Tipress (archivio)
CANTONE
16.07.2020 - 17:120
Aggiornamento : 18:56

Il Belgio ci ripensa e toglie il Ticino dalla lista arancione

Nessuna quarantena per i cittadini belgi che trascorreranno le vacanze nel nostro cantone.

Ticino Turismo: «Nel pomeriggio si sono svolte proficue trattative e il Ministro degli esteri belga ha provveduto a modificare la lista».

BELLINZONA - Dopo l'arancione, arriva il semaforo verde per il Ticino. I belgi che intendono venire nel nostro cantone non dovranno effettuare una quarantena una volta tornati a casa.

Bruxelles ha infatti fatto dietrofront togliendo il nome del Ticino - unico cantone svizzero presente nell'elenco - dalla famigerata lista arancione che avrebbe obbligato i turisti belgi a sottoporsi a un test per il Covid-19 e a una quarantena preventiva una volta rientrati in Patria. «Nel pomeriggio - fa sapere Ticino Turismo - si sono svolte proficue trattative con le autorità belghe. A seguito di queste ultime, il Ministero degli esteri belga ha provveduto a modificare la lista».

Tutto è bene quel che finisce bene, insomma. Con il turismo ticinese che può tirare un bel sospiro di sollievo, visto che le persone provenienti dal Benelux - quindi l'area che comprende Belgio, Paesi Bassi e Lussemburgo - rappresentano il quinto mercato più importante per il nostro cantone.

Paesi nella lista arancione - Rimangono invece nella lista arancione Cipro (test obbligatorio), Danimarca (test obbligatorio per le Isole Faroe e la Groenlandia) Islanda (test obbligatorio o quarantena e Irlanda (quarantena). Il Ministero degli affari esteri belga raccomanda invece una vigilanza accresciuta per chi andrà in Bulgaria, Croazia, Lussemburgo, Romania e Svezia.

Rosso e verde - Nella lista rossa che indica i luoghi dove i viaggi per i turisti belgi sono vietati, figurano invece diverse zone del Portogallo e della Spagna e Leicester nel Regno Unito. Via libera invece alle vacanze in Germania, Austria, Estonia, Finlandia, Francia, Grecia, Ungheria, Italia, Lettonia, Liechtenstein, Lituania, Malta, Norvegia, Paesi Bassi, Polonia, Repubblica Ceca, Slovenia, Slovacchia e Svizzera. Tutte queste nazioni sono infatti inserite nell'elenco verde.

Diplomatie.belgium
Ingrandisci l'immagine
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
ciapp 7 mesi fa su tio
a questo punto avanti tutta !!!! l'importante è fare soldi !! o no !! ridicolo ! povero Ticino
spank77 7 mesi fa su tio
@ciapp Ciapp il Turismo Inland non va fermato. Dobbiamo trovare un equilibrio per fare funzionare in modo ottimale tutta la economia (con le minore perdite economiche possibile) e mantenendo i contagi giornalieri il più Bassi possibili. La Svezia ha molti contagi giornalieri perché non ha fatto il lockdown per abbassarsi... Ma sono costanti giornalmente perché hanno trovato la equilibrio . Al contrario di quello che molti qui pensano ...gli svedesi devono applicare la regola distanza sociale e niente club in piedi tutti seduti e separati . Il problema e che loro dono più disciplinat nel rispetto delle regole. Se vogliamo mantenere l equilibrio dobbiamo tutti, per il momento la maggior parte lo fa, rispettare alla lettera le regole.
saetta 7 mesi fa su tio
Cos'è... Adesso si fa pubblicità pure sul blog di Tio? :-((
skorpio 7 mesi fa su tio
Probabilmente pensavano che eravamo Italia....
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-03-09 08:40:01 | 91.208.130.85