tipress (archivio)
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
41 sec
Salario minimo: «La situazione va monitorata»
Le parti convocate al tavolo delle discussioni hanno condiviso che la deroga prevista per i CCL non va stralciata.
CANTONE
12 min
Fattacci fra Semine e Locarno, arrivano le prime sospensioni
Per far luce sull'accaduto è stato pure avviata un'inchiesta, il cui rapporto è atteso a inizio ottobre.
CANTONE
1 ora
Isole di Brissago: il giardino ha un nuovo responsabile scientifico
Si tratta di Alessio Maccagni di Tenero. È entrato in servizio lo scorso 1. agosto
CANTONE
1 ora
I Giudici di pace hanno un nuovo manuale
La pubblicazione rappresenta un sussidio didattico essenziale per svolgere la funzione.
MENDRISIO
1 ora
Moglie del municipale, Robbiani non molla la presa
Il Consigliere comunale di Lega-UDC-UDF biasima il comportamento dell'esecutivo: «Non esistono cittadini di Serie A e B»
CANTONE
1 ora
Punizioni corporali, il Governo ticinese scrive a Berna
Il Consiglio di Stato vuole iscrivere nel Codice civile delle normative che proibiscano tutte le punizioni corporali.
CANTONE
2 ore
In Ticino 36 contagi e un altro decesso
Le persone ospedalizzate a causa del coronavirus salgono a 16, sei delle quali in terapia intensiva.
CANTONE / SVIZZERA
2 ore
Pse e velodromo: gli Stati dicono sì
Votato a Berna il credito per gli impianti sportivi di rilevanza nazionale. Due anche in Ticino
MINUSIO/BRIONE SOPRA MINUSIO
3 ore
Lavori notturni sulla cantonale a Minusio e Brione sopra Minusio
Previste perturbazioni del traffico da lunedì 27 settembre a sabato 9 ottobre, dalle 20 alle 6 del mattino.
CANTONE
6 ore
Il monopattino è roba da grandi
I monopattini elettrici sono vietati ai minori di 14 anni. Ma spesso i genitori non lo sanno
CANTONE
6 ore
Pfizer, Moderna e l'apparenza che inganna
Il farmacista cantonale rassicura: «Un vaccino vale l'altro, come efficacia e come effetti collaterali».
CANTONE
13 ore
In 120 per la filantropia strategica
Sono i partecipanti alla prima edizione della Biennale sul tema, che si terrà il 30 settembre al Palazzo dei Congressi
LUGANO
18 ore
Ben 34 franchi per 9 ore di autosilo: «Ma non mi scandalizzo»
L'episodio diventa lo spunto per una chiacchierata sulla mobilità col futuro sindaco Michele Foletti.
CANTONE
18 ore
Morti sul lavoro: «Assicurare almeno che sia fatta giustizia!»
Una mozione interpartitica chiede un intervento contro le "morti bianche".
FOTO
LUGANO
19 ore
Un pieno(ne) d'endorfine
La terza edizione del Festival luganese è stato un successo. Ben 1'500 persone hanno popolato la Darsena del Ciani.
CANTONE
19 ore
Anticorpi anomali coinvolti nel 20% dei decessi da Covid-19
All'importante scoperta hanno contribuito anche due ricercatori dell'EOC: Alessandro Ceschi e Paolo Merlani.
CANTONE
27.10.2020 - 18:570
Aggiornamento : 20:10

L'appello degli studenti: «Chiudiamo preventivamente le scuole»

Una petizione in questo senso è stata lanciata da alcuni ragazzi del CPS di Lugano.

La denuncia: «Giornalmente vengono dichiarate classi in quarantena. Sui mezzi pubblici poi si va contro a quelle che sono le direttive federali»

LUGANO - Una chiusura preventiva delle scuole post obbligatorie. A chiederlo, tramite una petizione online, è un gruppo di studenti del Centro Professionale Sociosanitario di Lugano.

«La didattica a distanza non è sicuramente efficiente come la classica didattica in presenza, a scuola, coi compagni. Ma prevenire è meglio che curare», recita l'attacco della petizione che al momento non ha raggiunto ancora il centinaio di iscrizioni.

«La situazione in Ticino, in Svizzera, in Europa e nel resto del mondo sta precipitando notevolmente e misure da parte del governo verranno prese a breve - si legge ancora nello scritto -. Per quanto la scuola non venga definita un luogo di contagio, giornalmente vengono dichiarate classi in quarantena, alunni, situazioni sui mezzi pubblici che vanno completamente contro a quelle che sono le direttive federali e alla salute pubblica e assembramenti accidentali o no che mettono a rischio la salute di tutti», viene poi fatto notare.

Sono gli stessi ragazzi a far notare quanto sia difficile rispettare e far rispettare tutte le norme anti covid. «Non vi è la possibilità di garantire la sicurezza in ambito scolastico per quanto riguarda la salute, nonostante le misure. Che non sempre vengono rispettate, perché non è possibile, per negligenza o disattenzione».

La petizione chiede ai ragazzi del post obbligatorio in Ticino di adattarsi alla situazione «in modo responsabile e di sollecitare il DECS, in collaborazione con la scuola, a iniziare al più presto la didattica a distanza e a occuparsi dei casi in cui l'apprendimento risulta difficile». Si propone infine di «adattarsi a quello che stanno già passando alunni in tutto il mondo, per questione di prevenzione, diminuendo il carico sui mezzi pubblici, gli assembramenti in luogo pubblico, e altre situazioni al momento spiacevoli».

Gli studenti chiudono con un messaggio carico d'ottimismo: «I ragazzi di oggi siano l'esempio».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Debora Balice 10 mesi fa su tio
Sono pure io una ragazza di 17 anni e nella mia scuola/classe non abbiamo per niente difficoltà nel seguire le norme. Vi lamentate tanto poi quando uscite da scuola mangiate assieme,vi abbracciate e vi baciate. Se dovessero chiudere le scuole (sperando di no) finite le lezioni online siete fuori come nulla fosse su treni e bus. Se non volete andare a scuola state a casa a farvi mantenere dai vostri genitori.
lollo68 11 mesi fa su tio
Alle medie i ragazzi stanno di banco assieme senza mascherina finché non c'è una classe in quarantena. Preferisco che chiudano le scuole per due settimane invece di una piuttosto che gli studenti debbano nuovamente stare a casa. Li volete tutti dagli psicologi? La libertà è un diritto! Hanno bisogno di scuola, sport e divertimento (con testa)!
marco17 11 mesi fa su tio
E se il personale chiedesse la chiusura dei supermercati e dei negozi di alimentari come reagirebbero coloro che vogliogno chiudere tutto? Nel caso di studenti, ossia di persone per le quali anche il contagio da coronavirus sarebbe senza conseguenze sanitarie, la richiesta sa tanto di persone egoiste e poco coraggiose.
Volpino. 11 mesi fa su tio
Purtroppo né i Cantoni, né la Taskforce intendono chiudere le scuole, salvo qualche sorpresa dal CF. Penso che domani si parlerà prevalentemente dei soliti concetti di prevenzione e mascherine.
Güglielmo 11 mesi fa su tio
....saltom ados...
gabola 11 mesi fa su tio
la voia da fan...
Duca72 11 mesi fa su tio
Tenerli 8 ore incollati davanti al PC come fanno in Germania Francia Italia ecc ecc.
Veveve 11 mesi fa su tio
Deborah Deby....non vedo proprio cosa ci sia di più importante dell’istruzione dei nostri figli...la salute non è un diritto la salute ce l’hai o non ce l’hai ma non è un diritto perché se così fosse allora tutti quelli che muoiono di altre malattie?
matrix61 11 mesi fa su tio
Bene chiudete le scuole così avremo più gente per le strade!
Mariaa 11 mesi fa su tio
Io non sono disposta a rinunciare, così subito, a un mio diritto di proseguire la mia formazione scolastica. È inutile girarci in torno, ma la scuola a distanza, esperienza che ho già fatto per alcuni mesi, non rende abbastanza da permettere di arrivare pronti agli esami finali a giugno....inoltre bisogna precisare il fatto che se due persone o più della stessa abitazione sono collegate alla rete internet per poter seguire le lezioni, sarà più il tempo che passeranno fuori da esse rispetto al tempo che passeranno dentro. Io non ho possibilità di perdere un anno a vuoto solo perché alcuni ragazzi stanchi di andare a scuola hanno firmato una petizione per starsene a casa. Durante questa pandemia l’economia generale del paese e dell’individuo singolo è generalmente calata...io non posso permettermi finanziariamente di perdere un anno a vuoto. I contagi principalmente partono da luoghi diversi dalla scuola, ovvero, dai ristoranti, dai bar, dai mezzi pubblici, dalle famiglie stesse...ecc... non si può dire che TUTTI i ragazzi non fanno attenzione alle norme, perché non è vero, sono d’accordo sul fatto che diverse persone non le rispettano...ma non si può dire che sono TUTTI. Per capire, davvero, cosa penano gli allievi, non stava stanza pubblicare un petizione di neanche 100 firme che corrisponde neanche al primo anno del LiLu2!!!!! Bisognerebbe fare un sondaggio e da questo, ne sono certa, risulterebbe che la maggioranza di allievi vuole fare lezione di presenza. Io non sono disposta a mettere da parte il mio futuro, adesso che ancora è possibile seguire le lezioni di presenza. Sono d’accordo invece su quanto si dice del disastro dei mezzi pubblici, che è una situazione davvero inverosimile per un momento del genere, e mi sembra adir poco vergognoso e negligente il fatto che non si è ancora attuato niente per cercare di migliorare la situazione.
Don Quijote 11 mesi fa su tio
il virus può rimanere attivo per due anni come per i prossimi 40, pensate di poter continuare a vivere in questa maniera così a lungo? Ha un bassa mortalità paragonato a tante altre malattie per le quali non si ferma il mondo.
Veveve 11 mesi fa su tio
E poi scusate senza voler necessariamente far polemica ma gli studenti sono del liceo o delle commerciali ... qui l’appello arriva da un centro professionale che già dal nome... studenti x modo di dire!
Veveve 11 mesi fa su tio
I mie genitori erano ragazzini ai tempi dell’asiatica e raccontano che la vita trascorreva normalmente senza tutte le storie e paranoie che facciamo al giorno d’oggi...anche all’epoca sono morte tante persone ma nessuno ha mai chiuso scuole e tolto libertà alle persone... erano altri tempi , vero, ma l’evoluzione non sempre è una cosa positiva!
Veveve 11 mesi fa su tio
Quelli che chiedono di stare a casa sono quelli che ....voglia di farne...saltami addosso!!!
Veveve 11 mesi fa su tio
La scuola deve continuare assolutamente! Primo perché ci sono pochissimi contagi e anche se ogni giorno ci fossero 3 o 4 classi in quarantena che problema c’è? Tante altre continuerebbero a studiare e dopo 10 giorni di quarantena che sono poi 6 effettivi di scola si riprende normalmente! Già Stiamo rovinando il futuro dei nostri ragazzi per...lasciamo stare.. ma il diritto allo studio deve essere garantito e non solo per medie ed elementari ma anche e soprattutto liceo &co! La didattica a distanza e’ una farsa! L’abbiamo visto la primavera scorsa.. per carità, i docenti hanno dato veramente l’anima x i ragazzi ma non basta! E’ del futuro dei nostri ragazzi che stiamo parlando!
MrBlack 11 mesi fa su tio
@Veveve Non è un problema di per se una quarantena di una classe per una decina di giorni, perfettamente d’accordo. Il problema è che il virus non si ferma ai ragazzi, ma lo portano in famiglia.
MrBlack 11 mesi fa su tio
D’accordo con i ragazzi. Se la situazione è seria, queste sono le misure che contribuiscono a rallentare la diffusione del virus senza creare problemi ai genitori che devono accudire i figli, e non danneggiano l’economia. Sgrava il trasporto pubblico, evita contatti e assembramenti tra i ragazzi prima e dopo le lezioni, ed evita che il virus venga portato in famiglia. Solo vantaggi per tutti. Misura da prendere prima di altre che andrebbero a danneggiare dei settori economici.
lecchino 11 mesi fa su tio
Ecco altri che sperano nel regalo di fine anno..... Somar generation!

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-23 12:07:27 | 91.208.130.87