nessuna farmacia che rilascerà un certificato per il viaggio in Italia a chi simula dei sintomi per fare il test gratuitamente» rassicura Tamò. La ragione è presto detta, come chiarisce anche Ivano Oechslin: «Chi fa il test rapido per andare in Italia se lo paga di tasca propria». E chi simula i sintomi? «Se una persona ha un sintomo, anche se il risultato del test è negativo, deve tornarsene a casa in quarantena. Non c’è quindi interesse a raccontare frottole. Tanto più che la negatività del test, se uno ha sintomi, deve essere confermata dal test PCR. Qualcuno arriva solo con l'idea del rimborso, ma di fronte alle direttive fanno marcia indietro. Oppure decidono di pagarsi il test. Non sarebbe chiaramente giusto che la Confederazione sovvenzioni chi va a fare la spesa in Italia».

Ma poi il test vale in Italia? - Un capitolo a parte, assai controverso, riguarda poi il fatto che basti il risultato di un test negativo eseguito nelle ultime 48 ore per recarsi all’estero per motivi non urgenti, come il far spesa. Sul tema i pareri contraddittori si sprecano. Vi è però una certezza: la polizia italiana è propensa a elargire multe salate.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-20 12:44:50 | 91.208.130.87