Immobili
Veicoli

CANTONETicino “zona arancione”? «Non c'era alcuna motivazione scientifica»

16.07.20 - 19:16
Giorgio Merlani è convinto che il Belgio «avesse fatto confusione» sull'aumento dei casi: la situazione è migliore da noi.
Archivio Tipress
Ticino “zona arancione”? «Non c'era alcuna motivazione scientifica»
Giorgio Merlani è convinto che il Belgio «avesse fatto confusione» sull'aumento dei casi: la situazione è migliore da noi.
Ticino Turismo: «Ci sono già state cancellazioni. Per noi sarebbe stata una "gabola"».

BELLINZONA - Il Ticino non è più "zona arancione" per i cittadini belgi che decidono di passarvi le vacanze. La raccomandazione delle autorità di Bruxelles è durata meno di un giorno, ma ha fatto tremare il nostro settore turistico. «Per noi sarebbe stata una “gabola”» ci aveva detto Angelo Trotta, direttore di Ticino Turismo.

Sì, perché il Benelux (quindi l'area che comprende Belgio, Paesi Bassi e Lussemburgo) per il Ticino turistico è il quinto mercato più importante, dopo Svizzera, Germania, Italia e Stati Uniti. «La parte più importante di visitatori arriva dai Paesi Bassi, ma anche dal Belgio c'è un turismo di un certo livello» ci ha spiegato oggi Trotta, prima del dietrofront compiuto da Bruxelles. In quel breve lasso di tempo sembra che «delle strutture avessero già ricevuto cancellazioni da parte di ospiti belgi».

Ma «nel pomeriggio si sono svolte proficue trattative con le autorità belghe» - ha fatto sapere Ticino Turismo - e «il Ministero degli esteri ha subito provveduto a modificare la lista». Il sito internet è stato aggiornato e la notizia è stata confermata a 20 Minuten anche dal Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE), che precisa di aver contattato le autorità belghe e di aver «preso atto con piacere della decisione del Ministero di stralciare il cantone dalla lista arancione».

C'era solo il Ticino - La paura era che il turista belga prediligesse altri cantoni elvetici. Infatti il Ticino era l'unica regione del nostro Paese che figurava nella famigerata lista “arancione”. «Una situazione penalizzante e che ci ha sorpresi tutti», afferma ancora Trotta.

«Nessuna motivazione scientifica» - In effetti sorprendeva il fatto che per la Svizzera la misura belga riguardasse esclusivamente il nostro cantone. Certo, il Ticino è stato una delle regioni elvetiche più colpite dalla pandemia, ma attualmente la situazione è ben diversa: «Il numero dei casi per 100'000 abitanti è nettamente più alto in altri cantoni, per esempio Zurigo, San Gallo, Vallese e Zugo», dice il medico cantonale Giorgio Merlani. La misura belga «non ha una motivazione scientifica». In Ticino, infatti, la situazione epidemiologica è persino migliore che in Belgio.

È stata fatta confusione? - «Potrebbero aver fatto confusione» affermava nel primo pomeriggio Merlani, ricordando che negli scorsi giorni in Ticino è stato di nuovo alzato il livello di guardia. E la campagna di prevenzione “Distanti ma vicini. Proteggiamoci. Ancora” è passata dal blu all'arancione, in particolare per sensibilizzare sul rischio di portare il virus in Ticino dalle vacanze all'estero.

Il caso del Lussemburgo - Anche il Lussemburgo si è trovato tra i paesi “arancioni”. E temendo un calo di visitatori dal vicino Belgio, lo scrive la testata Le Soir, le autorità locali hanno chiesto una rivalutazione della situazione. Chissà che non ottengano luce verde come il Ticino.

COMMENTI
 
pillola rossa 2 anni fa su tio
Concordo!
Don Quijote 2 anni fa su tio
Certo che sentire parlare questo qua di motivazione scientifica quando il governo cantonale è il primo a seguire la corrente dogmatica del patetico e del ridicolo per quanto riguarda il CV19 … fa ridere! Anche quel baccala al posto del direttore dell'OMS ha dichiarato che l'emergenza sanitaria mondiale oggi è il CV19, come dire che i 2 milioni di bambini in età inferiore ai 5 anni che muoiono per una banale dissenteria ogni anno e altri 2 milioni per banali polmoniti sono sacrificabili, oppure che contano meno dei 600'000 morti per CV19 over 80 anni con varie patologie tra cui l’obesità. Ovviamente la vita degli esseri umani assume valori diversi a dipendenza da dove si è nati, anche per l’OMS, tutto bene se non ci fosse quella “M” nella sigla.
sedelin 2 anni fa su tio
"motivazione scientifica"?!
pillola rossa 2 anni fa su tio
Solo terrorismo giornalistico
Qwerty 2 anni fa su tio
Come non c’è una motivazione scientifica che dalla mascherina di carta non passano le microparticelle del Covid 19.
spank77 2 anni fa su tio
Filtrare non vuole dire bloccare al 100 per cento. Performance di filtrazione per quelle chirurgiche, che tra l altro non sono di carta, e maggiore del 70 per cento. Approvato scientificamente e contro test a condizioni estreme (worst case...che non rispecchiano la realta) . Significa meno concentrazione inspirata e blocco totale delle goccioline con l espirazione.
lecchino 2 anni fa su tio
Avranno letto su TIO dell'impennata di casi da 5 a 9 ??
NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE TICINO