Tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
23 min
Parla chi non ha voluto fare il vaccino
Salgono i contagi. Si teme il ritorno del lockdown. Cinque donne over 60 raccontano il loro disagio.
LOCARNO
8 ore
Ragazzo preso a calci, l'appello della madre
L'episodio risale alla serata di sabato. Il branco che lo ha aggredito sarebbe recidivo.
ZURIGO
10 ore
«Sono giovane e sano, non ho paura». Ecco perché è un errore pensarlo
Si ha sì un minor rischio di morire, ma sono molti i fattori da valutare.
Vacallo
10 ore
Da otto anni, Edo Pellegrini chiede spiegazioni al Municipio sul fondo 451
Ci sono un sentiero impraticabile, una costruzione di utilità non specificata e delle domande rimaste senza risposta
STABIO
13 ore
Non accetta il salario fuorilegge: licenziata
Alle dipendenze della sua azienda da cinque anni, la donna è stata messa alla porta.
BELLINZONA
13 ore
Valascia, Tuto Rossi contro Branda: «Blocchiamo il versamento»
Secondo il consigliere comunale del gruppo Lega-Udc, il Sindaco sapeva ma ha taciuto riguardo ai problemi della società.
BELLINZONA
14 ore
Il premio Robert Wenner assegnato a Davide Rossi
Le scoperte del ricercatore di IOSI e IOR contribuiscono a migliorare la diagnosi e la terapia in ambito oncologico.
CANTONE / SVIZZERA
14 ore
«Spostarli nel Luganese non è una soluzione»
Simonetta Sommaruga ha risposto a Marco Romano, che si è fatto portavoce delle preoccupazioni dei comuni momò.
BLENIO
15 ore
A Campra riapre la pista di fondo
Da mercoledì si potranno percorrere circa 2,5 km, ma già nel fine settimana le piste potrebbero essere allungate.
CANTONE
05.02.2021 - 07:350
Aggiornamento : 12:09

La Lombardia gialla fa esplodere i test rapidi in Ticino

La richiesta presso le farmacie autorizzate è cresciuta enormemente

A questo si somma l'equivoco che il test venga rimborsato dalla Confederazione a tutti. In realtà ciò vale solo per chi presenta sintomi. E simularli non porta da nessuna parte. Ecco perché

BELLINZONA - «La richiesta più forte, che intasa tutte le linee, arriva da chi vuole andare in Italia a fare la spesa» afferma Ivano Oechslin, responsabile del Centro test rapidi di Amavita a Sant’Antonino. 

Telefoni roventi - Sono undici in Ticino le farmacie autorizzate ad eseguire il test rapido Covid-19. Tutte, da alcuni giorni, hanno visto aumentare esponenzialmente le richieste. Da quando cioè la Lombardia è tornata zona gialla, i telefoni delle farmacie abilitate sono roventi e la prenotazione di un appuntamento può slittare anche di una settimana.

Il fraintendimento sul rimborso - Già, perché molti ticinesi sono semplicemente alla ricerca di una negatività che permetta loro di varcare il confine. A rafforzare la richiesta è subentrato il fraintendimento che la Confederazione rimborsi a chiunque i 57 franchi e 50…, ossia la tariffa federale di un test il cui un costo varia tra quella cifra e 87 franchi e 50, a seconda delle farmacie. Il rimborso c’è, ma vale solo per chi presenta sintomi compatibili con il coronavirus.

Spesa in Italia pagata da Berna? - L’equivoco, o la speranza, presso alcuni ha attecchito. «La Confederazione - spiega invece Federico Tamò, titolare della Farmacia Malè a Bellinzona - ha chiaramente detto quali sono i pazienti indicati per il test che può essere rimborsato solo a chi presenta sintomi. La popolazione, invece, ha interpretato le direttive con il proprio ideale di test rapido. Ossia un attestato per viaggiare o fare la spesa in Italia. Ma non sono chiaramente motivi riconosciuti validi per il rimborso». 

I paletti contro i simulatori - Ci sarebbe anche il capitolo dei furbetti. Ma anche qui i paletti paiono stretti a sufficienza. «Non c’è nessuna farmacia che rilascerà un certificato per il viaggio in Italia a chi simula dei sintomi per fare il test gratuitamente» rassicura Tamò. La ragione è presto detta, come chiarisce anche Ivano Oechslin: «Chi fa il test rapido per andare in Italia se lo paga di tasca propria». E chi simula i sintomi? «Se una persona ha un sintomo, anche se il risultato del test è negativo, deve tornarsene a casa in quarantena. Non c’è quindi interesse a raccontare frottole. Tanto più che la negatività del test, se uno ha sintomi, deve essere confermata dal test PCR. Qualcuno arriva solo con l'idea del rimborso, ma di fronte alle direttive fanno marcia indietro. Oppure decidono di pagarsi il test. Non sarebbe chiaramente giusto che la Confederazione sovvenzioni chi va a fare la spesa in Italia».

Ma poi il test vale in Italia? - Un capitolo a parte, assai controverso, riguarda poi il fatto che basti il risultato di un test negativo eseguito nelle ultime 48 ore per recarsi all’estero per motivi non urgenti, come il far spesa. Sul tema i pareri contraddittori si sprecano. Vi è però una certezza: la polizia italiana è propensa a elargire multe salate.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-07 08:00:46 | 91.208.130.87