«Il mercatino? In 40anni sono molto più ricco... umanamente»
tio/20min/dg
ULTIME NOTIZIE Ticino
FAIDO
5 ore
«Tanta rabbia, da sola non ce l'avrei fatta»
Morena Pedruzzi racconta la lunga strada per uscire dall'incubo dell'attentato di Marrakesh
FAIDO
10 ore
Marrakesh, il racconto dieci anni dopo
Morena Pedruzzi è l'unica sopravvissuta ticinese all'attentato terroristico del 2011. Si racconta in un libro
FOTO
CANTONE
11 ore
Inaugurato il nuovo stabile dell'Istituto di ricerca in biomedicina
Il centro è pensato come «una nuova casa comune per la ricerca in biomedicina».
CANTONE
12 ore
L'Udc non parla con la Rsi
«Troppo parziale». I democentristi domani non commenteranno le votazioni ai microfoni di Comano
AVEGNO-GORDEVIO
18 ore
Doppia meraviglia nei cieli sopra ad Avegno
Il fenomeno è stato provocato da una doppia riflessione della luce solare dentro le gocce di pioggia.
FOTO E VIDEO
CUGNASCO-GERRA
18 ore
Fiamme dalla canna fumaria, intervengono i pompieri
L'incendio, divampato questa mattina a Cugnasco, si è propagato anche al tetto.
RIVA SAN VITALE
18 ore
A processo per tentato omicidio
Rinviata a giudizio la 43enne che sei mesi fa accoltellò al collo il compagno.
BOSCO GURIN
1 gior
«Rabbia per l'ingiustizia subita...» da Frapolli
Fumata nera dopo gli incontri: niente sconti a maestri e bambini da parte del gestore degli impianti
CANTONE
1 gior
«Aumento delle indennità al Gran Consiglio? No, grazie»
Presentata un'iniziativa parlamentare che chiede lo stralcio dell'automatismo degli aumenti
CANTONE
1 gior
Radar, ecco dove
Come ogni venerdì la Polizia comunica le località in cui potrebbero esserci controlli della velocità.
LOCARNO
1 gior
La Stranociada 2022 si sposta in Piazza Grande
Il carnevale di Locarno rinuncia alla tradizionale festa del venerdì in Città Vecchia.
CANTONE
1 gior
Eoc, terza dose ai dipendenti over 50
L'Ente ospedaliero apre il richiamo vaccinale per i collaboratori a contatto con i pazienti
AIROLO
1 gior
Camion in avaria, chiuso il Gottardo
Code segnalate a entrambi i portali
MERCATO LUGANO
11.09.2020 - 06:000
Aggiornamento : 09:36

«Il mercatino? In 40anni sono molto più ricco... umanamente»

La storia di Pierluigi Landoni, dall'attività di rigattiere a quella di antiquario.

Un percorso, quello dell'antiquario ticinese, fatto di una miriade di esperienze: «Resisto per passione più che per guadagno»

LUGANO - Quello di Pierluigi Landoni è un volto noto a Lugano. Chi, in una passeggiata tra le bancarelle del mercatino del sabato, non avrà gettato almeno un’occhiata ai suoi oggetti del passato. Non tutti, però, sanno che quella bancarella c’è da una quarantina d’anni, anche se non è sempre stata lì, in Piazza San Rocco. 

Dal vagabondaggio ai solai - «Sono nato a Viganello e sono cresciuto e ho studiato ad Agno - ci racconta Landoni (per gli amici Pierre) -. Dopo la formazione bancaria ho tentato il lavoro d’ufficio, ma sono durato pochi anni. Ero giovane, e mi sono dato al vagabondaggio. Ho girato per un anno l’Europa».

Tornato in Ticino, all’epoca 20enne, decide che è giunto il momento di mettere su casa. «Ho iniziato a raccattare cose in giro per l'arredamento. La mia attività di rigattiere è iniziata così, per necessità».

Fino all'attività di rigattiere... - Così comincia pure la ricerca nei solai. E spuntano tanti oggetti interessanti. «Ho pensato quindi di portarli al mercato. Anche perché mi è sempre piaciuto il lavoro manuale. Quindi ho iniziato a riparare le cose che trovavo, per poi venderle».

In via Nassa, però, per Pierre non c’è spazio. «Ho cominciato con oggettini d'artigianato. Copiavo un po’ quello che proponevano gli altri. Era la fine degli anni ‘70. Erano di moda gli hippies, le collanine e le cosine di cuoio. Ma non si vendeva molto, anche perché tutti facevano quello. Così ho preferito mettere sul banco cose più accattivanti».

... e di antiquario - A Lugano iniziava il mercato dell’antiquariato. «Ma era fatto da antiquari veri. Presentavano merce anche importante. Riuscire a infilarmi in via Nassa era impossibile, per cui mi accontentai di uno spazio al mercato della frutta e verdura, il martedì». Pierre alla fine ce la fa, e un posto in via Nassa lo trova. «Rimasi lì fino a circa l’84/'85».

Lo stop e la ripartenza - C’è poi lo stop. Durato una decina d’anni. «Tra le varie attività, per procurarmi da vivere, misi in piedi un giornale d’annunci, il “Cerca e trova”. Mi ha tenuto in ballo per dieci anni, per cui ho mollato l’attività del mercato fino alla vendita della testata, nel 1992». 

Grazie alle nuove risorse e i contatti maturati, arriva il momento del salto di qualità. «Decido di rilevare il negozio di un amico, la “Galleria ‘800”, su via Cattedrale. La clientela era poca, quindi mi sposto più in centro, ai palazzi Gargantini, dove sono rimasto fino al 2015. Intanto avevo già ricominciato a fare i mercatini».

Resistere «per passione» - Tra alti e bassi Pierre è ancora lì. Nonostante tutto. «Ci sono stati momenti più favorevoli e altri meno. Oggi si è toccato il fondo. Non c’è più interesse per l’antiquariato. E pensare che una volta arrivavano a Lugano antiquari da Milano e Zurigo per spulciare nei mercatini e trovare oggetti particolari da rivendere. Il settore ora è in crisi profonda». Ciò nonostante qualcosa lo spinge a continuare. «A muovermi è essenzialmente la passione. Sono in pensione dall’anno scorso, ma questo è ciò che faccio da una vita. Mi piace. E poi in magazzino ho ancora tante cose. In molti casi la vendita non mi ripaga nemmeno i costi di riparazione, ma il piacere di mettere cose particolari sul banco c’è sempre». 

Il riciclo - E non manca pure l’attenzione ai cambiamenti negli interessi delle persone: «Mi è sempre piaciuto riciclare oggetti. E vedo che il riciclo intelligente è sempre più apprezzato». 

L’anima del rigattiere, non l’ha mai abbandonato: «Chi fa il mio mestiere lo sa. Siamo un po’ degli accumulatori. A volte vedo un asse di legno abbandonato. Per chiunque sarebbe spazzatura. Io immagino come potrei usarlo, lo raccolgo e lo stipo in magazzino. Poi, magari, passano gli anni e resta lì. Ma questa è la deformazione di chi fa questo mestiere».

Oggetti strani, nella sua vita Pierre ne ha visti tanti. «Alcuni non so nemmeno cosa siano. Allora li porto al mercato sperando di trovare il cliente che svela l’arcano. E capita sempre. Anche a livello culturale e sociale questo lavoro ti restituisce davvero tanto. Oggi, rispetto a 40 anni fa, sono molto più ricco umanamente grazie a questa vita. Della quale non mi sono mai pentito».

tio/20min/dg
Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-11-28 04:16:57 | 91.208.130.87